Iscr. Reg. Trib. di Padova n. 1920 del 14/12/04
24/02/2011 Newsletter num 281 inviata a 13.409 iscritti

Sostieni legambiente diventa socio

Primo Piano

Il Prà tradito


Poche modifiche non sostanziali, eppure la Soprintendenza ai Beni Architettonici dà parere favorevole al progetto di trasformazione del Prato rivisto dopo la prima bocciatura. Le 4 associazioni ambientaliste ribadiscono la loro contrarietà, valutando l’eventualità del ricorso al TAR.

Ambiente

Rifiuti: nella bassa arriva la tariffa equa


Da anni i 58 comuni della bassa padovana sono ai vertici della classifica italiana per la raccolta differenziata. Oggi arriva un’ulteriore innovazione. E’ il SIRV, tecnologia wireless che permette ai cittadini di pagare solo per l'effettiva produzione di rifiuti. Intervista a Simone Borile (Presidente Bacino Padova 3) e Stefano Chinaglia (Presidente Bacino Padova 4).

Democrazia Urbana

Persone disabili, ora tocca a noi!


Il movimento per la Vita indipendente sarà in piazza a Mestre sabato 26 febbraio. Per proseguire la sensibilizzazione sull’assistenza autogestita per una vita indipendente e l’aiuto personale. Ma soprattutto per contaminare forze politiche e sociali affinchè si oppongano ai tagli dei servizi sociali e propongono il potenziamento dei servizi essenziali destinati alle persone con disabilità grave.

Cemento che ride

Consumo di suolo. Uno sbaglio da 1/2 milione di mq


Mezzo milione di metri quadrati in più di zona agricola a cui cambiare destinazione d’uso. Questo l’errore commesso dal comune nel dimensionamento del PAT secondo Legambiente. Errore che aumenta il consumo di territorio agricolo, ancor più ingiustificato ora che l’agricoltura sta tornando ad essere un settore strategico per lo sviluppo economico.

Media e messaggi / Lettera

Campo da calcio privato al posto di alberi e altalene


Riceviamo e pubblichiamo la lettera aperta di Massimo Grassi sugli esprori al parco Milcovich all'Arcella: l'ampliamento del campetto di calcio e la costruzione degli spogliatoi costano il taglio di 20 alberi e l'eliminazione dell'area gioco bimbi. Proprio ora che il parco rinasceva dopo anni di problemi sociali.

Succede in città

Ecomafie (anche al nord) - Il film


Sabato 26 febbraio Legambiente organizza un incontro su “legalità e ambiente”, che si svolgerà alla Sala Paladin del Municipio alle 20.30. Al centro della serata la proiezione del film “Biùtiful cauntri”.

Un film documentario realizzato da Esmeralda Calabria, Andrea D’Ambrosio e Peppe Ruggiero che affronta il tema dell’emergenza rifiuti e dell’inquinamento, con uno sguardo impietoso sulle innumerevoli discariche abusive, sull’ecomafia e le conseguenze di inquinamento causato dagli interessi privati della camorra e dalla connivenza di politici ed amministratori.

In questi anni il Veneto ha assunto un ruolo da protagonista nei traffici internazionali di rifiuti. Il porto di Venezia si rivela, ancora una volta, la testa di ponte di traffici illeciti di rifiuti destinati in Estremo Oriente

Al termine della proiezione interverranno Antonio Pergolizzi, coordinatore dell’Osservatorio nazionale ambiente e legalità di Legambiente e curatore del rapporto annuale sulle Ecomafie dell’Associazione e don Luigi Tellatin direttore di Libera Veneto. Ingresso libero

L’appuntamento rientra nel progetto Baobab – reti di solidarietà per la socializzazione del territorio, organizzato da diverse associazioni, con il contributo dell’Assessorato alla partecipazione del Comune di Padova. Per saperne di più sulla rete Baobab visitate i siti www.comingto2011.it o www.movipadova.it

Teresa Griggio - Vicepresidente Legambiente Padova


Primo Piano

Il Prà tradito


Le associazioni Amissi del Piovego, Italia Nostra, Legambiente Padova ed il Comitato “Andrea Memmo torna in Prà” esprimono il loro netto dissenso nei confronti del parere favorevole della Soprintendenza ai Beni Architettonici relativo alle modifiche al progetto definitivo di trasformazione dell’area dell’ex Foro Boario. Inoltre le associazioni pongono pressanti interrogativi sulle ragioni del vistoso arretramento rispetto al parere negativo espresso il 9 luglio 2010 dalla stessa Soprintendenza, parere allora puntualmente motivato che Comitato e Associazioni condividevano appieno.

La nuova proposta progettuale, presentata dopo la prima bocciatura ed ora accolta dalla Soprintendenza, si limita ad alcune modifiche di scarsa rilevanza, rispetto a quelle che alteravano la facciata del Frontone dell’ex Foro Boario e a prevedere una più decorosa pavimentazione di piazza Rabin (con oneri, però, a carico del comune).

Nessuna sostanziale modifica viene invece prevista per il parcheggio interrato e per il relativo piano viabilistico e degli accessi, che erano stati oggetto di una argomentata valutazione negativa da parte della Soprintendenza nel parere del 9 luglio, e che rappresentano la vera aggressione all’area monumentale del Prato della Valle.

Tali interventi, infatti, favoriranno il traffico di attraversamento che divide il Prà dall’area dell’ex Foro Boario e dal complesso conventuale di Santa Giustina, ed impediranno la riapertura del canale Alicorno, che è parte integrante del Prato della Valle e che va quindi valorizzato come elemento di ricucitura storica ed ambientale degli ambiti che costituiscono l’area monumentale.

Resta da dire che anche le modifiche previste per il recupero funzionale del Frontone presentano, tuttora, elementi fortemente negativi  in quanto, oltre alla discutibile soluzione dei nuovi corpi di fabbrica laterali, prevedono l’eliminazione dei due portici passanti secondari che, oltre a porsi in contrasto con le previsioni del Piano Particolareggiato redatto dal prof. Sergio Crotti, riducono la permeabilità funzionale tra il Prato della Valle e l’ex Foro Boario.

