Iscr. Reg. Trib. di Padova n. 1920 del 14/12/04
24/05/2012 Newsletter num 338 inviata a 14.997 iscritti

Dona il tuo 5 per 1000 a Legambiente

Primo Piano

Zone 30 in ZTL: i risultati dell'indagine sul limite di velocità


L’indagine di Legambiente sul rispetto del limite di 30 Km/h in ZTL ha appurato l’urgenza  di istituire la ciclabilità diffusa in centro storico. Un primo risultato: il sit-in di sabato scorso. Via San Francesco diventerà per le bici interamente bidirezionale.

Ambiente

Telefoni cellulari: come proteggersi dall'elettrosmog


Le onde elettromagnetiche emesse dalle apparecchiature che lavorano a radiofrequenze (cellulari, cordless, forni a microonde ...) possono causare danni alla salute. Riflessioni e consigli per ridurne l'impatto.

Democrazia Urbana

Tocca il car sharing con mano


Un modo di muoversi più intelligente, più economico, più veloce. Questo è il car sharing. Giovedì 31 maggio Legambiente organizza una presentazione del servizio aperta a tutti gli interessati. Sarà presente per l'occasione un'auto della flotta.

Cemento che ride

Ancora cemento e capannoni a Camin


Con la lottizzazione da parte della ZIP di via Germania, l'ultimo residuo di antica campagna veneta a Camin rischia di sparire. La denuncia del circolo Wigwam, che dal 2004 “riabita” attivamente il territorio con orti sociali, feste rurali e altre iniziative.

Media e messaggi

Come fare un orto in terrazzo


Curare un orto fa bene al proprio benessere e alle proprie conoscenze (è un vero esercizio di empatia ed intelligenza), oltre che al portafogli. Chi non ha un giardino, grazie alla rete può scoprire ogni segreto per mantenere un orto...in terrazzo.

Succede in città

Summer Student Festival 2012


Alcuni già lo sanno. Altri lo attendono. Siamo nel 2012, e il Summer Student Festival raggiunge la sua XI edizione. Un traguardo ma ancora di più una soglia, da varcare dal 25 maggio al 1 giugno. I cancelli (ri)portano in Golena San Massimo, dove – all’ombra delle storiche mura firmate Rinascimento – si esibiranno come ogni anno alcune delle eccellenze del panorama internazionale e nostrano più interessanti di questo 2012 in musica. Ecco i nomi della line-up completa, una costellazione di sane vibrazioni per iniziare l’estate con il giusto slancio.

Golena S.Massimo - via San Massimo 137 PD - in fondo a via S.Massimo, zona Portello. Entrata libera!

Line up 2012:
25.05 Neon Indian (USA) + Dumbo gets mad (ITA)
26.05 Seven That Spells (HR) + Squadra Omega + AFTERPARTY @ Studio 2 w/Stellar Om Source dj set + TBA
27.05 Lower Dens (USA) + Stellar Om Source LIVE (NL)
28.05 Ed Laurie (UK)
29.05 Sandro Perri (CAN) + Jesper At Work (ITA)
30.05 Fenster (DE) + 2Pigeons (ITA)+ Lo Stato Sociale (ITA)
31.05 Com Truise (USA) + LAFIDKI (FR)
01.06 Voices From The Lake (ITA) + Upperground Orchestra feat Morphosis (ITA) + The Frag dj set
CLOSING PARTY till late @ Studio 2 w/
Dozzy + Neel + Morphosis + The Frag dj set

Asu - Associazione studenti universitari, in collaborazione con il Sindacato degli Studenti


Primo Piano

Zone 30 in ZTL: i risultati dell'indagine sul limite di velocità


Tra il 4 e il 16 maggio Legambiente ha effettuato un’indagine sull’effettivo rispetto del limite di 30 Km/h vigente in tutta la zona a Traffico Limitato (ZTL) nel centro storico di Padova. In sintesi, dai monitoraggi con il telelaser realizzati dai volontari di Legambiente è emerso che su 16 vie monitorate solo in una, via Zabarella, la maggioranza dei mezzi a motore (68%) rispetta il limite di velocità, ma solo perché sulla strada è costante la presenza di ciclisti e pedoni.  Nelle altre 15 la maggioranza dei mezzi a motore non rispetta i limiti: si va dal 66% di chi non lo rispetta in via C. battisti al 97% di Riviera Ruzzante. In media in queste 15 vie il 79% dei mezzi a motore non rispetta il limite (per tutti i dati clicca qui).

