Iscr. Reg. Trib. di Padova n. 1920 del 14/12/04
3/5/2012 Newsletter num 335 inviata a 14979 iscritti

Dona il tuo 5 per 1000 a Legambiente

Primo Piano

Fusione Sita-Aps: un'occasione da non sprecare


E' ormai probabile una fusione fra le due aziende di trasporto pubblico della Provincia di Padova Aps-Holding e Sita, per il mantenimento in house del servizio per tre anni: il trasporto rimarrebbe in mano pubblica senza la necessità di andare a gara. Si tratta di una grande occasione.

Ambiente

Adotta una ciclabile: primi risultati, ma...


Ancora molto lavoro da fare in città, a due mesi dall’avvio della campagna Adotta una ciclabile, esistente o potenziale. Dal Comune alcuni segnali buoni, altri preoccupanti: facciamo quindi un primo punto della situazione e invitiamo nuovi volontari a partecipare.

Democrazia Urbana

Il volontariato in movimento: Roma, 1-2-3 giugno


Grande manifestazione nazionale del volontariato a Roma, nei giorni dall'1 al 3 giugno, organizzata dal Movimento di Volontariato Italiano (MoVI). Parteciperanno convinte anche le associazioni padovane. In gioco il nostro futuro, e un mondo più sostenibile e solidale.

Cemento che ride

Selvazzano - come si uccide un territorio


Riassumiamo un intervento di Paolo Cestaro, presidente del comitato Rovereto-Friuli e referente di Legambiente a Selvazzano, che ci spiega l'ingente danno ambientale e sociale insito nella proposta di trasformazione dell’area dell’ex Seminario.

Media e messaggi

Tre libri per l'infanzia


L'educazione è il fondamento della società: vi proponiamo tre libri per l'infanzia che si prestano ad un’interpretazione che valorizza l’ideale della sostenibilità e le buone pratiche sociali e ambientali - con creatività e fantasia.

Succede in città

Balkans window a Porta S.Giovanni


Terzo evento dell'ambizioso progetto "Porta Aperta" che si propone di restituire alla Porta S. Giovanni la funzione per cui è nata: un luogo di passaggio, transito, via vai, andirivieni... apertura verso la città, ma con un valore aggiunto: la possibilità di essere anche uno spazio fruibile tramite allestimento di mostre, installazioni, proiezioni; punto d’incontro per laboratori, dibattiti, conferenze, momenti musicali.
E quindi ecco Balkans windows di Bruno Maran - multiproiezione in quattro atti.

Gli ultimi due si terranno:

venerdì 4 maggio ore 21 A NORD EST DI CHE....LA STRADA DEL CIBO Storie di luoghi, persone, emozioni incentrati sui Balcani. La cucina parla di origini, di legami, di storie che si fondono con Elisabetta Tiveron, storica scrittrice e cuoca. Nicola Fossella, fotografo e blogger. Leonardo Barattin, tour designer e responsabile viaggi Ad est.

martedì 8 maggio ore 21 UN FOTOGRAFO E UNO SCRITTORE SI INCONTRANO Dialogo attorno al libro “Sotto Tiro” di Gianni Ballestrin. Ohrid, era solo un bel lago tra Macedonia, Grecia e Albania dal quale riportare fotografie per un'agenzia turistica… I Balcani sono terra di malinconia e voglia di vivere, di ingenuità infantili e sapienza artigiana, terra di incontri che si rivelano preziosi per affrontare le ombre della vita senza perderne il senso. Le parole sono l'esorcismo con cui sottrarsi alle vampate di braci sempre fatalmente nascoste sotto ogni cenere.

Multiproiezioni continue dalle ore 19.00. Coordina gi incontri Bruno Maran, fotoreporter Stampa Alternativa. In collaborazione con: www.artcontroluce.com


Primo Piano

Fusione Sita-Aps: un'occasione da non sprecare


L'ipotesi di fusione di Aps-Holding e Sita, le due aziende di trasporto pubblico della provincia di Padova, si fa sempre più strada. La fusione sarebbe propedeutica per far rimanere il servizio in affidamento diretto, senza la necessità di andare a gara. Da quella che è una convenienza amministrativa si profila però una grande occasione per il miglioramento del trasporto pubblico.

I punti di svolta sarebbero sostanzialmente due. Il primo in termine di efficienza del servizio. Unificando le corse si potrebbe infatti razionalizzare l'esistente (percorso del resto già iniziato) con il vantaggio di avere più mezzi durante le ore di punta e di morbida e prolungare le corse durante la fascia notturna, con i risparmi effettuati con l'annullamento delle corse doppie. In un esempio: i bus Sita che viaggiano in direzione Piove di Sacco potrebbero sostituire da metà mattina i bus Aps, facendo in questo modo anche il servizio urbano, quantomeno in orario di morbida. La corsa risparmiata da Aps potrebbe essere così “recuperata” in orario di punta, rendendo più frequenti i passaggi, offrendo un migliore servizio ai cittadini.

Il secondo cambiamento sostanziale – e condizione necessaria per il completamento di una vera razionalizzazione – riguarda l'accessibilità. La fusione fra le due aziende sarebbe l'occasione per la realizzazione di una bigliettazione unica su base provinciale, come ha sempre chiesto Legambiente.