A fronte di queste considerazioni le associazioni Amissi del Piovego, Italia Nostra, Legambiente Padova ed il Comitato “Andrea Memmo torna in Prà”:
 
considerano inaccettabile la soluzione progettuale proposta dalla società concessionaria, in quanto compromette il necessario ed urgente restauro dell’area monumentale che, pur ammettendo l’inserimento di nuove funzioni ed il riutilizzo dei fabbricati esistenti, deve avvenire, secondo criteri di recupero storico e filologico, all’interno di un disegno di ricucitura funzionale dell’intero Sistema del Prato della Valle;

chiedono all’assessore alla partecipazione Silvia Clai  di farsi parte diligente affinché il progetto, possibilmente  integrato da un plastico che lo rappresenti in forma tridimensionale, sia esposto al pubblico in un luogo aperto al libero accesso (si consiglia il portico della Banca d’Italia in via Roma), affinché i cittadini possano esprimere le loro osservazioni. Osservazioni che dovranno essere oggetto di valutazione da parte del Comune in sede di approvazione definitiva del progetto;

si riservano di porre in essere tutte le azioni utili a sensibilizzare l’opinione pubblica e di ricorrere contro il nuovo parere della Soprintendenza, a tutela della salvaguardia dell’area monumentale del Prato della Valle;
 
confermano quanto affermato nel documento conclusivo redatto in esito al convegno Prato della Valle “dal restauro del monumento alla rivalutazione dell’area”, svoltosi presso l’Accademia Galileiana il 27 novembre 2010.

Sintesi a cura della redazione di Ecopolis


Ambiente

Rifiuti: arriva nella bassa la tariffa equa

Da anni i 58 comuni della bassa padovana sono ai vertici della classifica italiana per la raccolta differenziata*. Oggi arriva un’ulteriore innovazione, il SIRV, tecnologia wireless che permette ai cittadini di pagare solo per l'effettiva produzione di rifiuti. Intervista a Simone Borile (Presidente Bacino Padova 3) e Stefano Chinaglia (Presidente Bacino Padova 4).

Buongiorno Presidenti, come nasce l'idea di questo nuovo sistema?
«Da anni ormai si discute a livello nazionale per poter offrire una tariffa che quantifichi con correttezza la quantità di rifiuti prodotti da ogni utenza. Ma i risultati sono ancora scarsi con la tendenza generale a far pagare bollette in base soprattutto alla metratura dell'edificio di residenza o di lavoro e al numero di componenti del nucleo familiare. Da qui è nata l'idea del Sirv».

In cosa consiste nella pratica?
«Ogni utenza ha a disposizione tre “tag” ovvero delle tessere che rappresenteranno il rifiuto secco, umido e verde. Questi tag devono essere applicati ai rispettivi bidoni dell'immondizia che i nostri operatori provvedono a svuotare come sempre».

Com'è possibile rilevare con precisione gli svuotamenti?
«Gli operatori sono dotati di un apparato elettronico delle dimensioni di un palmare, che rileva lo svuotamento del bidone con l'immediato conteggio in fattura. La rilevazione avviene in wireless e l'operatore non deve fare nessuno sforzo aggiuntivo».

E i cittadini? Dovranno cambiare le loro abitudini di conferimento?
«Assolutamente no. Rispetto a prima, hanno il solo obbligo di dover attaccare i tag ai rispettivi bidoni. In questo modo vengono velocizzate anche le operazioni di verifica dei conferimenti non conformi con un miglioramento della raccolta differenziata nel rispetto totale dell'ambiente».

Qual è la tecnologia utilizzata per la rilevazione degli svuotamenti?
«Utilizziamo l'RFID (identificazione a radiofrequenza) che permette l'identificazione automatica di oggetti, animali o persone basata sulla capacità di memorizzare e accedere a distanza a tali dati usando dispositivi elettronici (chiamati tag) che sono in grado di rispondere comunicando le informazioni in essi contenute quando interrogati».

Come funziona la lettura dello svuotamento?
«L'operatore esegue una lettura automatica (senza nessun intervento manuale) dei tag posizionati sul bidone dell’utente. La lettura del tag da parte del ricevitore produce un suono ad alta intensità che annuncia il via libera per le operazioni di carico».

Qual è l'obiettivo del SIRV?
«E' un sistema completamente nuovo ed unico nel suo genere. Il suo punto di forza è proprio la versatilità: con il SIRV, gli utenti non avranno costi maggiorati e non dovranno cambiare le proprie abitudini. Anzi, per la prima volta avranno finalmente una tariffa equa, pagando solo lo smaltimento dei rifiuti prodotti realmente».

Tutti i rifiuti sono interessati dal nuovo sistema?
«Le tessere elettroniche riguardano solo i rifiuti considerati “onerosi” secondo il sistema Padova Tre, ovvero secco non riciclabile, umido organico e verde (erba e foglie). Tutti gli altri rifiuti recuperabili (plastica, vetro, carta, ferro e latta) continuano ad essere gestiti come nel passato senza rilevazione degli svuotamenti, in quanto gratuiti per gli utenti».

Quali sono i vantaggi nell'utilizzo del SIRV?
«Da quest'anno è in vigore il nuovo contratto che prevede anche la disattivazione di alcuni servizi, come ad esempio, la raccolta porta a porta della frazione verde. Un vantaggio davvero considerevole: basti pensare a chi vive in un condominio senza giardino. Prima era costretto a pagare un servizio che non utilizzava».

Ci sarà un numero minimo di svuotamenti da effettuare?
«Come per altri servizi anche la tariffa rifiuti avrà il suo “prepagato” che consisterà in un numero minimo di prestazioni obbligatoriamente offerte dal gestore del servizio. Le prossime iniziative, riguarderanno l'implementazione di altri servizi accessori, come un conto-rifiuti completamente on-line, che permetterà all'utente di tenere traccia di tutte le operazioni di svuotamento effettuate».

Quali sono i Comuni interessati dal nuovo sistema?
«La nuova gestione della raccolta riguarda per ora i Comuni di Agna, Arre, Arzergrande, Bagnoli di Sopra, Battaglia Terme, Brugine, Candiana, Carceri, Casale di Scodosia, Codevigo, Conselve, Correzzola, Granze, Megliadino S.Vitale, Montagnana, Piove di Sacco, Polverara, Ponso, S.Angelo di Piove di Sacco, Solesino, Stanghella e Terrassa Padovana».

Dove si possono reperire ulteriori informazioni su questo sistema?
«Gli utenti per informazioni possono contattare il call-center al numero verde 800.238.389 oppure visitare il nuovo portale http://tag.pdtre.it creato appositamente per fornire assistenza e informazioni riguardanti il nuovo sistema SIRV».

