Iscr. Reg. Trib. di Padova n. 1920 del 14/12/04
03/02/2011 Newsletter num 278 inviata a 13.241 iscritti

Sostieni legambiente diventa socio

Primo Piano

Contro gli allagamenti subito moratoria edilizia


Legambiente ha realizzato un dossier sui recenti allagamenti e il rischio idraulico della zona Forcellini/Canestrini, in cui dimostra come ulteriore cemento nei terreni verdi attigui al Parco Iris aggraverebbe la situazione. Serve una moratoria edilizia e il trasferimento di cubatura utilizzando i crediti edilizi o la compensazione

Ambiente

Piano clima di Padova: un’occasione sprecata?


Sta per essere presentato il Piano clima della città di Padova e rischia di essere l'ennesima occasione sprecata per uno sviluppo sostenibile. Documento obbligatorio vista l'adesione del Comune al patto dei sindaci, dovrebbe tracciare la strada della sostenibilità ambientale e del risparmio energetico della Padova del futuro.

Democrazia Urbana

Fumetti Clandestini, anche in Italia


Abbiamo letto in anteprima per voi il nuovo fumetto in uscita per la giovane casa editrice padovana BeccoGiallo: è la storia del viaggio di Etenesh, giovane migrante etiope tra i protagonisti del film “Come un uomo sulla terra”

Cemento che ride

Il Portello fa acqua


Come l’IRIS anche il Portello spesso va sotto. Anche lì i cittadini si organizzano. Il 20 gennaio in un incontro organizzato dall’Ass.ne Progetto Portello sulla sicurezza idraulica del quartiere, si è parlato dello stato attuale e dei progetti di miglioramento delle reti fognarie del quartiere.

Media e messaggi

Lies, laboratorio dell'inchiesta economica e sociale

 

A Padova nasce un laboratorio dell’inchiesta economica e sociale che ha l’obbiettivo di fornire strumenti utili all’indagine, per aiutarci nell’analisi della realtà in cui ci troviamo.

Succede in città

Sportello Ambiente all'IKEA


Come migliorare l’efficienza domestica e ridurre le spese; informazioni sui pannelli solari, sulle energie rinnovabili e le tecnologie amiche dell’ambiente. E' lo Sportello Ambiente di Legambiente all'IKEA.

Lo sportello Ambiente è aperto oggi venerdì 4 febbraio (10,00 – 18,30) così come ogni primo venerdì del mese all’ingresso del ristorante del negozio. Il servizio è gratuito e vi si può accedere liberamente. Inoltre ai soci IKEA Family e IKEA Business sarà riservata, previo appuntamento, una vera e propria consulenza personalizzata. Un esperto di Legambiente determinerà i consumi effettivi delle abitazioni e valuterà i possibili interventi specifici per il risparmio energetico.

Una esperienza consolidata da anni nella nostra città che ha fatto scuola tanto da essere esportata in tutti i negozi IKEA d'Italia a partire dallo scorso 30 gennaio.


Primo Piano

Contro gli allagamenti subito moratoria edilizia


Legambiente Padova ha realizzato un dossier sui recenti allagamenti e il rischio idraulico della zona Forcellini/Canestrini, in cui dimostra come ulteriore cemento nei terreni verdi attigui al Parco Iris aggraverebbe la situazione. Serve una moratoria edilizia e il trasferimento di cubatura utilizzando i crediti edilizi o la compensazione.

Ecco in sintesi i contenuti del dossier (clicca qui per scaricarlo)

Gli allagamenti di via Canestrini - Eventi imprevedibili assolutamente prevedibili

Nell’arco di pochi mesi a Padova si sono avuti due grandi allagamenti a seguito di forti piogge: settembre 2009 e maggio 2010. L’area più colpita è stata quella del cosiddetto bacino Forcellini-Canestrini-Crescini. La pioggia più importante, quella del 12 maggio 2010, ha fatto registrare una precipitazione di 40,6 mm d’acqua in 30 minuti. Secondo i dati del centro Meteorologico di Teolo, di eventi simili per intensità e durata, nella provincia di Padova se ne sono registrati 20 negli ultimi sei anni, 15 dei quali con valori uguali o superiori ai 40 mm e con punte superiori addirittura ai 50 mm. Non quindi eventi eccezionali e imprevedibili ma fenomeni che ultimamente si sono registrati con una media di almeno due volte all'anno nel territorio padovano.

I costi per la comunità

Le domande di risarcimento danni per i due allagamenti ammontano a circa 3,5 milioni di euro, e prevengono principalmente da cittadini dalla zona Forcellini-Canestrini-Crescini. Come spiega il dossier i danni in realtà superano tale cifra.

Rischio e cemento in zona Iris

L’area Forcellini-Canestrini-Crescini è un vero e proprio catino, formato da terre basse racchiuse dalle sponde degli argini Scaricatore e San Gregorio che impediscono il deflusso delle acque che vi si accumulano. Per questo motivo la zona è definita come “estremamente vulnerabile dal punto di vista idraulico” dal Consorzio di Bonifica Bacchiglione. Motivo per cui alcuni terreni, erano stati destinati a verde pubblico dal precedente Piano Regolatore del Comune. Infatti quando il suolo è reso impermeabile da strade, tetti, piazzali,… l’acqua piovana non viene più assorbita dal terreno ma perviene rapidamente ai canali e agli impianti idrovori. La portata scaricata da un’area urbana è anche 20 volte superiore rispetto a quella di un’area agricola.

Il Prg stato però modificato consentendo l’edificazione delle aree verdi e avvallando indecorose operazioni speculative.