Certo, il biglietto unico avrebbe la sua vera realizzazione con l'integrazione fra gomma e ferro: ma l'unificazione di biglietto fra le due aziende di trasporto su gomma è condizione preliminare a ciò, anche considerato che la società proprietaria di Sita sono le Ferrovie delle Stato.

Queste due possibilità, sia chiaro, non sono condizionate dalla fusione. Avrebbero potuto essere sviluppate anche nello scenario attuale, in un accordo fra le due aziende. Invece finora ha prevalso un atteggiamento di difesa della propria utenza e dei “propri” km di percorrenza (visto che il finanziamento regionale su quello si basa) e la politica (Comune e Provincia) non ha mai voluto forzare in questa direzione.

Ma stante la situazione Legambiente sottolinea la grande occasione che si trova di fronte il trasporto pubblico padovano: la fusione non si deve limitare alla elaborazione di un piano industriale, ma dovrà cercare di implementare l'offerta di trasporto pubblico, ancora più necessaria in un periodo in cui Governo e Regione Veneto stanno tagliando in maniera acritica e senza precedenti i finanziamenti al trasporto pubblico, incuranti del peggioramento del servizio, dell'aumento dell'inquinamento ad essa connesso e della perdita di posti di lavoro che questa scelta comporta.

Per far si che ciò accada diventa fondamentale l'intervento chiaro di Comune e Provincia di Padova. Senza un loro pronunciamento l'occasione che ci si presenta di fronte rischia di diventare l'ennesima occasione sprecata. Ci appelliamo quindi alla giunta comunale e provinciale, nella speranza che diano delle linee guida semplici ma nette: la fusione non sia solo un risparmio in termini economici, ma diventi un'occasione di rilancio del trasporto pubblico. C'è il tempo per farlo.

Legambiente Padova


Ambiente

Adotta una ciclabile: primi risultati, ma...


Nel 2011, dopo anni di progressiva diminuzione, il numero degli incidenti con biciclette coinvolte è tornato a salire in maniera preoccupante (vedi il grafico).

Per questo Legambiente Padova ha promosso la campagna Adotta una Ciclabile, esistente o potenziale, per monitorare lo stato della ciclabilità grazie a cittadini che conoscono bene i problemi dei tragitti che percorrono quotidianamente e che, grazie anche al confronto con i volontari di Legambiente, sono in grado di proporre al Comune soluzioni concrete e praticabili.

E così per quanto riguarda la manutenzione o il completamento delle piste esistenti, in via Raggio di Sole, dopo la segnalazione di Giovanni almeno il problema degli archetti divelti ed abbandonati lungo la pista è stato risolto ed in via San Marco, dove Andrea ha documentato 15 situazioni di disagio o gravissimo pericolo per i ciclisti, l’Amministrazione ha ora dichiarato che interverrà con la massima priorità.

Inevitabili le segnalazioni di piste da realizzare ex novo come quello lungo via della Pace, strada nuova priva di ciclabile e di marciapiede segnalata da Claudio, o lungo via Ca’ Panosso ad Altichiero, in una zona in progressiva urbanizzazione che Michele indica come molto utilizzata dai ciclisti per raggiungere il capolinea del tram. Roberta e Marzio invece chiedono al Comune di dotarsi di una norma che consenta il parcheggio di biciclette nei giardini condominiali mutuando una buona pratica già in uso in altre città come Torino o Milano.

Per leggere le segnalazioni e seguire l’evolversi della campagna, clicca qui.

Alle decine di segnalazione arrivate a Legambiente si aggiungono in questi giorni alcune preoccupanti dichiarazioni dell’assessore alla Mobilità:

- un possibile ripensamento all’introduzione doppio senso di circolazione per le bici in importanti vie del centro storico. Una retromarcia che sarebbe assolutamente inaccettabile;

- l’annuncio di controlli più severi sul divieto di circolazione delle bici nelle rotaie del tram in Corso del Popolo, senza però aprire il confronto a soluzioni alternative efficaci come invece aveva proposto Legambiente ancora alcuni anni fa.

C’è ancora molto da fare per una città davvero bike-friendly e il Comune - che molto ha fatto negli ultimi anni - dovrebbe agire con maggior determinazione nei punti critici della rete ciclabile ancora insoluti. Per tenere alta la guardia aderisci anche tu alla campagna Adotta una ciclabile, inviando nuove segnalazioni o dando la tua disponibilità a supportare il lavoro dei volontari.

Scarica qui la scheda per i rilevamenti o contattaci all’indirizzo s.ginestri@legambientepadova.it

Sandro Ginestri - Coordinatore Legambiente Padova


Democrazia Urbana

Il volontariato in movimento: Roma, 1-2-3 giugno


Le realtà del volontariato padovano saranno partecipi convinte di una grande manifestazione nazionale, Strade Nuove per l’Italia, promossa da MoVI, Movimento di Volontariato Italiano, che si terrà a Roma nei giorni 1-2-3 giugno. Sarà un laboratorio partecipato, a cui sono invitati volontari, associazioni, movimenti e società civile per confrontarsi su ciò che sta accadendo in Italia e sulle responsabilità che abbiamo per il nostro futuro.