Intervista a cura di Emanuele Masiero


* I 58 comuni della bassa padovana (dall’estense-montagnanense al piovese passando per il conselvano e l’area di Monselice ai piedi dei Colli) sono raggruppati nei Bacini Padova 3 (zona sud-ovest) e Badova 4 (zona sud-est verso Chioggia). Da anni viene effettuata la raccolta porta a porta spinta e la percentuale di differenziata è tra le più alte d’Italia. Il Bacino Padova 3 è l’ottavo (71,7 % di RD, dati 2009), il Padova 4 è il 12cesimo (69,4%).

Democrazia Urbana

Persone disabili, ora tocca a noi!


Sabato la CGIL del Veneto ha organizzato una manifestazione contro i tagli ai servizi socio assistenziali. Sarà  presente Susanna Camusso, segretario nazionale della CGIL.
 
E’ un’occasione straordinaria. Noi ci saremo e ci collocheremo di fronte al palco, con i nostri striscioni e i nostri cartelli, per avere visibilità  e per gridare a tutti, anche alla stessa CGIL, che ci siamo anche noi, persone con disabilità e famiglie costretti ogni giorno a misurarsi con l’ottusa inciviltà di un paese distratto e di un governo che taglia i servizi a bambini, ragazzi adulti e anziani.
La nostra è una battaglia di libertà. E come tutte le battaglie di libertà  richiede partecipazione, impegno e sacrifici. Per noi è infatti difficile, perfino costoso, anche solo partecipare ad una manifestazione. Lo faremo per dire che vogliamo essere artefici della nostra vita e che vogliamo vivere a casa nostra e non negli istituti.

Ci saremo per dire che nessuno deve essere escluso dai servizi educativi e riabilitativi, che non ci devono essere liste d’attesa,  che non si possono ridurre i finanziamenti per il servizio di trasporto ai Centri Diurni ne’, tantomeno, istituire rette per la loro frequenza.
Ci saremo per rivendicare il diritto allo studio, al lavoro, alla mobilità e all’assistenza personalizzata, per conquistare una vita più autonoma e più indipendente.
E’ la nostra lotta per la vita, per una vita degna di essere vissuta anche quando si convive con una grave disabilità - come spesso ci viene ricordato … prima di tagliarci i servizi di cui abbiamo necessità assoluta.
Ci saremo per ribadire che le famiglie vanno sostenute, che i servizi destinati alle persone disabili e alle persone anziane non autosufficienti devono essere potenziati, anche quando la crisi economica si fa sentire. E’ una semplice questione di diritti, tratto distintivo di un paese civile.
Ci saremo per dire che vogliamo liberare i nostri familiari dall’obbligo di assisterci ogni giorno, tutti i giorni dell’anno, tutta la vita. E che vogliamo anche liberarli - quando non saranno più in grado di assisterci – dal pagamento delle rette alberghiere per i nostri ricoveri (che non vogliamo) nelle strutture residenziali.
Ed infine saremo in piazza Ferretto per ricordare, ancora una volta, a chi non vuol sentire, che bisogna per davvero tagliare gli sprechi, le consulenze, gli enti inutili, le clientele e le rappresentanze ... e anche i rappresentanti.
 
Alle persone, alle famiglie, alle associazioni di tutela rivolgiamo l’invito ad essere in piazza e a dare un tocco di disabilità alla protesta. Non lo ha mai fatto nessuno. E’ giunto il momento di farlo. Prendiamoci la scena e facciamo arrivare il nostro messaggio in ogni angolo del paese. Ora tocca a noi.

Flavio Savoldi, Movimento per la Vita Indipendente
Ivano Platolino, Presidente FISH Veneto

 


Cemento che ride

Consumo di suolo. Uno sbaglio da 1/2 milione di mq


Abbiamo chiesto chiarimenti al Settore comunale competente ma, non avendo ancora ricevuta risposta in oltre 10 gg, rendiamo pubbliche le nostre osservazioni e la nostra richiesta di precisazioni nel merito.

Potremmo sbagliarci, ma a nostro giudizio qualcosa non torna nei conti del Piano di Assetto del Territorio (PAT) di Padova adottato dal Consiglio Comunale il 7 aprile 2009. Com’è noto, la legge urbanistica regionale del 2004, prendendo atto dei gravi danni provocati al paesaggio, al sistema idrogeologico ed alla stessa economia della nostra regione dalla abnorme distruzione di suolo agricolo dei decenni scorsi, ha stabilito per il dimensionamento dei nuovi PAT un limite massimo alla trasformabilità delle superfici agricole utilizzate (SAU) in zone con destinazioni diverse da quelle agricole. Detto limite è stato esattamente quantificato, in relazione alle diverse caratteristiche dei comuni veneti, con apposita delibera della Giunta Regionale (allegato A della DGR n. 3150 del 25 novembre 2008): il limite massimo stabilito per il Comune di Padova corrisponde allo 0,65% della SAU.

Tradotto in cifre se - come afferma il PAT di Padova - l’attuale superficie agricola utilizzata nel territorio comunale è pari a 27.867.993 mq, la quantità di SAU sacrificabile alle nuove urbanizzazioni non dovrebbe superare i 181.142 mq. Nella Relazione e nelle norme tecniche del PAT detto limite viene invece elevato a 667.944 mq, quasi mezzo milione di mq in più che - a quanto ci è dato capire - sembrano derivare da un errore di calcolo: nelle tabelle allegate al PAT scopriamo infatti che la percentuale dello 0,65% è stata applicata, anziché alla sola SAU, all’intera superficie territoriale del Comune (pari a mq 93.418.780), incrementando peraltro il valore così ottenuto di un ulteriore 10% (incremento consentito dalla legge, ma solo sulla base di adeguata motivazione).