Le soluzioni

Nemmeno di fronte alle evidenze degli allagamenti l’amministrazione sembra voler frenare la cementificazione. In particolare, nei terreni attigui al Parco Iris, compresi tra via Forcellini e via Canestrini, dopo i recenti 135 appartamenti Erp, ora si vogliono costruire altri 100 appartamenti.

Il consiglio comunale del 12 luglio 2010 ha approvato alcuni interventi in zona: il raddoppio dell’idrovora a Voltabarozzo, una nuova idrovora sul canale San Gregorio, il rifacimento ed ampliamento della rete fognaria di via Crescini. Interventi fondamentali per dare una risposta ai ripetuti allagamenti dell’area ma non sufficienti.

Una moratoria edilizia in attesa degli interventi di salvaguardia idraulica è quindi il primo passo da compiere. Serve poi lavorare sulla prevenzione: è particolarmente importante il destino dei terreni verdi attigui al Parco Iris, che vanno salvaguardati creando un grande parco urbano. Per questi motivi, come già indicato nei percorsi partecipati per il nuovo Piano di Assetto Territoriale del Quartiere va trasferita la cubatura prevista in zona Iris, in aree non a rischio e già destinate ad essere urbanizzate, utilizzando strumenti come i crediti edilizi o la compensazione per permettere lo spostamento delle cubature in altre zone,… ma ad oggi non un solo passo in questa direzione è stato fatto dall’Amministrazione Comunale a differenza di quanto avviene in altri comuni della Regione.

In ballo ci sono la salute la sicurezza e la qualità della vita dei cittadini.

Nota: Coerenza contro gli allagamenti

Sotto lo slogan Facciamo argine il Partito Democratico Veneto ha recentemente lanciato una fitta campagna di volantinaggio (vedi qui) in cui si scaglia contro la cementificazione incontrollata del territorio e propone "Subito un'ordinanza che sospenda l'edificazione nelle aree allagate durante l'alluvione del 2010".

L'immediata sospensione delle edificazioni nelle aree a rischio idraulico è un provvedimento urgente contro il dissesto idrogeologico che devasta il nostro territorio. Nel nostro dossier avanziamo la medesima richiesta per i terreni verdi in zona parco Iris, nel catino Forcellini-Crescini, che in pochi mesi è stato allagato per ben due volte in seguito a piogge intense. Attendiamo ora un gesto di coerenza dal Partito Democratico che governa la nostra città affinchè blocchi la cementificazione e si adoperi per trasferire in aree non a rischio la cubatura prevista, come richiesto dai percorsi partecipati coi cittadini dei Quartieri 3 e 4.

Scarica qui il dossier completo

Sandro Ginestri - coordinatore Legambiente Padova


Ambiente

Piano clima di Padova: un’occasione sprecata?


Il Comune di Padova nel maggio scorso ha aderito al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayor) un’iniziativa nata nel 2008 che vuole coinvolgere attivamente le città europee nel percorso verso gli obiettivi del 20-20-20 e della sostenibilità ambientale, passaggio obbligato nella lotta ai cambiamenti climatici, impegnandosi a ridurre le emissioni di CO2 in ambito locale del 20%.

Padova e Verona, le uniche due città capoluogo di provincia in Veneto, che hanno aderito al patto dovranno predisporre il Piano di Azione che porti al raggiungimento degli obiettivi.

Con un ottimo lavoro da parte degli uffici, il Comune di Padova ha redatto il piano, attualmente in fase di presentazione prima di essere sottoposto all'approvazione del Consiglio, ma le azioni di mitigazione contenute, almeno per come le conosciamo oggi, rischiano di essere inadeguate e disconnesse tra di loro.

Sebbene il documento preveda di raggiungere l'obiettivo anche in anticipo rispetto al 2020, notiamo come siano inseriti gli interventi approvati dall’amministrazione che hanno un effetto positivo sulla riduzione delle emissioni, come la possibilità di creare le linee del tram SIR2 e SIR3, ma non vengono considerati gli aumenti dovuti ad altre decisioni che hanno un effetto negativo come, per esempio, l'incremento della cubatura immobiliare prevista da PAT e PATI o la creazione di parcheggi in centro storico che promuoveranno, inevitabilmente, l’utilizzo dell’auto privata a scapito dei mezzi pubblici.

Nella stesura del piano clima, inoltre, si può notare un'adeguata programmazione nell'impiego sulle rinnovabile e sull'educazione ma non si può dire che vi sia una regia generale per ciò che riguarda i settori dell'urbanistica e della mobilità.

In particolar modo per quanto riguarda il settore dell’edilizia privata risulta un'assoluta mancanza di programmazione sulla qualità degli edifici e sul loro consumo energetico, il rammarico più grande è la sensazione che non si voglia avviare nessun percorso partecipato per la creazione di un vero e proprio regolamento energetico degli edifici che abbia degli obiettivi precisi sulla quantità del risparmio e sull'aumento del confort abitativo.

Per quanto riguarda la mobilità, invece, all'interno del piano clima non vi è nessuna previsione e programmazione rispetto allo "split modale" (le modalità ed i mezzi con cui si dovranno muovere le persone) auspicabile per il 2020 e su come raggiungerlo.

Sono proprio questii due temi che sono centrali nei piani presentati da altre grandi città come Torino o Bolzano che hanno colto l'occasione di utilizzare lo strumento come un documento programmatico. Torino per esempio, nel suo piano di azione, prevede una sorta di riqualificazione energetica obbligatoria degli edifici meno efficienti, Bolzano (che parte da un dato di emissione procapite simile al nostro), invece,si pone come obiettivo nel 2050 di arrivare a 2t/ab (Padova prevede di scendere solo a 7t/ab nel 2020) e per farlo punta su un piano molto severo di sviluppo della mobilità e di riqualificazione energetica di interi quartieri.