L’invito per Padova è partito da Emilio Noaro, presidente del MoVI Veneto, che intende coinvolgere le realtà territoriali della nostra Provincia. Si parlerà tra l’altro di dignità della persona in un mondo dominato dal “valore di mercato”; di giovani, di democrazia, di crisi come opportunità da cui ripartire per costruire un mondo più sostenibile e solidale.

È tempo che la società civile dia vita ad alleanze inedite per realizzare un nuovo progetto di società. Sarà un laboratorio, non un convegno - spiega Emilio Noaro - perché nessuno ha risposte preconfezionate da presentare. Noi intendiamo proporre un momento in cui volontari, associazioni, movimenti, reti e società civile, semplici ‘cittadini inquieti’ possano confrontarsi. Siamo convinti che la crisi può non essere una maledizione, ma una opportunità. Vogliamo che il Laboratorio sia un’occasione autentica d’incontro tra coloro che operano per costruire comunità solidali: gruppi informali di giovani, donne, stranieri, legati a parrocchie, centri sociali, quartieri, cittadini impegnati in campagne specifiche – come quella per l’acqua pubblica o per la difesa dell’ambiente – associazioni antimafia o di solidarietà internazionale, insegnanti non arresi, educatori e associazioni educative, famiglie impegnate nel consumo critico, spezzoni marginali di movimenti politici e organizzazioni religiose, imprenditori e amministratori pubblici coraggiosi, banche legate al territorio. Insomma, le tante espressioni della bellezza del prendersi cura della comunità, che potrebbero aggregarsi su un nuovo progetto di società.

Dopo l’apertura con un “teatro forum” sul tema “Ripartire dalla crisi”, si creeranno cinque gruppi di lavoro dedicati a ambiente e sostenibilità, partecipazione e politica, welfare, disuguaglianze squilibri e legalità, dall’individuo alla comunità. È previsto anche uno spazio per “racconti e testimonianze di processi partecipativi che hanno funzionato: Comitati civici per una nuova democrazia, Se non ora quando, il referendum sull’acqua, Banca Etica.

Si sta organizzando un pullman da Padova, chi intende aderire all’iniziativa può rivolgersi a: Mariano Bottaccio – Responsabile Ufficio stampa “Strade nuove per l’Italia”, cell. 3271817390 - email: ufficiostampa@movinazionale.it - www.movinazionale.it - Emilio Noaro: noaro.emilio@gmail.com - cell. 3339500148. Programma dell’evento, iscrizioni e informazioni logistiche: www.volontariatoinrete.it

Emilio Noaro - Presidente MoVI Veneto. Sintesi a cura della Redazione di Ecopolis


Cemento che ride

Selvazzano - come si uccide un territorio


Al finire degli anni ’60, grazie alla generosità dei cittadini della Diocesi di Padova, la Curia Vescovile (attraverso l’Ente Seminario) ha potuto acquistare un’ampia area agricola di Tencarola alle porte di Padova, per realizzarvi il nuovo Seminario minore inaugurato nel 1970. Dopo circa 30 anni, la Curia ne ha deciso l’abbandono trasferendone le attività a Rubano. Ben presto il basso valore di tali terreni dovuto alla loro non edificabilità a fini residenziali, ha suscitato l’interesse della speculazione edilizia. E’ in quel periodo che la società Trifoglio SpA acquista una grande area adiacente al Seminario per farne un’unica lottizzazione comprendente un centro commerciale, un centro direzionale e numerose abitazioni.

In questi ultimi anni l’attacco della speculazione edilizia alle aree verdi e a basso valore si è fatto particolarmente virulento in tutto il Paese (come dimostra il caso di Veneto City), nonostante solo nella nostra provincia le case nuove e invendute siano più di 20.000 (consultando peraltro una sola delle diverse agenzie immobiliari presenti in Internet: www.trova-casa.net). Evidentemente, ciò che fa gola non è tanto la vendita degli immobili quanto l’incremento di valore dei terreni una volta ottenuto dalle amministrazioni il loro cambio di destinazione da agricolo a residenziale e commerciale.

Nel nostro caso, Trifoglio SpA è titolare di diritti reali (proprietà più prelazione di acquisto dall’Ente Seminario) su circa 360.000 mq di terreni di basso valore, prevalentemente a destinazione collettiva e per l’istruzione. Il cambio di destinazione richiesto prevederebbe invece una zona residenziale di 75.000 mq, un centro direzionale di 25.000 ed un centro commerciale di 33.000, oltre ad una forum hall e vaste aree cementificate per i parcheggi.

I terreni di cui parliamo sono aree a potenziale valenza paesaggistica e naturalistica: sono contigue al Parco del Bacchiglione e al Parco dei Colli, nonchè un potenziale polmone di verde in una zona fortemente assediata dal traffico e dal cemento. Con 360.000 mq di estensione, esse rappresentano da sole quasi il 2 % di tutto il territorio di Selvazzano, l’equivalente di 50 (cinquanta !!!) campi da calcio che verrebbero ricoperti dal cemento fra il fiume Bacchiglione e la vecchia San Domenico. Con pesanti ricadute negative sul traffico, la qualità dell’aria, la sicurezza idrogeologica delle aree prossime all’argine, il piccolo commercio, la perdita di verde urbano, l’identità e le tradizioni del territorio. Noi ci chiediamo: Tencarola e San Domenico hanno veramente bisogno di queste opere?