Questo sovradimensionamento delle aree di espansione urbana ci sembra tanto più grave se consideriamo i seguenti aspetti:
a. La rapida crescita a livello mondiale della domanda di prodotti agricoli, utilizzati sia a fini alimentari che energetici, fa sì che l’agricoltura stia tornando ad essere un settore strategico dello sviluppo e del benessere economico di ogni nazione. La salvaguardia e la valorizzazione degli stessi terreni ancora utilizzati a fini agricoli in ambito periurbano sono oggi uno degli obiettivi strategici di ogni strumento di pianificazione urbanistica che voglia richiamarsi alla sostenibilità ambientale.

b. I dati forniti dai censimenti generali dell’agricoltura (l’ultimo risale al 2000) documentano impietosamente l’enorme, in larga misura ingiustificato consumo di terreno agricolo avvenuto nel nostro comune. Dal 1970 al 2000 la superficie agricola utilizzata (SAU) si è ridotta del 44% e costituisce attualmente non più del 24% della superficie territoriale comunale. Un vertiginoso balzo nella cementificazione del nostro territorio si è avuto soprattutto negli anni ’90, quando il consumo di suolo agricolo è salito da una media di 108.000 mq/anno a ben 879.000 mq/anno: anni nei quali la popolazione anziché aumentare è diminuita di oltre 10.000 unità.

c. Una consistente parte di superficie agraria non è censita come SAU, in quanto complementare alle coltivazioni (boschi, cedui, strade poderali, edilizia rurale e agriturismo, ecc.). Purtroppo la legge regionale non pone un limite all’urbanizzazione di questo territorio, che invece potrebbe essere importante per le costruzione delle reti ecologiche e per potenziare le stesse attività agricole. Il PAT di Padova prevede di utilizzarlo totalmente a fini edificatori: ai 667.944 mq di cui sopra si aggiungono dunque ulteriori 4 milioni circa di mq, destinati alla costruzione di quasi 4,7 milioni di mc di nuova edilizia residenziale (per una irrealistica previsione di un aumento della popolazione residente di circa 24.000 abitanti).

Se la nostra lettura delle norme di legge verrà confermata dagli uffici competenti, riteniamo quanto mai urgente una correzione delle previsioni e del dimensionamento del PAT e si richiede che nel contempo non vengano adottate varianti al PRG vigente che comportino ulteriore consumo di suolo agricolo.


Sergio Lironi - Presidente Onorario Legambiente Padova


ULTIMA ORA: parte di questo articolo è stato pubblicato oggi da un quotidiano locale insieme alla risposta di Luigi Mariani (clicca qui per l’intervento dell'ex assessore all’Urbanistica).

Tesi fumose e preoccupanti, le sue. Risponde che rispetto alla SAU non si tratterebbe di un errore, ma di una precisa volontà della Giunta nell’usare i vecchi parametri (per altro a tempo ampiamente scaduto).

Ma Mariani va oltre, con affermazioni imprecise, sbagliate e numeri incompleti. Non su questioni generiche o di indirizzo sulle quali è lecito avere opinioni differenti, ma su atti amministrativi da tempo deliberati.

Ecco quindi le precisazioni di Legambiente (clicca qui per scaricare) (a.n.r.)

Media e messaggi / Lettera

Campo da calcio privato al posto di alberi e altalene


"Toc toc. Il vostro vicino suona alla porta e vi chiede se gli cedete un pezzo del vostro salotto in cambio del suo sgabuzzino. Accettereste? Ovviamente no. E invece è proprio questo quello che è successo nello scambio d'area tra Comune di Padova e la parrocchia di Sant'Antonino. Il Comune ha ceduto parte del suo salotto buono (la parte del parco Milcovich più lontana dal nuovo cavalcavia ed abbellita da decine e decine di alberi d'alto fusto) per ricevere in cambio un "cul de sac", un fazzoletto di terra ed erbacce che s'incastra tra le mura del vicino cimitero. Ed oltre al danno la beffa: lì, nello "sgabuzzino", c'è anche una demolizione da fare.

Il salotto serve alla Parrocchia per far sgambettare la squadra di calcio. E così, per la felicità di poche decine di maschietti, tutti gli anziani, le donne, i bambini e le bambine della comunità saranno costretti a passeggiare ai piedi del cavalcavia, a respirare i gas di scarico delle automobili.

La devastazione è già cominciata. Venti grandi alberi sono già stati abbattuti. E così questa primavera e quest'estate i bambini e gli anziani saranno privati dell'unica area verde presente nel lato Est dell'Arcella.

Chiediamo alla parrocchia di rinunciare all'avidità delle attività immobiliari e di pensare veramente ai parrocchiani. I parrocchiani non sono quelle poche decine che pagano per giocare a calcio, ma sono le centinaia e centinaia di anime che vivono nel quartiere: sono i vecchi che passeggiano all'ombra dei grandi alberi nella calura dell'estate; sono i ragazzi innamorati che si baciano nascosti nel verde; sono le bambine che giocano "mamma casetta" con le foglie e coi sassi..."

Massimo Grassi

Succede in città


>>>Giovedì 24 Febbraio

L'inchiesta oggi in Italia convegno – presso la Sala degli Anziani di Palazzo Moroni alle ore 16.00 – fra i relatori Goffredo Fofi (direttore Lo Straniero) e Gianfranco Bettin (sociologo, assessore comune di Venezia) – ingresso libero

Proiezione de “Il leone del deserto” e conversazione sulla Libia nell'ambito della rassegna "Incursioni. Cinema e storia d'Italia" – organizzato dal CdQ4 Sud-Est – presso la Sala cinema Fronte del Porto in Via Santa Maria Assunta alle ore 20.30 – la rassegna vuole offrire l'opportunità di una riflessione sui momenti significativi del lungo percorso vissuto dall'Italia e dagli Italiani dall'Unità del 1861 ai giorni nostri. Questa settimana, prima del film di Moustapha Akkad (1980), una conversazione a tema “Il colonialismo: una pagina della nostra storia. Il Governo fascista e l'esercito affrontano (1929-1931) la resistenza libica” – interviene Costantino di Sante (storico) – ingresso libero – per informazioni email cdq4.sudest@comune.padova.it, tel. 049 8808022 - 8205076

“Le magie andine” incontro con Edgar Roca – organizzato dal Cai – presso il Centro Culturale Altinate/San Gaetano in Via Altinate alle ore 21.00 - Ciclo di incontri su tematiche legate alla montagna e all'escursionismo – ingresso libero – per informazioni sito www.caipadova.it, tel. 049 8750842

Presentazione del libro “La forma incerta dei sogni” ultimo incontro de “Il libro nel bicchiere” - presso la Pasticceria Estense in Via Forcellini 76 alle ore 16.30 - si tratta di conversazioni che si tengono in alcuni locali pubblici del quartiere 4 Sud-Est per presentare e parlare di libri. Le presentazioni sono accompagnate dalle lettura di brani a cura dell'associazione Carichi sospesi e del Laboratorio teatrale del liceo Cornaro. Nel corso dell' incontro viene offerto l'aperitivo – ingresso libero