Mentre compivano i rilevamenti i volontari di Legambiente hanno sistematicamente notato che se i mezzi a motore rispettavano il limite questo era dovuto alla presenza in strada di ciclisti e pedoni. Per ottenere una vera riduzione della velocità non basta un  semplice atto amministrativo:  occorre che nella “zona 30” gli automobilisti percepiscano di entrare in uno spazio non esclusivamente loro. Per questo Legambiente da tempo chiede l’istituzione formale, nella ZTL, di un’area a ciclabilità diffusa, ovvero: bidirezionalità per le bici anche nei sensi unici per le auto, apponendo un’apposita segnaletica. Il limite di 30km/h sarebbe così osservato, perché  gli automobilisti sarebbero costretti ad essere più cauti, sapendo di poter incontrare ciclisti che vengono loro incontro, innescando un circolo virtuoso che migliorerebbe sicurezza stradale e qualità urbana. In pratica, se la zona 30 è necessaria alla ciclabilità diffusa, l’istituzionalizzazione di quest’ultima diventa la garanzia del reale rispetto del limite di velocità nella zona 30.

Questo concetto è stato ribadito nel il Sit-in organizzato sabato 19 in via San Francesco da Legambiente, WWF e l’Associazione Studenti Universitari, che ha segnato un primo successo, stando almeno all’annuncio fatto lo stesso giorno dall’Assessore Rossi di voler pedonalizzare il tratto tra via Santa Sofia e via Galilei, dando nel contempo luce verde alle biciclette in entrambe le direzioni in via San Francesco. La lotta per l’estensione della ciclabilità diffusa in tutto il centro continuerà.

Infine: è bene ricordare che limite dei 30km/h in ZTL è stato istituito dall’Amministrazione Comunale, ed è dunque doveroso che il Comune lo faccia sempre rispettare. Infatti le statistiche ci dicono che gli incidenti diminuiscono del 42% dove questo limite è veramente osservato, rispetto alle aree urbane in cui vige quello dei 50km/h.

Un vivo ringraziamento a Luca Berton, Antonietta Fadda, Pietro Galante, Angelo Galato, Davide Gobbo, Marko Iconic, Davide De Martini, Luca Leone, Margherita Masignani, Tiziana Mazzucato, Gabriella Midilli, Chiara Ogniben, Alberto Ragazzi, Andrea Ragona, per il paziente lavoro di rilevamento con il telaser.

Lucio Passi, portavoce Legambiente Padova


Ambiente

Telefoni cellulari: come proteggersi dall'elettrosmog


Quando ho fatto la prima comunione - erano gli anni '50 - il mio padrino mi ha regalato un orologio; negli ultimi anni si usa regalare il primo cellulare. E' considerato un bel regalo perché, si dice, è molto utile: i ragazzi non si perdono e sono più facilmente controllati dai genitori. In questi ultimi anni, a partire dagli adulti, il cellulare è diventato uno status symbol: ormai sembra che senza cellulare sia impossibile relazionare con amici e colleghi. Faccio notare che fino a non molti anni fa esistevano le cabine telefoniche pubbliche e si poteva telefonare da qualsiasi posto. In molti stati europei le cabine telefoniche pubbliche funzionano regolarmente. Ma se il cellulare è uno degli oggetti della tecnologia più venduti al mondo (in Italia si sono venduti 3 cellulari per abitante) e ci permettono con gli ultimi modelli anche tutte le connessioni ad internet, perché si discute tanto?

Negli ultimi anni si è diffusa la consapevolezza per alcuni pericoli un tempo ignorati. Ad esempio il lavoro nelle miniere di carbone, le fibre di amianto, il fumo delle sigarette. Per quanto riguarda le onde elettromagnetiche, non c'è ancora nessuna preoccupazione per gli effetti che molti studiosi indipendenti dicono essere molto pericolosi, soprattutto per i ragazzi. L'insorgere di malattie causate da esposizione a onde elettromagnetiche a radiofrequenza non si manifesta subito, perché i tempi di latenza sono superiori ai 10 anni.