La Legge Regionale 11 impone ai Comuni di far partecipare le forze sociali (Associazioni di categoria, Comitati, Cittadini, ecc.) alle grandi decisioni che coinvolgono il territorio. Un percorso obbligatorio che l’Amministrazione di Selvazzano non ha voluto seguire, pretendendo di definire “concertazione” due sole assemblee pubbliche a distanza di una settimana, una per illustrare il progetto della Trifoglio ed una per ricevere i “commenti” dei cittadini. Una finta e inutile concertazione a cose già decise, essendo stata preceduta dalla firma di un “Protocollo d’Intesa” fra la Giunta e la società immobiliare, che impegna il Comune a concedere le licenze edilizie richieste dalla Trifoglio e pone il Consiglio Comunale di fronte al fatto compiuto.

Negli ultimi 40 anni il comune di Selvazzano ha convertito a scopi edificatori il 25 % del suo territorio agricolo (un quarto delle terre agricole produttive!). Eppure, nonostante il notevole invenduto ed il grande patrimonio edilizio esistente e da recuperare, si continua a costruire, soprattutto a sud e ad ovest di Padova, una marea di lottizzazioni a macchia di leopardo tra Selvazzano, Ponte San Nicolò, Albignasego ed Abano.

Non possiamo quindi che accogliere con favore la proposta di Legambiente e di numerose altre Associazioni per la creazione di un Parco Agro-Paesaggistico esteso a tutti i 18 comuni del territorio metropolitano di Padova, connesso con le aste fluviali della Brenta e del Bacchiglione. A nostro parere le aree dell’ex Seminario, soprattutto quelle a ridosso del Bacchiglione, hanno i titoli per entrare a pieno diritto fra le aree periurbane da comprendere nel futuro Parco, indipendentemente dalla loro attuale destinazione urbanistica.

Per leggere il testo integrale dell'articolo, clicca qui.


Paolo Cestaro - Presidente del Comitato Rovereto-Friuli e referente di Legambiente Selvazzano


Media e messaggi

Tre libri per l'infanzia


Vi proponiamo tre libri per bambini e ragazzi che, pur non affrontando direttamente il tema della mondialità e del consumo critico, si prestano ad un’interpretazione che valorizza l’ideale della sostenibilità e le buone pratiche sociali e ambientali - provando ad evitare, almeno per una volta, il didatticismo che spesso affligge la letteratura per ragazzi.

Il primo libro è “Chi la fa l’aspetti”, di Richard McGuire, illustratore americano noto al pubblico adulto per il suo lavoro nel “New Yorker”. Il principio attinto alla saggezza popolare diventa, in questo albo Corraini adatto a bambini intorno ai 5 anni, la storia di una bambola che un fratello dispettoso lancia fuori dalla finestra e che improbabili personaggi e situazioni tutt’intorno al globo riportano... indovinate dove? L’illustrazione è essenziale, forme geometriche e linee danno corpo a questa storia che spiega in maniera divertente e curiosa, con associazioni originali, che ad ogni azione corrisponde un effetto, anche non immediato, e che questo effetto ricade su noi stessi anche in modo imprevisto.

La stessa idea passa anche attraverso “Il sultano e i topi”, un racconto popolare arabo reinterpretato da Joan de Boer e illustrato da Txell Darné, pubblicato in Italia da Logos. Il protagonista è un sultano che ama il formaggio... ma il formaggio piace anche ai topi. Quale migliore idea che scacciarli con i gatti? Ottimo tentativo di lotta integrata, ma anche i gatti diventano fastidiosi, alla lunga, così il sultano si servirà di cani, e poi, a cascata, di leoni, elefanti, e infine... di nuovo topi! La ciclicità propria delle storie popolari è valorizzata da un testo che, ripetendo, potrà piacere anche a bambini intorno ai 4 anni. L’illustrazione, molto complessa, è realizzata assemblando oggetti, che possono essere scoperti dai bambini uno per uno: tappi di bottiglia, fiammiferi, carte da gioco formano il sultano e i gatti e tutti i personaggi di questo incredibile circo.

Il terzo titolo è un’opera decisamente singolare, di difficilissima destinazione, forse, sotto mentite spoglie, un vero e proprio illustrato per adulti e giovani. “Il viaggio di Miss Timothy” è “la risposta ovina alla ricerca di sé”. La protagonista è infatti una pecora, una Miss Timothy tra le innumerevoli Miss Timothy che popolano il libro. Il suo pastore, Mr. George, la manda alla ricerca di sé, perché si sa: “la brutta lana si forma quando una pecora non è più lei”. Così Miss Timothy prepara un bagaglio essenziale e con Miss Timothy e Miss Timothy e Miss Timothy, “fino ad arrivare all’ultima Miss Timothy: quella che abitava vicino al cancello della proprietà di Mr. George” parte, per tornare nuova. Una lettura surreale che fa riflettere sulle dinamiche della costruzione del sé nella società di massa. Giovanna Zoboli e Valerio Vidali propongono una storia tutt’altro che banale e illustrata con cura ed essenzialità, che ben si presta a fungere da spunto per lavori di gruppo, o anche per coltivare un po’ di sana inquietudine quotidiana.