Insomma se il piano non viene rivisto ed assunto come un impegno, oltre che del settore ambiente, dai settori urbanistica, edilizia e mobilità rischia di essere un occasione sprecata per uno sviluppo sostenibile della città.

La possibilità di agire sul piano clima è ancora aperta, non si può sprecare anche quest'opportunità, utilizzando con un vero percorso partecipato e con la collaborazione di tutti si può immaginare una Padova del futuro migliore di quella a attuale. Magari una PadovAzeroCO2.

Piero Decandia - segreteria Legambiente Padova


Democrazia Urbana

Fumetti Clandestini, anche in Italia


“Vediamo trascorrere, nei volti dei personaggi del libro, la paura, il dolore, lo spaesamento, l’offesa della violenza, delle torture, degli stupri, le lacrime dei pianti non risarciti dal conforto. La storia di Etenesh, in queste pagine, si fa affresco dell’infamia del nostro mondo che sacrifica all’egoismo dei nostri privilegi le vite di nostri simili che hanno l’unica colpa di essere nati nel posto sbagliato.”

Così Moni Ovadia presenta nella sua prefazione l'ultimo libro a fumetti di BeccoGiallo: “Etenesh, l'odissea di una migrante”. Lo abbiamo letto in anteprima per voi, uscirà questo mese in tutte le librerie per BeccoGiallo, www.beccogiallo.it, giovane casa editrice padovana che si autodefinisce “piccolo esperimento di Resistenza Editoriale”: “Il becco giallo” era in origine una coraggiosa rivista satirica degli anni Venti, più volte censurata dal Regime fascista. Il nostro lavoro è un omaggio a quell'esperienza lontana,” spiega Guido Ostanel, direttore editoriale della casa editrice con Federico Zaghis.

Ora, da qualche anno, esiste un intero catalogo di soli fumetti dedicati a storie “sociali”, come Porto Marghera, il disastro di Chernobyl, il delitto Pasolini, l'uccisione di Ilaria Alpi, la strage di Ustica, Piazza Fontana, Peppino Impastato. Giovani autori, da ogni parte d'Italia, che scelgono di raccontare realtà spesso delicate attraverso il disegno.

Prosegue Ostanel: “Perché raccontarle attraverso il cinema o la televisione, allora? Il fumetto non è un genere (o peggio, un sottogenere) di qualcos'altro. Il fumetto è un linguaggio vero e proprio, esattamente come il cinema o la televisione: un sistema strutturato di segni verbali e non verbali che al pari degli altri linguaggi può essere utilizzato per intrattenere, informare, fare propaganda, oppure - è il nostro caso - per provare a raccontare la realtà in cui viviamo per non dimenticarla, per poterla trasmetterla alle generazioni future.”

Così tocca a Paolo Castaldi, giovane talentuoso autore milanese (http://paolocastaldi.blogspot.com), prendere carta e matita per andare a conoscere Etenesh e provare a dare nuova eco alla sua incredibile storia, che è una storia di tanti. Etenesh sbarca sulle coste di Lampedusa quasi due anni dopo essere partita da Addis Abeba, in Etiopia. Ha passato il Sudan, il deserto del Sahara, è finita nelle mani di trafficanti di uomini e in un carcere in Libia, ha attraversato il mar Mediterraneo in gommone pensando, a ogni metro, che tutto sarebbe stato vano. Chi lo avrebbe mai detto? Anche a fumetti, si può ricostruire la storia, a futura memoria. “Progetti futuri? Rigorosamente top-secret, ma le proposte non mancano,” conclude Ostanel.

“Una speranza? Quella di non dover fare un fumetto fare chiarezza sul caso Italcementi a Monselice: una vicenda con diversi punti oscuri, su tutte le pagine dei giornali.

a cura di ecopolis


Cemento che ride

Il Portello fa acqua


Giovedì 20 gennaio all’iniziativa dell’Associazione Progetto Portello le questioni locali, riguardanti il Portello, si sono intrecciate al più generale equilibrio idraulico della città di Padova, con la sua incompleta rete fognaria delle acque nere e con una rete delle acque bianche, spesso di tipo misto, che non si sono adeguate negli anniagli incrementi edilizi e alla sistematica riduzione della permeabilità dei suoli. L’intreccio è stato in particolare evidenziato dagli interventi di Lorenzo Cabrelle per Legambiente e Maurizio Ulliana per gli Amissi del Piovego e dalla presenza o dal contributo di consiglieri comunali e Presidenti dei quartieri limitrofi.

I consistenti allagamenti che con periodicità quasi annuale (l’ultimo il 12 Maggio 2010) si verificano in molte aree cittadine ed anche al Portello testimoniano di un equilibrio precario; sullo sfondo inoltre il possibile evento ancor più drammatico, anche se con tempi di ritorno molto maggiori, di piena importante e contemporanea dei due maggiori fiumi e conseguenti straripamenti in ampie zone, in particolare nella zona orientale ed industriale di Padova.

Insomma anche da questo punto di vista si dimostra la necessità di studi, progetti ed investimenti pubblici -questi ultimi certo di non facile reperimento in un periodo di crisi delle finanze nazionali e locali- ma soprattutto di scelte razionali di priorità da parte degli amministratori.

Si aggiunga che anche i comportamenti dei privati e la gestione delle singole unità abitative (aumento della permeabilità delle aree libere; trattenuta e utilizzo nell’abitazione di una parte delle acque piovane; ma anche vasche di laminazione delle acque di pioggia negli interventi privati di una certa consistenza, anche se non inquadrati in piani di lottizzazione) possono avere conseguenze importanti sulle portate di punta richieste alla rete. Si tratta quindi di creare una cultura consapevole e responsabile del nostro rapporto con l’acqua, quella dei fiumi e quella che ci piove dal cielo.