“Opportunità e limiti delle agroenergie: gli impianti di produzione elettrica da biogas” incontro di informazione e discussione – organizzato dall'Associazione Il Moraro di Bagnoli e da Legambiente di Conselve e di Este – presso il Teatro Comunale Goldoni a Bagnoli di Sopra (Pd) alle ore 20.45 – relatori Tiziano Gomiero (Università di Padova) e Flavio De Paoli (agronomo) – ingresso libero

>>>Venerdì 25 Febbraio

“M'illumino meglio, consumo di meno e rivedo le stelle” porte aperte al Planetario – presso il Planetario in Via Cornaro n.1 dalle ore 16.00 - porte aperte al Planetario di Padova in occasione della giornata nazionale sul risparmio energetico. Le proiezioni sono considerate adatte a tutte le fasce d'età. I filmati hanno una durata di un'ora e mezza e si concentrano sul fenomeno dell’inquinamento luminoso e sulle sue possibili soluzioni. Vengono proiettati due filmati distinti: il primo sarà proiettato dalle 16.15 alle 17.45, mentre il secondo dalle ore 19.15 alle 20.45 – le proiezioni sono gratuite – per informazioni e prenotazioni tel. 049 773677

Presentazione del libro “Vorrei dirti che non eri solo” di Ilaria Cucchi – organizzata da Non Solo Spettatori di Este – presso l'Aula Magna del Chiostro San Francesco (ex Collegio Vescovile) in Via Garibaldi a Este (Pd) alle ore 21.00 - il libro, scritto con il giornalista Giovanni Bianconi, racconta la storia del fratello Stefano morto "di carcere", ma parla anche del sistema carcerario sovraffollato, dove le persone perdono la dignità e, a volte anche, la vita… - intervengono l'autrice, Ornella Favero, alcuni detenuti della redazione di Ristretti Orizzonti e l'Associazione Avvocato di strada

“I costi economici e sociali dell'illegalità” incontro pubblico – presso Villa Contarini Ghirardi a Piazzola sul Brenta (Pd) alle ore 17.30 – dopo l'incontro, alle ore 20.00, ci sarà una “cena della legalità” il cui ricavato verrà devoluto alla Cooperativa Terre di Puglia / LIbera Terra – relatori Alberto Cisterna (Magistrato Direzione Nazionale Antimafia) e Marco Arnone (Economista, Università Cattolica di Milano) – per informazioni sito www.avvisopubblico.it

“Uso moderno delle piante per la salute: la gemmoterapia” secondo incontro del corso “Curarsi con le piante” - organizzato dal “Progetto formazione continua” - presso l'Aula Magna del Liceo Classico Tito Livio in Riviera Tito Livio 9 alle ore 16.00 - Per approfondimenti tenuto dal Prof. Dino Bortoluzzi (fitopreparatore) – ingresso libero – per informazioni sito http://formazionecontinua.jimdo.com, email progettofc@libero.it, cell. 377 1781460

“La persona e l'ambiente” incontro dibattito nell'ambito del ciclo “La persona nella Costituzione” - organizzato dalla Scuola di cultura costituzionale dell'Università di Padova – presso l'Aula E del Palazzo del Bo in Via VIII Febbraio alle ore 18.00 – intervengono Marco Giampieretti e Francesco Sandon (Università di Padova), introduce Lorenza Carlassare (Università di Padova), ingresso libero – per info sito www.unipd.it/scuolacostituzionale, email scuolacostituzionale@gmail.com

“I Promessi Sposi” spettacolo teatrale – offerto dalla Compagnia TeatroImmagine – presso il Cinema Teatro Aurora in Piazza Europa a Campodarsego (Pd) alle ore 21.00 - “Non vogliamo offrire uno spettacolo recitato, bensì giocato, offrire il lato festoso del teatro”. Cinque attori si susseguono nel doppio ruolo d’artefice e vittima delle proprie azioni per narrare una storia immortale, ma soprattutto attuale, il tutto coronato dalle allegre note di una fisarmonica – ingresso libero

Concerto dei Lake District – presso il Conamara Irish Land in Via Madonna del Rosario 91a a Torre (Pd) alle ore 21.45 – concerto del gruppo padovano attivo dal 1993. Spaziano dal repertorio celtico-irlandese degli esordi fino a influenze d'oltreoceano con incursioni anche verso il klezmer e la musica mediterranea, con lo spirito e l'approccio della musica da strada. I Lake District sono Diego Marcellan (voce), Francesco Mattarello (chitarra acustica e classica, checcofono , fisarmonica, cori), Piergiorgio De Faccio (basso), Tito Pavan (chitarra elettrica, acustica e classica, tastiere, cori) Sandro Bortolami (percussioni) e Gian Andrea Cappuzzo (batteria) – ingresso libero

Incontro con l'autore di “C'è di mezzo il mare” Pietro Rubaltelli – presso la Libreria Feltrinelli in Via San Francesco 7 alle ore 18.00 - una città caotica e inquinata è contrapposta a un’isola dal fascino rilassante. Una società fondata sul denaro e il potere si scontra con un gruppo di persone ancorate a tradizioni e rispetto. Questi sono i temi attorno i quali si svolge il racconto. Una grande opera minaccia l’isola, e una grande impresa potrebbe preservare la sua unicità salvandola dai turisti – ingresso libero

>>>Sabato 26 Febbraio

“Fantasia d'Oriente” danze mediorientali spettacolo nell'ambito di “Metti una sera... in Musica” – organizzato dall'Associazione Le Stelle del Deserto – presso la Sala Polivalente San Carlo in Via Agostini alle ore 21.00 – biglietto 5 euro – per informazioni tel. 049 8643103;

Concerto dei Village H acoustic blues, bossa e jazz – presso Fahrenheit 451 in Via Tommaseo 96a alle ore 22.00 - i Village H sono un trio acustico che cerca di mescolare sonorità blues, bossa e jazz passando per pezzi propri. Suonano strumenti come chitarre con sonorità acustiche standard e chitarre con accordature aperte, le dobro, tipiche di sonorità blues e country. Le armoniche ed il mandolino completano ed arrichiscono il suono. I Village H sono Michele Enriotti alla chitarra, Hervé Ferrat alle armoniche e Hillary Kurukulaaratchy alle chitarre e percussioni – ingresso libero con tessera Arci;

Concerto di Carnevale con i Polli(ci)ni – presso l'Auditorium Pollini in Via Cassan alle ore 18.00 - in programma musiche di Strauss, Chaikovsky, Meyer, Offenbach, Kander e musiche tratte dal musical Grease – ingresso libero;