Annalisa Scarpa - Redazione Ecopolis


Succede in città


>>> giovedì 3 maggio

L'erboristeria Artiglio del Diavolo organizza l'incontro "Quale dieta per perdere peso in modo duraturo?" Con il nutrizionista e dietologo Dott. Iacopetta. L'incontro si terrà alle ore 19.45 ed è gratuito per tutti i partecipanti. Gli interessati sono pregati di contattare l'Erboristeria quanto prima per via del numero limitato dei posti. Erboristeria Artiglio del Diavolo, Via Boccalerie 16/a. Tel. 049.8762583, email info@artigliodeldiavolo.it.

Il prezzo del ferro. Gli impatti socio-ambientali della crescita economica brasiliana. Conferenza di presentazione della mostra fotografica e della campagna Justiça nos Trilhos con l’intervento di: Federico Veronesi (Justiça Nos Trilhos),“L’attività mineraria nel Nord-Est del Brasile, sviluppo o oppressione?”, Simone Tinelli (Agronomi e Forestali Senza Frontiere)“Le piantagioni in Brasile: nuove foreste o nuovi problemi socio-ambientali?”. Per informazioni : binaridigiustizia@gmail.com ..Presso Centro culturale S.Gaetano, via Altinate 71, a partire dalle 20,45.

Presentazione del libro "Nessun Giusto Per Eva" La Shoah a Padova e nel Padovano di Francesco Selmin, voce narrante Fabio Gemo, musiche yiddish di Nicole, Lou e Michel, introduce Attilio Motta coordinatore prov. SEL – PD, intervento di Alessandra Boaretto - Campagna #dirittodiscelta per il rilascio di un permesso di soggiorno umanitario ai richiedenti asilo arrivati dalla Libia. Coordina Francesco Miazzi – Consigliere Comunale Complesso Monumentale San Paolo Monselice Ore 21.00.

Di guerra in pace Jugoslavia vent’anni da ex; appuntamento nell'ambito della rassegna Balkan Windows. Incontro con don Albino Bizzotto dei Beati i costruttori di pace, Gianni Rocco di Assopace Padova e Mario Fiorin dell'Avip - (Ass. Volontari per Iniziative di Pace) per riflessioni e testimonianze. - Ore 21:00. Multiproiezioni continue a partire dalle ore 19:00.Interno di Porta San Giovanni, Padova .Ingresso libero.

>>> venerdì 4 maggio

Il carcere Seminario curato dal Coordinamento Nazionale Teatro Carcere che presenterà alcune significative esperienze nazionali di teatro con persone recluse, a partire da quella del carcere di Rebibbia. Incontro a cura del Coordinamento Nazionale Teatro Carcere, video e testimonianze di esperienze nazionali di teatro con persone recluse, proiezione del film Cesare deve morire di Paolo e Vittorio Taviani. Coordina Giuseppe Mosconi, docente di Sociologia del Diritto dell'Università di Padova. Centro Universitario - Palazzo Trevisan, via degli Zabarella 82, Padova Ore 15:00.Ingresso libero.

Il Ruanda e la crisi nei grandi laghi. Per la rassegna di incontri 'Hotel Ruanda 2012', un dibattito con Paul Rusesabagina. Modera: padre Elio Boscaini, giornalista del mensile “Nigrizia”. In occasione del 50° anniversario dall’indipendenza del Ruanda, Padova accoglie Paul Rusesabagina, un eroe ruandese di fama internazionale che nel 1994 nascose nel suo albergo 1268 connazionali salvandoli dal genocidio. Teatro Ruzzante, Riviera Tito Livi0 45, Padova. Ore 16.30-19:00 . Per Informazioni: Tel. 345 1075441. Tel. 338 1359118. cui.padova@gmail.com musa.cons@libero.it www.cuipd.blogspot.com

La Citta’ Nella Citta” Convegno Creativo a cura dell’Esecutivo delle Associazioni Culturali di Padova. Centro culturale S.Gaetano, via Altinate 71, a partire dalle 17,00.Ingresso libero.

"La figura di Cristina Campo", di Federica Negri. Aula Nievo del Palazzo del Bo, via 8 febbraio, 2 – Padova. Ore 17:00. Incontro all’ interno di un percorso formativo sulla storia e la cultura femminile organizzato da Il Forum di ateneo per le Politiche e gli studi di genere e l'Università di Padova, in collaborazione con il Comune di Padova. Coordinatrice dell'iniziativa è la prof.ssa Saveria Chemotti, delegata per la cultura e gli studi di genere.

Decrescita: meno imballaggi e più riciclaggi Incontro dibattito con il Professor Tamino a cura dell'Ass.ne ABC e Festival della Cittadinanza. Sala Anziani di Palazzo Moroni, via del Municipio 1, Padova. Ore 21:00. Ingresso libero.

Genocidio in Ruanda: Testimonianza di Paul Rusesabagina Incontro-dibattito con la cittadinanza in compagnia dell'eroe del genocidio ruandese del 1994. Sala Aldo Moro, Via del Donatore di Sangue 5, Sant'Angelo di Piove di Sacco, PD. Ore 21-23. Ingresso Libero.