L'impatto sul corpo delle onde elettromagnetiche varia in funzione della distanza. Se il cellulare, invece di essere appoggiato sull'orecchio, è tenuto alla distanza di un braccio, che è la distanza  naturale di quando si invia un sms o si utilizza l'auricolare, l'impatto è di 10/20 volte inferiore. L'altro fattore è la durata della telefonata. Da queste semplici constatazioni conseguono i seguenti consigli: 

  1. Invece di telefonare, invia un sms. Per tre motivi: 1- la trasmissione di un sms dura meno di un secondo. 2- quando si invia un sms la distanza del cellulare dal corpo è maggiore di quando si telefona con il cellulare all’orecchio. 3- costa molto meno.
  2. Se devi telefonare, fai telefonate brevi. Le lunghe chiacchierate falle con il fisso.
  3. Quando è possibile, attiva il vivavoce. Se non puoi attivare il vivavoce, usa l’auricolare. Non usare auricolari del tipo blue-tooth  perché  emettono continuamente o.e.m.
  4. Prima  di appoggiare il cellulare all’orecchio, accertati che la persona chiamata abbia risposto. Per accorciare i tempi  di esposizione alle  o. e.m.
  5. A casa evita il cordless, usa il fisso. Perche  il cordless emette  o.e.m. come un cellulare; il fisso no.
  6. Tieni  il cellulare in una tasca esterna o nello zaino. Per aumentare la distanza dal corpo.
  7. Prima di telefonare, controlla le tacche in alto a sinistra. Se sono meno di quattro spostati. Più sono le tacche evidenziate, minore è il campo elettromagnetico che il cellulare deve emettere per  collegarsi con la stazione radio base.
  8. Chi guida non deve telefonare. Perché quando  si telefona durante la guida il rischio di incidenti aumenta di  5 volte.
  9. Quando comperi un cellulare scegli fra i modelli a basse emissioni. Troverai l’informazione nel libretto di istruzioni. La misura delle emissioni viene chiamata “Tasso di assorbimento” o SAR, e non dovrebbe superare 0.4 W/m.
  10. Durante la notte spegni il cellulare. Perché il cellulare acceso emette, a tempi regolari, dei segnali per mantenersi  in contatto con la stazione radio base.
  11. Il cellulare deve essere spento: a scuola, in aereo, in ospedale, al cinema, a teatro, in presenza di persone con pacemaker o apparecchi acustici.

Sandro Ambrosio - Legambiente Este


Democrazia Urbana

Tocca il car sharing con mano


Intelligente, economico, veloce: questo è il car sharing. Intelligente perchè la condivisione dell'auto, è significa inquinare meno è sfruttare al meglio… Economico perchè benzina, bollo, assicurazione, manutenzione, costo d'acquisto diventano un ricordo del passato più che un incubo del presente. Veloce perchè può viaggiare sulle corsie dei bus, in Ztl, oltre ad avere dei posteggi riservati. Questo è il car sharing: un nuovo modo di muoversi, in sintonia con l'ambiente, con gli altri e soprattutto col proprio portafoglio. Un completamento del trasporto pubblico che si rivolge a tutti coloro che condividono la responsabilità di migliorare la qualità ambientale e urbana della propria città. Più trasporto sostenibile integrato, meno auto di proprietà, meno congestione, meno inquinamento.

Tutto questo sarà spiegato con precisione all'incontro che Legambiente sta organizzando per giovedì prossimo 31 Maggio alle 18.30 in Piazza Caduti della Resistenza 6, quando un’automobile della flotta Car Sharing sarà a disposizione di coloro che vorranno scoprire da vicino il funzionamento di questo nuovo modo di muoversi. Ci sarà inoltre la possibilità di fare domande ai responsabili del Car Sharing.

Sarà anche l’occasione per scoprire i vantaggi economici della convenzione per l’abbonamento annuale Car Sharing siglata con Aps Holding per i soci di Legambiente: i soci Legambiente potranno usufruire del servizio con uno sconto, pagando l’abbonamento annuale € 65 anziché € 100, e il kit d’iscrizione € 30 anziché € 40.

Insomma cosa, aspettate?

Legambiente Padova


Cemento che ride

Ancora cemento e capannoni a Camin


Nella seduta della commissione urbanistica del Comune di Padova del 18 Aprile scorso si è discussa anche la richiesta di variante al PRG per la lottizzazione da parte della ZIP per l’area a sud di via Germania a Camin, un’area verde di circa sei ettari, adiacente al parco acquatico “Padovaland”. Secondo i proponenti, si tratta della valorizzazione di aree “vecchie” della ZIP attualmente non utilizzate. In realtà, l’area di Camin compresa tra Via Germania e Via Gramogne, vincolata a “verde attrezzato”, non è una area “vecchia”, ma una area “antica”: si tratta infatti di un bell’esempio di campagna veneta, ultimo sopravvissuto all’avanzare dei capannoni. Non è un’area abbandonata, come si è accennato in commissione, ma è ben coltivato dai pochi residenti, con la presenza di alberi secolari, fossati, siepi, orti curati, che con il complesso di Padovaland costituisce un polmone verde unico a due passi dalla città.