Tornando al Portello: il geom. Fausto Focaccia di Acegas-APS, con un gruppo di giovani ingegneri,ha presentato un interessante studio della rete fognaria del quartiere, basato su una sistematica ispezione dei condotti e della permeabilità dei suoli e sulla simulazione matematica dei deflussi sotto piogge intense con periodi di ritorno di 5 e 20 anni; che confermano pienamente gli allagamenti denunciati dai cittadini nelle zone di via Santa Maria in Conio, via Marzolo, via Portello, vicolo Ognissanti, via Stella e via Orus. Attendibile appare quindi anche la simulazione di una rete modificata (per aumento delle sezioni della rete storica e riattivazione dello scarico sul Piovego del bacino occidentale del quartiere) in grado di ridurre fortemente i rischi di allagamento con investimenti ragionevoli e limitati, se confrontati con i danni e gli inconvenienti passati e futuri, in assenza di intervento.

Gli amministratori presenti (l’Assessore Andrea Micalizzi, il Presidente del Consiglio di Quartiere Centro Filippo Frattina, la Presidente della Commissione Consigliare I Milvia Boselli nelle loro diverse competenze) non hanno potuto che concordare sul progetto e quindi sulla necessità di realizzarlo, ottenendo dalla AATO Bacchiglione i finanziamenti degli stralci successivi già a fine di quest’anno.

Su questi impegni sarà molto vigile l’osservazione dei cittadini e dell’Associazione. E sarà molto vigile nell’osservare che la permeabilità dei suoli non venga ulteriormente compromessa, dopo i recenti interventi edilizi privati e universitari nelle zone critiche di via Gradenigo, via Stella e vicolo Pastori (grande cantiere ancora in corso, con escavazioni anche nel sottosuolo).


Alberto Bernardini, Presidente dell’Associazione Progetto Portello


Media e messaggi

Lies, laboratorio dell'inchiesta economica e sociale


A Padova è nato un laboratorio dell’inchiesta economica e sociale che ha l’obbiettivo di fornire strumenti utili all’indagine, per aiutarci nell’analisi della realtà in cui ci troviamo. Ogni giorno siamo bombardati da una mole pressante di notizie, immagini, storie, racconti che si affollano nella nostra mente e rallentano, allo stesso tempo, la capacità di comprenderne e di coglierne gli aspetti più importanti, disorientandoci.

“Quello che manca - spiegano i promotori del laboratorio - sono delle cornici che possano dare una senso al flusso incessante di informazioni che sommergono e ci rendono sostanzialmente passivi. Fare inchiesta è un modo per dare dignità e riconoscibilità ai fatti sociali, alle piccole esperienze come ai grandi fatti globali. Ridare un significato alle cose e un loro posto nel mondo”.

L’obbiettivo di LIES è acquisire conoscenze che siano in grado di fornire capacità di analisi risvegliando la contraddizioni chetate e le coscienze azzittite.

Il laboratorio si articola in incontri tematici e lavori sul campo, l’iniziativa è fatta in collaborazione con la redazione del settimanale Carta, l’ASU, associazione degli studenti universitari di Padova e la rivista lo Straniero.

Gli incontri si svolgeranno da marzo a maggio con un massimo di 25 partecipanti e una quota di iscrizione pari a 80 euro e 60 euro per studenti e precari. Per iscriversi ed avere maggiori informazioni: www.estnord.it/lies.

 

a cura di Roberta Di Luca, ecopolis


Succede in città


>>>Venerdì 4 Febbraio

“Sior Tita paròn” commedia di beneficienza per il Congo – organizzata dall'Associazione SOS Solidarietà Organizzazione Sviluppo – presso il Piccolo Teatro in Via Asolo n.2 alle ore 21.00 - commedia in tre atti di Gino Rocca. Il ricavato della serata sarà destinato alla Casa Famiglia St. Pierre ad Isiro in Congo – per informazioni info@sosafrica-pd.org, tel. 049754920

Conferenze sulla giustizia penale internazionale nell'ambito delle celebrazioni dedicate a Giorgio Perlasca – organizzate dalla Fondazione Giorgio Perlasca – presso il Centro Culturale Altinate/San Gaetano in Via Altinate n.71 alle ore 9.30 – Due conferenze, la prima intitolata “La progressiva affermazione di una giustizia penale internazionale” a seguire “Il ruolo della corte penale internazionale” - relatori Beatrice Pisani e Mauro Politi (Corte Penale Internazionale dell'Aia). Modera Simona Pinton (Università di Padova) – per informazioni sito www.giorgioperlasca.it, info@giorgioperlasca.it, cell. 328 1483639

“Storia del carnevale di Venezia” incontro nell'ambito di “Alla scoperta del mondo antico” - organizzato dall'Associazione Gruppi archeologici del Veneto – presso la Casetta del Parco Piacentino in Via Piacentino alle ore 21.00 – relatore Alberto Olivi – ingresso libero – per informazioni sito www.gruppiarcheologicidelveneto.it, gadvpd@tin.it, tel. 049 8646701

“Donna non rieducabile” spettacolo teatrale – organizzato dall'Associazione Viadelcampo – presso il Teatro Giardino a S. Giorgio delle Pertiche (Pd) alle ore 21.00 – dedicato alla vita della giornalista russa Anna Politkovskaja – di Stefano Massini, con Ottavia Piccolo – biglietto intero/ridotto 14/12 euro – per informazioni e prenotazioni cell. 349 7368623

Concerto della tribute band di Rino Gaetano i Figli Unici – presso il Conamara IrishLand Pub in Via Madonna del Rosario 91a a Torre (Pd) alle ore 21.30 – ingresso libero – per informazioni cell. 339 1100987