La Lunga Marcia Dei 54″ Proiezione in sede PD del docufilm realizzato dal giovane filmmaker rodigino Alberto Gambato sull’eccidio nazifascista di Villamarzana, risalente al 15 ottobre 1944, uno degli eventi più tragici verificatisi nella zona del Polesine durante la Resistenza. Ore 21:00. Sede Pd Cadoneghe ,via Gramsci 43. Alla proiezione prenderanno parte anche il regista Alberto Gambato e la consulente storica Laura Fasolin. L’ingresso è libero e gratuito

A Nord Est Di Che....La Strada Del Cibo Storie di luoghi, persone, emozioni incentrati sui Balcani. La cucina parla di origini, di legami, di storie che si fondono con Elisabetta Tiveron, storica scrittrice e cuoca Nicola Fossella, fotografo e blogger Leonardo Barattin, tour designer e responsabile viaggi Ad est. Ore 21:00. Interno di Porta San Giovanni, Padova .

Telefoni mobili e danni alla salute: i dati scientifici e le buone pratiche per l’autotutela dall’età scolastica” Convegno che avrà luogo alle ore 18.30 Sala Nassirya ,Piazza Capitaniato (sotto il volto dell'orologio), Padova. L'evento è inserito nell'ambito della NOTTE VERDE del Nord Est promosso dal Settore Ambiente del Comune di Padova. E' una occasione di aggiornamento sui dati scientifici e sullo stato dell'arte dell'informazione intema di elettrosmog.Due gli interventi: “Telefonia mobile: quali rischi per la salute?” di Angelo Levis, Ordinario di Mutagenesi Ambientale Università di Padova - Associazione Per la Prevenzione e Lotta all’Elettrosmog (A.P.P.L.E.) e ISDE Italia;“Informazione e formazione scolastica sui rischi da campi elettromagnetici (CEM)” di Laura Masiero, Presidente A.P.P.L.E.

>>> sabato 5 maggio

Il flagello delle ecomafie. Quale contrasto alla criminalità ambientale? Incontro a cura di Libera Padova, Avviso Pubblico e Università di Padova, con gli interventi di Antonio Pergolizzi, Luigi Lazzaro e Giovanni Belloni. Sala Paladin di Palazzo Moroni, via del Municipio 1, Padova . Ore 15:00. Ingresso libero.

Il Ruanda di oggi tra questioni regionali e internazionali Proeizione del film 'Hotel Rwanda' di Terry George e la testimonianza di Paul Rusesabagina in un dibattito con il pubblico. Ogni tanto il cinema si assume il compito di ricordarci che ci sono genocidi per cui i "difensori della liberta e della democrazia" si indignano e dispiegano le loro forze ed altri in cui lasciano fare voltandosi dall'altra parte. Perche'? Ognuno puo' trovare da se' la risposta. Il fatto pero' resta. Incontrovertibile. In Ruanda, all'inizio degli anni '90, un milione di Tutsi e' stato letteralmente massacrato dai rivali Hutu senza che la comunità internazionale facesse nulla, se non lasciare a poche forze dell'Onu il compito di un'interdizione di scarsa efficacia. Auditorium del Centro Culturale San Gaetano, Via Altinate 17, Padova. Ore 20-23 . Per Informazioni: Tel. 345 1075441. Tel. 338 1359118. cui.padova@gmail.com musa.cons@libero.it www.cuipd.blogspot.com

>>> domenica 6 maggio

Festa di primavera 2012 organizzata da Agronomi e Forestali Senza Frontiere a la Costigliola, Via Rialto 62 Rovolon (PD). Pranzo, lotteria, escursione vitivinicola , vibrazioni culturali e BiscottoAward 2012. Contributo 15€. Per info e prenotazioni framamao1@alice.it www.agronomisenzafrontiere.it

Il paesaggio dei Colli Euganei Incontro dedicato ad Andrea Zanzotto organizzato dalla rivista “Terra e Storia” Villa Beatrice, Monte Gemola (Baone). Ore 10.00 I Colli Euganei di Andrea Zanzotto, Ore 11.30Presentazione del numero 1 della rivista “Terra e Storia” ,Ore 13.00 Pranzo al sacco, Ore 15.00 Esercizi di lettura del paesaggio euganeo. Per maggiori informazioni: Direzione di “Terra e Storia. Rivista di storia e cultura” tel: 3203154712; email: francescoselmin@tin.it

Medio Oriente: terra di pace? Incontro con la Scuola di pace della diocesi padovana. Partecipa il mons. Edmond Farhat, nunzio apostolico emerito in Turchia e in vari paesi del Medio Oriente. Patronato S.S. Redentore, viale Fiume 65, Este. Ore 21:00.Ingresso libero.