La proposta di “staccare” quest’area, e con la perequazione depositarla vicino al casello di Padova-Bologna, non ha senso in quanto l’area vicino al casello è sotto i tralicci dell’alta tensione, e quindi assolutamente inutilizzabile come “verde attrezzato”. Non ha senso perchè in cambio della perdita netta di circa 6 ettari di verde, inseguendo il miraggio di alcuni posti di lavoro, Camin si ritroverà con l’ennesima fila di capannoni vuoti, mentre a poca distanza vengono svenduti fior fiore di capannoni industriali (per trovarli, basta fare un giretto in internet). Un altro schiaffo al paese di Camin, che ha pagato un caro prezzo allo sviluppo della città.

Proprio per tutelare quest’area e gli edifici storici presenti al suo interno, nel 2004 i residenti con alcuni appassionati hanno fondato il “Circolo di Campagna® Wigwam ®“IL PRESIDIO” …sotto il portico…A.P.S.”, affiliata al World Wigwam® Circuit,un’associazione ambientalista nata negli anni ’70 che conta più di 300 circoli in ogni parte del mondo (www.wigwam.it). “IL PRESIDIO” …sotto il portico… prende il nome dall’ultima casa rurale rimasta nella via, risalente alla seconda metà del ‘600, con due archi a tuttotondo che delimitano un ampio portico. E proprio sotto questo portico si svolgono la maggior parte delle attività del “PRESIDIO”, che da marzo a ottobre sforna innumerevoli proposte per i soci (e non solo ), proprio per riportare”a casa “ le persone che hanno abbandonato questi luoghi in seguito agli espropri più o meno forzati dovuti alla costruzione della zona industriale di Padova. E, insieme a spettacoli teatrali, cinema all’aperto, concerti, conferenze, il punto di forza sono le feste rurali, durante le quali spesso vengono offerti i prodotti dei vicini orti.

A proposito degli orti: già dalla fondazione del “PRESIDIO” ci si era proposti il recupero delle aree abbandonate di via Gramogne con una attività di orti sociali. In pochi anni, gli “ortolani volontari” sono diventati una decina, e con il loro lavoro accurato e instancabile hanno creato un magnifico “community garden”, un ciclopico orto-giardino ricco di biodiversità. E a proposito di biodiversità, da alcuni anni “IL PRESIDIO “ collabora con “Civiltà Contadina” (i “Seed Saver”) per creare un “orto antico”, un’orto dove vengono conservate antiche varietà di ortaggi ormai sparite dalle nostre campagne (e dalle nostre tavole…). Questo progetto nel 2011 ha ricevuto la menzione speciale al premio ARCI “Impatto Zero” (patrocinato dal Comune di Padova), un concorso indetto per valorizzare le buone pratiche amiche dell’ambiente.

E a distanza di poco meno di un anno, mentre il Comune si prepara ad aderire al “Parco Agricolo Metropolitano” per valorizzare le aree agricole residuali, noi quest’anno come premio avremo una colata di cemento e asfalto che ci seppellirà, per sempre.

Firma per bloccare la lottizzazione industriale tra via Germania e Via Gramogne! Clicca qui sotto al link:

http://www.firmiamo.it/diciamo-no-a-nuovo-cemento-e-asfalto-a-camin


Circolo di Campagna® Wigwam® "IL PRESIDIO"...sotto il portico...


Media e messaggi

Come fare un orto in terrazzo


Avete mai pensato che è possibile rilassarsi dedicandosi al giardinaggio? Lo ritenete un attività troppo complicata? Ora non è più così. Chiunque può divertirsi ed imparare a coltivare anche solo una singola piantina di pomodoro. Volete mettere la soddisfazione di portare in tavola qualcosa che si sa per certo da dove viene e cosa si è utilizzato per coltivarla?

Ho avuto l'occasione di visionare un bellissimo sito (clicca qui) che illustra tutto ciò che è necessario conoscere per divertirsi a coltivare un piccolo orto. Anche se il tutto potrebbe sembrare a priva vista molto bucolico e lontano dalle possibilità di ognuno, posso assicurarvi che seminare e coltivare magari anche solo le erbe aromatiche, un insalata od un pomodoro è di grandissima soddisfazione e richiede solo un po di cura, entusiasmo ed in realtà pochissima fatica, ripagata ampiamente. Posso dirvi per esperienza che il tutto è molto distensivo e permette di sentirsi parte integrante della natura di cui facciamo parte.