Concerto dei LaFayette acoustic blues – presso il Fahrenheit 451 in Via Niccolò Tommaseo 96a alle ore 22.00 - i Lafayette nascono una sera dall’incontro di tre vecchi amici, con l’idea iniziale di riportare attraverso due chitarre acustiche e una voce tutta l’energia evocata da canzoni rock-blues – ingresso libero con tessera Arci

Presentazione del libro “Eva Mameli Calvino” di Elena Macellari - presso la Libreria Feltrinelli in Via S. Francesco 7 alle ore 18.00 - Eva Mameli Calvino è stata una scienziata vissuta tra '800 e '900 conosciuta soprattutto per essere madre del noto scrittore italiano Italo Calvino. Il libro ''Eva Mameli Calvino'' raccoglie pagine autografe e scambi epistolari provenienti da carteggi e collezioni private, che raccontano i suoi viaggi in un'epoca in cui rarissime sono le donne italiane dedite alla divulgazione scientifica – intervengono l'autrice, Luigino Curti e Francesca Favaro – ingresso libero

“Felicità, dialoghi e meditazione” incontro presso Zoo in Via Dietro Duomo 14/1 alle ore 21.00 - Incontro condotto da Roberto Caprio per approfondire la natura, le cause, gli ostacoli e le modalità di realizzazione della felicità – ingresso libero

“L'antichissima arte del massaggio” conferenza pubblica – presso il Centro studi SYN in Via Chiesanuova 242b alle ore 21.00 - conferenza aperta a tutti sull'educazione al Contatto e le implicazioni pratiche in ambito socio-sanitario, educativo, familiare e per la coppia - intervengono Sergio Signori e e Giampaolo Cogo – ingresso libero – per informazioni tel. 049 8979333

>>>Sabato 5 Febbraio

“Vecchi e nuovi saperi strategici sui processi di pensiero e di apprendimento” convegno – organizzato dall'associazione Angeli – presso il Teatro Palladio a Fontaniva (Pd) alle ore 9.00 – il titolo completo del convegno è "Vecchi e nuovi saperi strategici sui processi di pensiero e di apprendimento. Introduzione al pensiero di Reuven Feuerstein e alla teoria della Modificabilità Cognitiva Strutturale" – per informazioni roberto.marenduzzo@alice.it, tel. 049 5940815, cell. 340 3337517

“Va dove ti porta il piede” spettacolo teatrale nell'ambito della rassegna “T come Teatro” - organizzata dalla Compagnia teatro della Gran Guardia – presso la Sala Polivalente San Carlo in Via Carlo Agostini alle ore 21.00 - la Compagnia Teatro dei Piedi di Roma mette in scena uno spettacolo speciale e diverso dal solito. Laura Kibel è un'artista che con la sua fantasia stupisce il pubblico, i suoi piedi danno vita a personaggi che vivono, agiscono, pensano – ingresso intero/ridotto (studenti e over 70), 7/5 euro – per informazioni www.teatrodellagranguardia.it, tel. 049 692110

“Imprò – Allievi vs. Maestri” spettacolo di improvvisazione organizzato dall'Ass.ne CambiScena – presso il Teatro Polivalente in Via Donati 1 ad Abano Terme (Pd) alle ore 21.30 - l'allievo supererà il maestro? Due squadre e dieci improvvisatori di fronte ad un giudice, creeranno in scena storie sempre diverse, nuove, divertenti e sempre con l'aiuto del pubblico che, accompagnato dal presentatore, suggerirà i temi delle scene improvvisate e voterà – ingresso 7 euro

Concerto dei Bube Sapràvie musica etnica – presso la Mela di Newton in Via della Paglia 2, di sera – il gruppo che propone suggestioni che spaziano dal nuovo tango argentino al klezmer, alla musica popolare Est-Europea fino a originali composizioni etno-jazz. Bube Sapràvie è un progetto artistico nato dall’incontro di Nereo Fiori (fisarmonica), Riccardo Marogna (clarinetti) e Luca Nardon (percussioni) – ingresso libero con tessera Arci

“La bottega dei travestimenti” laboratorio per bambini – organizzato da Cartastraccia – presso la Libreria Lovat al Parco Commerciale Padova Est alle ore 16.00 - In preparazione al Carnevale, Cartastraccia propone storie per trasformarsi divertendosi. Costruendo maschere e travestimenti si mangiano anche delle buone frittelle! Incontro organizzato per tutti i bambini e le bambine dai tre anni in su – ingresso libero – per informazioni tel. 049 774476

>>>Domenica 6 Febbraio

Giro in bici con visita “Le scolette di Padova nel '500” nell'ambito di alla scoperta della PadovaInvisibile 2011 – promosso da FIAB (Amici della Bicicletta di Padova) in collaborazione con Comitato Mura di Padova, Lo Squero, Italia Nostra, Legambiente, AIEU, Biblioteca Civica, Assessorato alla Cultura – partenza da Prato della Valle davanti all'ex Foro Boario alle ore 9.30, finisce alle 12.30 – le domeniche invernali per vedere, conoscere e rispettare i luoghi dei Carraresi. Questa settimana visitaalla Scoletta del Carmine. I percorsi sono facili, si svolgono all’ interno della città e sono di circa 10 km. Sono adatti a qualsiasi tipo di bicicletta purchè in buone condizioni. È opportuno, per sicurezza, munirsi di lucchetto per bici. In caso di maltempo la manifestazione non avrà luogo – a cura di Renzo Fontana (Italia Nostra) – partecipazione libera e gratuita – per informazioni sito http://www.muradipadova.it/lic/home.html