Visita guidata alla Certosa di Vigodarzere. Promossa da L'Associazione "Uniti per l'Ambiente - Vigodarzere" ,con il patrocinio del Comune di Vigodarzere. Le visite guidate sono ad ingresso gratuito con i seguenti orari: Mattino: ore 10.00 - 11.00 / Pomeriggio: ore 15.00 - 16.00. Al termine delle visite mattutine, sarà possibile proseguire con un itinerario guidato alle secolari piante presenti nei pressi del complesso monastico. Per una corretta gestione delle visite i gruppi saranno al massimo di 30 persone. Per informazioni: Vittorio Rossi tel. 328 8020598. In occasione della manifestazione il circolo Legambiente di Limena organizza una biciclettata lungo il Brenta, da Limena alla certosa, per la visita guidata al monumento (percorso agevole e pianeggiante, parzialmente ombreggiato, di circa 30 minuti). Ritrovo ore 14.45 al parcheggio stazione Carabinieri di Limena.

>>> lunedì 7 maggio

Il governo dell'acqua Quarto appuntamento del ciclo di conferenze 'L'anima colta dell'ingegnere', interviene il prof. Andrea Rinaldo dell'Università degli Studi di Padova e Ecole Polytechnique Fédérale Lausanne .La Fondazione Ingegneri di Padova organizza un ciclo di incontri culturali per discutere, in maniere divulgativa, di ingegneria, raccontando storie di celebri ingegneri letterati ed incontrando scrittori che scrivono di ingegneri e di ingegneria. L'iniziativa è patrocinata dal Comune e dall'Università di Padova. Sala Conferenze del Centro Universitario, via degli Zabarella 82, Padova. Ore 18.15 .Ingresso libero.

>>> martedì 8 maggio

Un fotografo e uno scrittore si incontrano. Ore 21:00. Rassegna Balkan Windows - Finestre balcaniche che vedrà un dialogo attorno al libro 'Sotto Tiro' di Gianni Ballestrin. Coordina l'incontro Bruno Maran, fotoreporter alternativo."Ohrid, era solo un bel lago tra Macedonia, Grecia e Albania dal quale riportare fotografie per un'agenzia turistica. "I Balcani sono terra di malinconia e voglia di vivere, di ingenuità infantili e sapienza artigiana, terra di incontri che si rivelano preziosi per affrontare le ombre della vita senza perderne il senso. Le parole sono l'esorcismo con cui sottrarsi alle vampate di braci sempre fatalmente nascoste sotto ogni cenere. Multiproiezioni continue a partire dalle ore 19:00. Interno di Porta San Giovanni, Padova .

>>> mercoledì 9 maggio

La felicità Incontro con Filiberto Tartaglia nell'ambito delle attività pomeridiane per adulti . Palazzo del Turismo, via Scavi 14, Montegrotto Terme . Ore 16.30. Ingresso libero.


***************


CORSI, SEMINARI E MOSTRE – iniziative prossime e future

Venerdì 11 maggio 2012 Tavola rotonda "GHG, Agricoltura e Foresta. Approcci metodologici CAdd e Carbomark". Durante tavola rotonda, organizzata dall'Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali della Provincia di Padova, verranno presentati le esperienze CAdd (Cadre d'analyse pour les développements durables) e Carbomark, in particolare la metodoligia per il calcolo dello stoccaggio di carbonio. Questo confronto sarà l'occasione per uno scambio di esperienze tra realtà italiana e francese, per tracciare lo stato dell'arte sull'analisi e le valutazioni ambientali delle produzioni agricole e forestali, sull'occupazione del suolo, sui consumi di energia fossile e le emissioni di gas serra, in un momento in cui il professionista deve rispondere alle attuali richieste di un mercato sempre più orientato al greening.Ai partecipanti saranno attribuiti 0.5 crediti formativi professionali validi per la formazione professionale permenente. Palazzo dell’Agricoltura – Veneto Agricoltura – Legnaro, Viale dell’Università 14

Dal 27 aprile al 10 maggio Progetto Porta Aperta "Balkans windows" di Bruno Maran. Terzo evento dell'ambizioso progetto "Porta Aperta" si propone di restituire alla Porta S. Giovanni la funzione per cui è nata: un luogo di passaggio, transito, via vai, andirivieni... apertura verso la città, ma con un valore aggiunto: la possibilità di essere anche uno spazio fruibile tramite allestimento di mostre, installazioni, proiezioni; punto d’incontro per laboratori, dibattiti, conferenze, momenti musicali.
Multiproiezione in quattro atti Bruno Maran: Balkans windows-Finestre balcaniche.
Da Vukovar a Sarajevo, Mostar, Srebrenica; dal Kosovo dell’indipendenza a Kragujevac la Torino dei Balcani, una visione contemporanea, che riunisce questi avvenimenti, riproducendo la complessità delle vicende balcaniche, riportando i fatti della realtà del dopoguerra attraverso elaborate visioni fotografiche. Porta San Giovanni, Via Niccolò Orsini

Dal 2 al 14 Maggio Mostra Fotografica foto di Marcelo Cruz fotografo brasiliano Presso Centro culturale S.Gaetano, via Altinate71.

Dal 4 al 6 maggio Baone e il paese che verrà. Due passi verso la transizione - Prima festa comunale per l'ambiente, presso il Parco Comunale delle Ginestre (Rivadolmo di Baone).