Manifestazione a Mestre contro i tagli ai servizi socio assistenziali – organizzata dalla CGIL – presso Piazza Ferretto a Mestre (Ve) alle ore 10.00

>>>Domenica 27 Febbraio

Giro in bici con visita “Padova navigatrice di Astri: da Galileo a Bepi Colombo” nell'ambito di alla scoperta della PadovaInvisibile 2011 – promosso da FIAB (Amici della Bicicletta di Padova) in collaborazione con Comitato Mura di Padova, Lo Squero, Italia Nostra, Legambiente, AIEU, Biblioteca Civica, Assessorato alla Cultura – partenza da Prato della Valle davanti all'ex Foro Boario alle ore 9.30, finisce alle 12.30 – le domeniche invernali per vedere, conoscere e rispettare i luoghi dei Carraresi. Questa settimana visita alla Specola-Torlonga. I percorsi sono facili, si svolgono all’ interno della città e sono di circa 10 km. Sono adatti a qualsiasi tipo di bicicletta purchè in buone condizioni. È opportuno, per sicurezza, munirsi di lucchetto per bici. In caso di maltempo la manifestazione non avrà luogo – a cura di Gabriele Righetto (Legambiente Padova) – partecipazione libera e gratuita – per informazioni sito http://www.muradipadova.it/lic/home.html

>>>Lunedì 28 Febbraio

Proiezione di “Senza pelle” nell'ambito di "4 Incontri a tema a partire da un film" – organizzato dall'Associazione Incontri di Trebaseleghe con il contributo del CSV – presso l'Auditorium comunale di Trebaseleghe (Pd) alle ore 20.45 – secondo incontro dell'originale percorso formativo per volontari impegnati con pazienti psichiatrici. Questa settimana il film di James Mangold (Stati Uniti, 1999) – presenta il Dott. Racchelli – ingresso libero

Concerto dei Tabacco Bruciato musica d'autore – presso Fahrenheit 451 in Via Tommaseo n.96a alle ore 22.00 - Tabacco Bruciato è una formazione dell’Oltrepo pavese che propone musica d’autore originale, ispirata alla canzone d’autore d’oltreoceano. Le inflessioni vanno dal blues al country, i testi sono in italiano. Nel 2010 hanno realizzato il cd ''Punto e basta'', edito dall’etichetta indipendente Ultrasoundrecords. Ospite speciale l’autore cabarettista Dado Tedeschi – ingresso libero con tessera Arci

“Jazzy Suggestion” serata di jazz con stuzzichini sardi – presso Tio Pepe in Galleria Ognissanti 31 alle ore 20.30 – ingresso libero – per info cell. 338 3933867

>>>Martedì 1 Marzo

“La mafia invisibile in Basilicata” incontro con Fabio Amendolara – organizzato dal Coordinamento Libera Veneto – presso la Sala Anziani di Palazzo Moroni alle ore 17.30 - un incontro per approfondire i rapporti tra organizzazioni mafiose e interessi politici in Basilicata, in vista della XVI Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime di mafia, che si terrà quest'anno a Potenza. Interverrà il giornalista della Gazzetta del Mezzogiorno Amendolara, che ha seguito tutti gli eventi di cronaca della Basilicata.

Concerto di Rivulets cantante folk americano – presso la Mela di Newton in Via della Paglia 2 alle ore 21.30 - Rivulets è lo pseudonimo di Nathan Amundson, giovane folksinger americano. Scoperto da Alan Sparhawk, che gli ha anche prodotto i primi due album, è stato inserito dalla critica nel filone sadcore. Rivulets è oggi uno dei migliori esponenti di quel folk acustico e gotico che pianta le radici nell'epoca di Nick Drake. Il suo capolavoro è l'album Debridement – ingresso libero con tessera Arci

Concerto di Massimo Priviero e la sua band per beneficenza – organizzato dall'Associazione Uniti per Crescere - presso il Teatro Verdi alle ore 20.45 – la serata, a sostegno dei bambini con malattie neurologiche del Dipartimento di Pediatria Salus Pueri di Padova e del Baby Hospital di Betlemme, nasce da una collaborazione con il giornalista e scrittore Walter Gatti. Verranno proposte le canzoni di Massimo Priviero, ma anche alcuni grandi classici della tradizione nordamericana. In scena con Massimo Priviero ci sarà la sua band composta da Onofrio Laviola alle tastiere, Michele Gazich al violino, Alex Cambise e Giancarlo Galli alle chitarre, oltre al virtuoso di strumenti scozzesi Keith Eisdale – biglietti da 15 a 25 euro – per info e prenotazioni tel. 049 87770213, cell. 338 3812738

>>>Mercoledì 2 Marzo

“L'uomo del medioevo” conferenza – organizzata dall'Università padovana dell'età libera Auser (Upel) – presso l'Aula magna dell'Istituto P.F. Calvi via S. Chiara n.10 alle ore 15.30 – tenuto dal Prof. Franco Macchi – per informazioni sito www.upelpadova.it, email upel.padova@gmail.com, tel. 049 8640739

>>>Giovedì 3 Marzo

“Alluvioni e dissesto idrogeologico, fatalità o responsabilità” pubblico dibattito – organizzato dall'Associazione Agorà - presso la sala del Consiglio comunale in Piazza Insurrezione a Cadoneghe (Pd) alle ore 20.45 – relatori Dott. Carlo Crotti e Arch. Antonio Draghi – per informazioni sito http://www.associazioneagora.org, email info@associazioneagora.org

“Poesie in musica” con Alberto Hugo Polese – presso la Libreria Feltrinelli in Via San Francesco n.7 alle ore 18.00 - è un progetto del musicista e compositore argentino Polese. Le poesie di Palazzeschi, Saba, Ungaretti e altri grandi poeti italiani del Novecento vengono presentate, recitate e musicate da un ensemble di soprano, violoncello, violino, contrabbasso e cornetta – ingresso libero