“Vaccinazioni: parliamo di danni!” convegno – organizzato da Autismo Padova in collaborazione con radio Gamma – presso l'Altaforum di Campodarsego (Pd) dalle ore 10.00 alle 18.00 – ingresso libero – per informazioni email autismo.pd@virgilio.it, tel. 049.864.26.39 o 049.70.07.00

Concerto di pianoforte con musiche di Chopin – organizzato dall'Associazione Amici della Musica – presso la Sala Giganti del Liviano in Piazza Capitaniato alle ore 11.00 – Irene Veneziano esegue vari pezzi di Chopin – biglietto intero/studenti 6/3 euro – per informazioni sito www.amicimusicapadova.org, email info@amicimusicapadova.org, tel. 049 8756763

Spettacolo per ragazzi “Come Pollicino” nell'ambito di “L'incantastorie a teatro” - organizzato dalla fondazione Aida – presso il Teatro ai Colli in Via Monte Lozzo (zona Brusegana) alle ore 16.30 – biglietti adulti/ragazzi 6/4,50 euro – per informazioni sito www.teatroaicolli.com, email teatroaicolli@libero.it, tel. 049 720298, cell. 349 6461770

Spettacolo di danza tradizionale indiana – presso il Teatrocontinuo San Clemente in Via Messico 304 (zona industriale) alle ore 17.30 -la danzatrice Rosella Fanelli insieme al Maestro Arjun Mishra e al danzatore Anuj Mishra, danno vita ad uno spettacolo tradizionale di danza classica indiana dove gli elementi narrativo-gestuali e ritmici si intreccianoper raccontare le gesta di Shiva, nel suo duplice aspetto maschile e femminile (Shakti). Al suono dei mantra devozionali in Sanscrito i danzatori creano coreografie che narrano i miti dell'antica India – biglietto intero/ridotto 12/8 euro – per informazioni tel. 049 65.02.94

>>>Lunedì 7 Febbraio

Che cos'è e come si organizza una animazione educativa? primo appuntamento di animArciragazzi - organizzato dall'Associazione Educativa Arciragazzi Padova, dal Centro Culturale e Aggregativo Giovanile Ada Negri e dal Progetto Giovani Padova - presso Via Vigonovese 65 dalle 20.00 alle 22.00 - quattro serate formative alla scoperta del mondo della animazioni educative attraverso i metodi e i consigli esperti degli animatori Arciragazzi. Tutte le serate saranno integrate da una parte pratica. Questa settimana: il gioco come strumento educativo, il Metodo Arciragazzi e le 5 domande di Laswell - per informazioni email arciragazzipadova@gmail.com, tel. 3454272618

>>>Martedì 8 Febbraio

Visite guidate al Bastione dell'Impossibile in occasione del 67° anniversario del bombardamento aereo su Padova del '44 – organizzato dal CdQ 5 Sud-Ovest – tra le ore 10.00 e le 15.00 – a cura del Comitato Mura di Padova – per prenotazioni cell. 340 8067360

>>>Giovedì 10 Febbraio

Presentazione del libro “Cuori nel pozzo” di Roberta Sorgato – organizzata dal Centro Sociale Porta Trento – presso la Sala parrocchiale Natività in Via Bronzetti alle ore 16.00 - un pomeriggio dedicato alla presentazione del romanzo "Cuori nel pozzo - Belgio 1956 - Uomini in cambio di carbone", ricostruzione della sciagura dell’8 febbraio 1956 nella miniera “Le Rieu du Coeur” di Quaregnon (Belgio) in cui morirono otto minatori. All'incontro è presente anche l'autrice – ingresso libero

“Sogni verticali” appuntamento del ciclo di incontri dedicati alla montagna e all'escursionismo – organizzato dal Cai – presso il Centro Culturale Altinate/San Gaetano in Via Altinate 71 alle ore 21.00 – incontro con Marino Babudri e Ariella Sain – ingresso libero – per informazioni sito www.caipadova.it, tel. 049 8750842


********


>>>Giovedì 3 e Venerdì 4 Febbraio

"Dalla coscienza individuale alla coscienza collettiva. La giustizia penale internazionale" convegno internazionale – organizzato dal Comune di Padova – presso il Centro Culturale Altinate/San Gaetano in Via Altinate n.71 alle ore 9.30 - ingresso libero – per informazioni email relazioni.esterne@comune.padova.it, tel. 049 8205038 – 8205557

>>>da Sabato 29 Gennaio

Laboratorio di teatro integrato – organizzato dall'Associazione Daccapo Trauma Cranico in collaborazione con MetaArte – presso il Centro Civico Gabelli (zona S. Lazzaro) - Il laboratorio è uno spunto per raccontare la storia di coloro che hanno subito un trauma cranico e che quindi vivono la trasformazione del proprio corpo e della propria voce sulla propria pelle. Durante il laboratorio, aperto a tutti, sono previsti esercizi di attivazione motoria e vocale, giochi di improvvisazione individuale e collettiva, esercizi di relazione con oggetti, nello spazio e di gruppo. Il laboratorio durerà sino a giugno 2011. C'è la possibilità di tirocinio per gli studenti di psicologia – partecipazione gratuita – per informazioni sitowww.daccapo.org,email info@daccapo.org, tel. 3206025274

>>>da Giovedì 3 Febbraio

Corsi di formazione per il progetto “Scoprire, Sperimentare, Agire” - promossi da Amici dei Popoli Padova – sedi e orari vari - Il progetto “SSA” si propone di favorire la crescita di una cittadinanza attiva, consapevole e propositiva nei confronti delle istituzioni, per la costruzione di un futuro sostenibile dal punto di vista sociale ed ambientale. L'iniziativa è rivolta a insegnanti ed educatori delle scuole secondarie di primo e secondo grado. Tre i corsi proposti: “BIODIVERSITA' E SVILUPPO SOSTENIBILE”, dal 4 al 18 febbraio; “IL MIO NEMICO MI SOMIGLIA. Dal conflitto interpersonale al conflitto internazionale”, dal 3 al 17 febbraio; “CINEMA ED INTERCULTURA”, dal 16 febbraio al 18 marzo. Per approfondimenti – per informazioni ed iscrizioni email scuole.adp@gmail.com, tel. 049.60.03.13