Le Donne in Nero – movimento internazionale di donne per la pace – organizzano l'iniziativa "Mille e mille pensieri contro la guerra. Mille e mille pensieri per la pace". Consiste in una raccolta di pensieri (e poesie, canzoni, disegni......e altro) liberamente espressi contro la guerra e per la pace, da realizzare nelle più varie forme (in cartaceo, attraverso facebook e twitter, nei loro blog, per mail, ...) entro il 2 giugno, festa della repubblica che vorremmo senza parate militari.
Si può partecipare sia come cittadine/i, sia come membri di gruppi o associazioni, sia insegnante/i sia come  lavoratric/i, sia da soli che con altri. Qui il volantino online dell'iniziativa http://donneinnero.blogspot.it/2012/04/mille-e-mille-pensieri-contro-la-guerra.html. Su twitter il tag è #1000+1000perlapace

Bando di selezione artisti - Traversata del Solstizio d'estate 24 Giugno 2012. L'Associazione Culturale Totem di Este (PD), le compagnie teatrali MenTalmente Instabile e Via Rosse, i gruppi musicali Malazeta e Calicanto, le associazioni La Vespa ed Euganea Movie Movement, gli amici dei Samizdat in occasione della "Traversata del solstizio d'estate 2012", dedicata quest'anno alla figura di Aldo Pettenella nel decennale della sua scomparsa, selezionano opere artistiche da installare lungo il percorso che si snoderà lungo i sentieri dei Colli Euganei nell'ormai consueto tragitto da Este a Bastia. Maggiori informazioni su http://associazionetotem.blogspot.it/2012/02/bando-di-selezione-artisti.html


**********************************

Gli orari di Salvalarte

I volontari di Salvalarte da vari anni si impegnano nelle aperture di monumenti che altrimenti rimarrebbero inaccessibili.

Oratorio di Santa Margherita via San Francesco 51, orari di apertura: da martedì a sabato dalle 10.00 alle 12.00; da lunedì a sabato dalle 16.00 alle 18.00 (orario invernale*), dalle 16.30 alle 18.30 (orario estivo*).

Ponte romano di San Lorenzo Piazza Antenore, orari di apertura: sabato mattina dalle 10.00 alle 12.00; sabato pomeriggio dalle 16.00 alle 18.00 (orario invernale*), dalle 16.30 alle 18.30 (orario estivo*). ATTENZIONE: momentaneamente chiuso per lavori; apertura prevista a maggio. Contattare Legambiente per verificare la fine dei lavori di restauro e la riapertura del monumento.

Scuola della Carità via S. Francesco 61, orari di apertura: giovedì e sabato dalle 10.00 alle 12.00; giovedì, venerdì e sabato dalle 16.00 alle 18.00 (orario invernale*), dalle 16.30 alle 18.30 (orario estivo*).

Torre dell'orologio piazza Capitaniato 19, orari di apertura: mercoledì, venerdì e sabato dalle 10.00 alle 11.30, visite ogni 30 minuti con gruppi di massimo 10 persone.

Reggia Carrarese via Accademia n.7, orari di apertura: mercoledì, venerdì e sabato dalle 10.00 alle 12.30.

* Periodo invernale: 1/11 > 30/4. Periodo estivo: 1/5 > 31/10

 

*************************

Iscriversi a Legambiente Padova è semplice

Potete venire nella nostra sede in Piazza Caduti della Resistenza n°6 (ex Piazzetta Toselli, capolinea autobus n°9) in orario d'ufficio (sabato e domenica chiuso).

Conto Corrente Postale: potete effettuare un versamento sul c/c postale n. 36037091 con causale: iscrizione 2012 a Legambiente e tipologia socio.

Bonifico Bancario: potete effettuare un versamento sul c/c bancario n. 100125 intestato a Legambiente Volontariato Padova, presso Banca Etica codice Iban: IT 07 Z 05018 12101 000000100125.

Carta di Credito: potete effettuare il versamento tramite carta di credito visitando il nostro sito internet

 

Tipologie di tessere 2012

· SOCIO JUNIOR fino a 14 anni (nati dal '98 in poi) - riceve "Jey" via mail - 10 €

·  SOCIO GIOVANE da 15 a 28 anni (nati dal 1984 al 1997) - 15 €

·  SOCIO ORDINARIO - con abbonamento a "La Nuova Ecologia"- 30 € - Socio Ordinario senza abbonamento a "La nuova Ecologia" -  20 €

·  SOCIO SCUOLA E FORMAZIONE - con abbonamento a  "La Nuova Ecologia" e newsletter elettronica "Formazione Ambiente"- 30 € - Socio Scuola e Formazione senza abbonamento a "La nuova Ecologia" - 20 €

·  SOCIO SOSTENITORE - riceve "La Nuova Ecologia" e il volume "Ambiente Italia" - 80 € - Socio Sostenitore senza abbonamento a "La nuova Ecologia" - 70 €

·  TESSERA COLLETTIVA* - con abbonamento a  "La Nuova Ecologia"  - 50 € - Tessera Collettiva* senza abbonamento a "La nuova Ecologia" -  40 €

* I soggetti collettivi non possono fare tessere diverse da quella collettiva; in caso contrario la quota andrà come donazione.

 

Iscriversi a Legambiente è vantaggioso: presentando la tessera di Legambiente 2012 in numerosi esercizi padovani si ottengono sconti.


Clicca qui per cancellarti dalla newsletter