************

CORSI, SEMINARI E MOSTRE – iniziative prossime e future

>>>Sabato 26 e Domenica 27 Febbraio

Baobab: reti di solidarietà per la Socializzazione del territorio tanti eventi – presso l'ex scuderia della Fornace Carotta - accanto a stand ed espositori ci saranno seminari, dibattiti, tavole rotonde, mostre fotografiche e proiezioni. Baobab è il titolo del progetto, presentato da una rete di associazioni con capofila la federazione provinciale di Padova del Movimento di Volontariato Italiano, che ha vinto il concorso "On-Air - Partecip'azione in onda" promosso dall'Assessorato alla Partecipazione del Comune di Padova e rivolto alle associazioni iscritte al registro comunale delle libere forme associative. Il baobab è il simbolo delll'obiettivo del Mo.V.I. e della campagna Coming to 2011 di promozione di percorsi di cittadinanza responsabile e di attivazione di processi virtuosi per la gestione del bene comune – per informazioni www.comingto2011.it

>>>da Lunedì 28 Febbraio a Lunedì 4 Aprile

Laboratorio di mimo “Dove ti porta il gesto” - organizzato dall'Associazione Noi di Cristo Re e dal Cinema Rex – presso la palestra a specchi della Parrocchia di Cristo Re in Via S. Osvaldo – ogni lunedì alle ore 21.00 – il mimo Charlie Agostini tiene un corso articolato in 7 lezioni sulle caratteristiche della "comunicazione silenziosa" – per informazioni ed iscrizioni sito www.charliemimocabaret.it, email charliemimocabaret@libero.it, cell. 3474409953

>>>da Martedì 1 a Domenica 6 Marzo

Mostra di quadri e asta pro-alluvionati – organizzata dall'Associazione culturale Xearte – presso il Centro Culturale Altinate/San Gaetano in Via Altinate – mostra tutti i giorni dalle 8.00 alle 20.00, asta domenica 6 marzo dalle 17.00 alle 20.00 - Proposta di solidarietà per la popolazione della nostra città colpita dall'alluvione, con l'associazione culturale Xearte che ha organizzato una raccolta fondi proveniente da un'asta pubblica con la vendita di quadri. L'intero ricavato sarà destinato agli alluvionati – ingresso gratuito – per informazioni sito http://www.xearte.net, email info@xearte.net, cell. 348 3708079 o 335 1205298

>>>da Venerdì 18 Marzo a Sabato 28 Maggio

Corso gratuito “L'insalata era nell'orto...” per imparare a coltivare un orto biologico – organizzato da Legambiente Limena con il contributo del CSV – i 9 incontri si terranno, in linea di massima, di venerdì sera e sabato mattina – lezioni teoriche presso la Sala Polivalente Edificio RIAB in Via Bortoletto 55 a Limena (Pd), lezioni pratiche sul territorio di Limena - si avrà modo di apprendere e mettere in pratica i principi base della coltivazione degli ortaggi in armonia con l’ambiente che ci circonda: queste tecniche, se diffuse nel territorio, possono rappresentare un valido strumento di presidio e cura della terra, una risposta alla tendenza all’abbandono o alle monocolture di mais che stressano il terreno. Contemporaneamente è l’occasione per recuperare un patrimonio culturale del saper fare che è conservato nelle manualità e nell’esperienza degli anziani ma che rischia di andare perduto nell’arco di una sola generazione. Il corso si conclude con una visita didattica ad una realtà aziendale padovana – relatori Silvia Ferro e Luca Masiero - venerdì 25 febbraio alle 20.45, presso la sede delle lezioni teoriche, si terrà la presentazione del corso e la contestuale apertura delle iscrizioni – in alternativa ci si può iscrivere, a partire dal 26 febbraio, fino a esaurimento posti disponibili, scrivendo a segreteria@legambientelimena.it specificando nome, cognome, luogo e data di nascita, indirizzo di residenza, recapito telefonico – il corso è gratuito – per informazioni sito www.legambientelimena.it

>>>fino a Domenica 27 Febbraio

“Conosciamo il mondo delle favole” laboratori didattici – organizzati dall'Associazione Fantalica – presso gli Spazi del Mappaluna in Via Bernina 18 tutte le domeniche dalle ore 10.00 alle 11.30 - laboratori artistici dedicati all'intercultura. Vi si svolgono attività didattiche per i ragazzi dai 6 ai 12 anni – partecipazione gratuita previa prenotazione – per informazioni e prenotazioni email fantalica@fantalica.com, tel. 049 2104096, cell. 3483502269

>>>fino a Lunedì 28 Febbraio

Mostra fotografica “Donne e Lavoro” - organizzata dal comune di Este in collaborazione con CGIL – presso la Sala Delmo Veronese a Este (Pd) – domenica 20, mercoledì 23 e domenica 27 febbraio dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 17.00 alle 19.00 - “Percorso fotografico di testimonianza della creatività e della tenacia delle donne, anche in periodi di crisi lavorativa ed economica come quello che il nostro paese sta vivendo”

>>>entro Sabato 12 Marzo

Iscrizione al “1° ciclo di lezioni sulla Storia delle Arti Applicate” - organizzato dall'Associazione Amici del Gradenigo in collaborazione con il Comune di Piove di Sacco, l'Università di Padova e la Provincia – martedì 15, 22 e 29 marzo - presso il Centro piovese di arte e cultura a Piove di Sacco (Pd) alle ore 20.45 – il corso è aperto a tutti - a cura dalla Prof.ssa Giovanna Baldissin Molli – per informazioni e iscrizioni www.amicigradenigo.org, email artiapplicate2011@amicigradenigo.org, cell. 342 1687650

>>>entro Sabato 26 Marzo

Partecipazione al concorso d'arte ambientale “RICICLARTI. Cantiere d'arte ambientale” IV edizione – organizzato dall'Associazione Arteria con il patrocinio del Comune di Padova – la manifestazione si terrà presso l'Ex Macello in Via Cornaro dal 26 maggio al 26 giugno - la rassegna mette a confronto diversi approcci e linguaggi artistici: da un lato riflessioni e indagini per focalizzare situazioni, comportamenti e prassi individuali e sociali, con particolare attenzione alle trasformazioni del territorio e quindi dell'ambiente; dall’altro indagini sulle possibilità del riuso attraverso creazioni pensate e strutturate secondo logiche energetiche e comportamentali all’insegna della sostenibilità. Gli artisti e i designers interessati a partecipare a Riciclarti 2011, sono invitati a proporre opere aderenti al tema, senza limiti di materia o di tecnica. La qualità, la ricerca, l'innovazione, la contemporaneità ed il rispetto dei parametri indicati saranno i criteri fondamentali della selezione per tutte e due le sezioni – per informazioni sito www.riciclarti.it