>>>da Lunedì 7 Febbraio a Lunedì 28 Febbraio

“animArciragazzi” serate formative sul mondo dell'animazione – organizzate dall'Associazione Educativa Arciragazzi Padova, dal Centro Culturale e Aggregativo Giovanile Ada Negri e dal Progetto Giovani Padova – presso Via Vigonovese 65 tutti i lunedì dalle 20.00 alle 22.00 – quattro serate formative alla scoperta del mondo della animazioni educative attraverso i metodi e i consigli esperti degli animatori Arciragazzi. Tutte le serate saranno integrate da una parte pratica dove si imparerà a fare sculture di palloncini, truccabimbi, laboratori manuali e il gioco del paracadute... I titoli dei quattro appuntamenti sono: “Che cos'è e come si organizza una animazione educativa?”, “Come si gestisce?”, “Come si valuta?” e “Organizzazione Festa di carnevale” - per info: arciragazzipadova@gmail.com, tel. 3454272618

>>>da Mercoledì 9 Febbraio al 24 Settembre

“Il Salotto delle Mamme” incontri per consigliare le neo-mamme – organizzati dall'Associazione Mary Poppins Onlus – presso la Sala Consiliare di Via Curzola 15 - uno spazio dedicato alle neo-mamme con bimbi da 0 a 12 mesi per condividere esperienze, superare le difficoltà, scoprire le potenzialità del proprio bambino, imparare giochi e attività per il suo sviluppo psicomotorio - partecipa con Elisa Magnolo (psicologa) e Giulia Pizzeghello (neuropsicomotricista) – partecipazione gratuita previa inscrizione – per informazioni sito www.cmarypoppins.com, tel. 0498721916

>>>fino a Domenica 6 Febbraio

Mostra interattiva sulla comunicazione audiovisiva – organizzata dal Comune di Padova – presso il Centro Culturale Altinate/San Gaetano in Via Altinate 71 – da lunedì a venerdì dalle ore 17.00 alle 19.00, sabato dalle 15.00 alle 19.00, domenica dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00 - “Spettacoli di luce. Dalla camera obscura alla nascita del cinema” è un viaggio attraverso spettacoli di luce e suono, dalle camere oscure alle lanterne magiche, dal teatro d'ombre ai giochi ottici, dal dagherrotipo al film. Adulti e bambini possono riprovare l'emozione dei pionieri che inventarono i mezzi e i linguaggi delle prime forme di spettacolo audiovisivo e capire la suggestione e la magia alla base del cinema. I materiali in esposizione comprendono macchine, strumenti e immagini originali d'epoca, al fine di far rivivere, con dimostrazioni e brevi spettacoli, l'atmosfera e il fascino della preistoria del cinema – curata da Gianni Trotter – ingresso libero – per informazioni email pedagogico.serviziscolastici@comune.padova.it, tel. 049 820 4024

>>>fino a Domenica 13 Febbraio

Mostra di pittura di Marta Czok “I bambini nella guerra e nella Shoah” - patrocinata dalla Comunità Ebraica di Padova – presso il Palazzo Antico Ghetto Ex Sinagoga Tedesca in Via delle Piazze 28 – tutti i giorni dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 19.00 - "Quando piangono i bambini sono tutti uguali" è la frase che accompagna l'esposizione dei 16 dipinti, ad opera dell'artista di origine polacche, in ricordo dei bambini polacchi di fede cristiana deportati dal Terzo Reich, durante la Seconda guerra mondiale, dei quali si è persa la memoria. Per approfondimenti– ingresso libero – per info www.bambiniguerrashoah.com, email serviziomostre@comune.padova.itovolpeuva.arte@gmail.com, tel. 049 8204546

>>>fino a Domenica 27 Febbraio

“Conosciamo il mondo delle favole” laboratori didattici – organizzati dall'Associazione Fantalica – presso gli Spazi del Mappaluna in Via Bernina 18 tutte le domeniche dalle ore 10.00 alle 11.30 -laboratori artistici dedicati all'intercultura. Vi si svolgono attività didattiche per i ragazzi dai 6 ai 12 anni – partecipazione gratuita previa prenotazione – per informazioni e prenotazioni email fantalica@fantalica.com, tel. 049 2104096, cell. 3483502269

>>> fino a Mercoledì 23 Febbraio

Mostra: “Il senso della biodiversità” un viaggio nella Foresta Amazzonica – organizzata dall’Associazione Amici dei Popoli e l’Ong Vis di Roma – presso l’ex Fornace Carotta in Via Siracusa n.61 – apertura al pubblico di sabato dalle ore 15.00 alle 19.00 - mostra didattica che conduce lo spettatore attraverso un percorso multisensoriale-cognitivo, nell’ambiente della Foresta Amazzonica, riprodotto attraverso suoni, colori, odori, situazioni e stili di vita tipici dei popoli che la abitano. Per approfondimenti. La mostra si rivolge prevalentemente alle classi delle scuole secondarie di primo e secondo grado di Padova e del Veneto. Gli insegnanti interessati alle visite guidate devono contattare l'Associazione Amici dei Popoli – ingresso gratuito – per informazioni sito www.padovanet.it/adp, email mostraglialtrisiamonoi@gmail.com, tel 049 600313, cell. 347 3498098