>>>entro Lunedì 18 Aprile

Invio opere per il concorso fotografico “Respirando (Breathing)” - organizzato dalla Fondazione Zoe, patrocinato da FIAP e FIAF – è la prima edizione di questo concorso fotografico internazionale. L'iniziativa, rivolta a tutti i cittadini di qualunque nazionalità, è stata pensata per approfondire il tema del respiro nella rappresentazione per immagini. Ogni opera sarà vagliata da una Giuria presieduta da Pietro Masturzo, il vincitore del "World Press Photo Contest" 2009, con il famoso scatto del grido di protesta delle donne iraniane dai tetti di Teheran – per informazioni www.fondazionezoe.it

>>>fino a Domenica 6 Marzo

Mostra “Viva gli anziani! Un'alleanza tra le generazioni” - organizzata dalla Comunità di Sant'Egidio – presso il Centro Culturale Altinate/San Gaetano in Via Altinate – tutti i giorni tranne il lunedì, dalle ore 10.00 alle 19.00 – la mostra raccoglie le 29 fotografie segnalate e premiate, da una giuria internazionale, della IV edizione dell'omonimo concorso fotografico della Comunità di Sant’Egidio. Il concorso nasce dalla convinzione, della Comunità di Sant’Egidio, che è impegnata nella difesa della dignità umana degli anziani, che gli anziani siano un valore aggiunto ed un tesoro per la società e non un peso – ingresso gratuito – per informazioni sito www.santegidio.org, email info@santegidio.org, tel. 06 8992234

>>>da Venerdì 25 Febbraio

Difficoltà di apprendimento: corso gratuito per volontari – organizzato dall'Afi di Monselice in collaborazione con il CSV – presso la Scuola Media Zanellato a Monselice (Pd) dalle ore 20.30 alle 22.30 – 4 incontri: venerdì 25 febbraio, venerdì 11 e mercoledì 16 marzo e venerdì 1 aprile – un percorso sulle difficoltà di apprendimento, per i volontari impegnati nel sostegno scolastico pomeridiano a bambini italiani ed immigrati – tenuto dalla Dott.ssa Martina Pedron (psicologa, esperta in difficoltà di apprendimento, Università di Padova) – la partecipazione è gratuita – per info ed iscrizioni: afimonselice@afifamiglia.it, cell. 349 2866298

>>>da Martedì 1 Marzo

Lezioni di estetica e trucco dopo terapie impegnative – organizzate dall'Associazione Volontà di Vivere – ogni 15 giorni - presso la Sede dell'associazione in Via Paruta 32 alle ore 15.30 – lezioni dedicate in particolar modo a chi deve riprendere confidenza con il proprio corpo dopo terapie impegnative – per informazioni ed iscrizioni sito www.volontadivivere.org, email associazione@volontadivivere.org, tel. 049 8025069

>>>da Martedì 1 Marzo

“Corso di formazione e aggiornamento per volontari e simpatizzanti Avo” - organizzato da Avo Este con il contributo del CSV – presso la Sala Caduti Nassiriya in Vicolo Mezzaluna a Este (Pd) alle ore 18.30 – 5 incontri – partecipazione gratuita – per informazioni ed iscrizioni sito www.avoeste.altervista.org, email avoeste@gmail.com, cell. 3271869009

>>>da Giovedì 3 Marzo

“Genitori Raccontastorie” corso gratuito per volontari – organizzato dall'Afi di Monselice in collaborazione con il CSV – tutti i giovedì del mese – presso la Ludoteca La Fabbrica delle Coccole a Monselice (Pd) dalle ore 20.30 alle 22.30 – percorso di incontri allo scopo di formare un gruppo di volontari disponibile ad animare il Dipartimento di Pediatria degli Ospedali, le feste nei Quartieri o in Parrocchia. Il corso è aperto a genitori che si vogliono divertire a raccontare storie ai loro bambini, di qualsiasi età. A conclusione dell'esperienza formativa, domenica 3 aprile si terrà lo spettacolo a titolo "Pinocchiando" – tenuto da Alberto Riello (insegnante, attore) – la partecipazione è gratuita – per informazioni ed iscrizioni email afimonselice@afifamiglia.it, cell. 349 2866298

**********************************

Gli orari di Salvalarte

I volontari di Salvalarte da vari anni si impegnano nelle aperture di monumenti che altrimenti rimarrebbero inaccessibili.

Oratorio di Santa Margherita via San Francesco 51, orari di apertura: da martedì a venerdì dalle 10.00 alle 12.00, lunedì, giovedì, venerdì e sabato dalle 16.00 alle 18.00

Ponte romano di San Lorenzo chiuso per lavori.

Scuola della Carità via S. Francesco 61, orari di apertura: giovedì e sabato dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 18.00, venerdì dalle 16.00 alle 18.00.

Loggia Palazzo della Ragione solo aperture straordinarie.

Reggia Carraresi via Accademia 7, orari di apertura: giovedì venerdì e sabato dalle 10.00 alle 12.30

*************************

Iscriversi a Legambiente Padova è semplice

Potete venire nella nostra sede in Piazza Caduti della Resistenza n°6 (ex Piazzetta Toselli, capolinea autobus n°9) in orario d'ufficio (sabato e domenica chiuso).

Conto Corrente Postale: potete effettuare un versamento sul c/c postale n. 36037091 con causale: iscrizione 2008 a Legambiente e tipologia socio.

Bonifico Bancario: potete effettuare un versamento sul c/c bancario n. 100125 intestato a Legambiente Volontariato Padova, presso Banca Etica codice Iban: IT 07 Z 05018 12101 000000100125.

Carta di Credito: potete effettuare il versamento tramite carta di credito visitando il nostro sito internet

Quote associative: 10 euro Socio junior fino a 14 anni (riceve Jeyvia mail); 15 euro Socio giovane da 15 a 28 anni (riceve La Nuova Ecologia); 30 euro Socio ordinario (riceve La Nuova Ecologia); 30 euro Socio scuola e formazione (riceve La Nuova Ecologia e la newsletter Formazione Ambiente); 80 euro Socio sostenitore (riceve La Nuova Ecologia e il libro Ambiente Italia); 50 euro Tessera Collettiva per gruppi.

Novità 2011: in regalo la maglietta Nucleare No Grassie a chi viene in sede a tesserarsi; tessera della Cooperativa il Ponte in regalo ai primi 20 iscritti che ne fanno richiesta.

Iscriversi a Legambiente è vantaggioso: presentando la tessera di Legambiente 2011 in numerosi esercizi padovani si ottengono sconti.


Clicca qui per cancellarti dalla newsletter