>>>da Gennaio

È aperto lo sportello “Co-housing Padova” per i giovani che scelgono la coabitazione – organizzato dall'Associazione Amici di Nuovo Villaggio con il finanziamento del CSV – presso Progetto Giovani Padova in Via Altinate 71 il venerdì su appuntamento dalle ore 17.00 alle 19.00 – un progetto con cui giovani operatori vogliono mettere le loro conoscenze in materia di affitti e abitazioni a disposizione di altri giovani che scelgono la coabitazione. Vengono offerti servizi di consulenza destinati sia ai proprietari che agli inquilini che condividono, o intendono condividere, la casa. Allo sportello sarà possibile ricevere consulenza e assistenza per tutte le procedure inerenti la locazione e la coabitazione: apertura, chiusura e modifiche del contratto, registrazioni, suddivisione delle spese, regolamenti, etc. - per info e prenotazioni www.comune.padova.it/infogiovani, email amici_nuovovillaggio@yahoo.it, tel. 0498808014

>>>da Giovedì 10 Febbraio

Lezioni sul Buddhismo con Geshe Ngawang Sangye – organizzate dal Centro Tara Cittamani – presso il Centro Tara Cittamani in Via Lussemburgo 4 - per il terzo anno consecutivo il Ven. Geshe Ngawang Sangye arriva a Padova per condividere le sue conoscenze sul Buddhismo, e vi sarà presente per un mese. Ecco in linea di massima il suo programma. Per informazioni sito www.taracittamani.it, tel. 049 8705657, cell. 349 8790092

>>>Aprile e Maggio

Corsi formativi per una alimentazione sana e un giardino secondo natura nell'ambito della “Scuola di Avviamento e Perfezionamento Culturale” organizzati dal Circolo di Legambiente Limena in collaborazione con il Comune di Limena – ogni corso è composto da 4 incontri serali da tre ore ciascuno - corso “IL CIBO: Incontri sulla sana alimentazione”in aprile – corso “ABITAREBIO4: il giardino secondo natura” in maggio – otto appuntamenti in tutto per riflettere insieme sulle nostre scelte e sulle ricadute che queste possono determinare sull'ambiente e sulla salute. Il corso “IL CIBO” riguarderà la relazione tra cibo e benessere del nostro organismo, le conseguenze per l'uomo e per l'ambiente dell'uso di conservanti, additivi e pesticidi, i metodi di produzione degli alimenti e il modo di riconoscere la qualità attraverso la lettura delle etichette, trucchi e ricette per mangiare sano - “IL GIARDINO SECONDO NATURA” riguarderà invecei metodi per creare un giardino naturale ed ecosostenibile, in modo da ridurre i consumi, migliorare il microclima abitativo e il benessere psicofisico – tenuti da: Prof. Gianni Tanino (biologo, membro del Comitato Nazionale per la Sicurezza Alimentare), Dott.ssa Elena Macellari (paesaggista) – per informazioni ed iscrizioni sito del Comune di Limena, tel. 049 8844314

************************

Gli orari di Salvalarte

I volontari di Salvalarte da vari anni si impegnano nelle aperture di monumenti che altrimenti rimarrebbero inaccessibili.

Oratorio di Santa Margherita via San Francesco 51, orari di apertura: da martedì a venerdì dalle 10.00 alle 12.00, lunedì, giovedì, venerdì e sabato dalle 16.00 alle 18.00

Ponte romano di San Lorenzo chiuso per lavori.

Scuola della Carità via S. Francesco 61, orari di apertura: giovedì e sabato dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 18.00, venerdì dalle 16.00 alle 18.00.

Loggia Palazzo della Ragione solo aperture straordinarie.

Reggia Carraresi via Accademia n.7, orari di apertura: giovedì venerdì e sabato dalle 10.00 alle 12.30

Torre dell'orologio piazza Capitaniato n.19, orari di apertura: venerdì e sabato, turni di visita ore 10.00, 10.30, 11.00, 11.30, gruppi di massimo 10 persone, non c'è possibilità di prenotazione anticipata

*************************

Iscriversi a Legambiente Padova è semplice

Potete venire nella nostra sede in Piazza Caduti della Resistenza n°6 (ex Piazzetta Toselli, capolinea autobus n°9) in orario d'ufficio (sabato e domenica chiuso).

Conto Corrente Postale: potete effettuare un versamento sul c/c postale n. 36037091 con causale: iscrizione 2008 a Legambiente e tipologia socio.

Bonifico Bancario: potete effettuare un versamento sul c/c bancario n. 100125 intestato a Legambiente Volontariato Padova, presso Banca Etica codice Iban: IT 07 Z 05018 12101 000000100125.

Carta di Credito: potete effettuare il versamento tramite carta di credito visitando il nostro sito internet

Quote associative: 10 euro Socio junior fino a 14 anni (riceve Jeyvia mail); 15 euro Socio giovane da 15 a 28 anni (riceve La Nuova Ecologia); 30 euro Socio ordinario (riceve La Nuova Ecologia); 30 euro Socio scuola e formazione (riceve La Nuova Ecologia e la newsletter Formazione Ambiente); 80 euro Socio sostenitore (riceve La Nuova Ecologia e il libro Ambiente Italia); 50 euro Tessera Collettiva per gruppi.

Novità 2011: in regalo la maglietta Nucleare No Grassie a chi viene in sede a tesserarsi; tessera della Cooperativa il Ponte in regalo ai primi 20 iscritti che ne fanno richiesta.

Iscriversi a Legambiente è vantaggioso: presentando la tessera di Legambiente 2011 in numerosi esercizi padovani si ottengono sconti.

 

 

 


Clicca qui per cancellarti dalla newsletter