L'esperienza più bella, che sicuramente chi coltiva un orto conosce bene, è forse la possibilità di scambiare con gli altri il frutto del sudatissimo lavoro. Infatti, può capitare spesso di ritrovarsi, al di là delle più rosee previsioni, con una marea di verdure e di essere obbligati per non sprecare questo piccolo tesoretto di salute a conservarlo, trasformarlo ed elargirlo a chi non ha ancora intrapreso una simile appagante esperienza. Cosa c' è di meglio, allora, che poter barattare il surplus con gli altri contattandoli in rete e garantirsi così sapori veri, genuinità e non ultimo di questi tempi, un grosso aiuto al portafoglio?

E' veramente divertente navigare tra le varie categorie in cui è diviso il sito. Vi sono anche i video per condividere con tutti le proprie esperienze, successi ed addirittura istruzioni per ottenere un orto in un terrazzo. Se non sapete cosa comprare o quando seminare, oltre alle varie schede degli ortaggi, si può trovare il lunario e le previsioni meteorologiche che sono utilissime per sapere quando seminare, bagnare o limitarsi a guardare crescere le proprie creature. Per ogni dubbio vi è anche la possibilità di chiedere consiglio agli altri fruitori e novelli coltivatori.

Che dire di più? Buon divertimento a tutti.

Dafne Crea - Redazione Ecopolis


Succede in città


>>> giovedì 24 maggio

Mettiamoci Il Sole In Casa Una serata informativa per approfondire le opportunità derivanti dal Sole attraverso la scoperta degli impianti solari termici e fotovoltaici. Cercheremo di approfondire e di capire come potranno evolvere gli incentivi statali, come accedere ad un finanziamento bancario per un impianto a costo zero e scopriremo le nuove offerte del Gruppo di Acquisto Solare.L’appuntamento alle ore 21.00 presso la saletta AUSER di via Varese 4

Festa dei Popoli 2012 – XXII edizione Ore 18.30 Medici senza Frontiere presenta il libro L’ALTRA FACCIA DELLA TERRA di Monica Triglia. Presente l‘autrice. Letture di brani a cura di Erica Taffara di Teatro Continuo.
ore 21.00 LA FUERZA DEL SUD AMERICA. Un ideale viaggio per l’America del Sud, con Atucà, indio Olegui, il gruppo Piel y Madera e danze. Partecipa il coro dell’Istituto Scalcerle di Padova. Durante la serata è possibile degustare cibo argentino. Isola Memmia, Prato della Valle.

>>> venerdì 25 maggio

Doppio appuntamento con Azra Nuhefendic, giornalista e autrice de "Le stelle che stanno a guardare", diciotto cronache, in gran parte inedite, per narrare pezzi di vita di un Paese scomparso (la Jugoslavia) e di un Paese che presto potrebbe scomparire (la Bosnia Erzegovina), nell'ambito delle iniziative organizzate in occasione del ventennale della guerra in Bosnia organizzate da ACS. Ore 18.00: Padova - libreria Feltrinelli, Via S. Francesco 7; interviene Gianna Tirondola Ore 21.00: Cadoneghe - Sala del Consiglio Comunale, Piazza Insurrezione 1; intervengono Giovanni Petrina - Assessore alla Cultura del Comune di Cadoneghe, Mario Fiorin del Comitato di sostegno alle forze e iniziative di pace e Bruno Maran - fotografo di "Stampa Alternativa". Ingresso libero.

Festa dei Popoli 2012 – XXII edizione Ore 21.00 Isola Memmia, Prato della Valle
Spettacolo DANZE DAL MONDO. Una serata dedicata al ballo di ogni parte del mondo, con esibizioni di danzatori di diverse provenienze e la partecipazione della scuola di ballo Baila Mami e dell’associazione Antico Cerchio.

>>> sabato 26 maggio

Stella D’italia Accogliamo i camminatori di Stella d'Italia nel loro arrivo a Padova e accompagnamoli in un breve tragitto nell'isola di Terranegra, bella e importante area verde cittadina. Durante il cammino saranno raccontate le due iniziative Salviamo il Paesaggio e Per un Parco agro-paesaggistico metropolitano tra la Brenta e il Bacchiglione, promosse di recente da una rete di realtà socio-economiche. Ritrovo alle ore 12.45 presso l'argine di fronte all'agriturismo la Scacchiera (Lungargine Gerolamo Rovetta 38) e arrivo in Municipio a Padova entro le 17.30 (circa 12 km di marcia). A seguire vi sarà possibilità di visitare assieme la mostra "De Chirico, fontana e i grandi maestri del novecento". Per aderire e per maggiori informazioni visita il sito www.legambientepadova.it/stella_italia

XXII FESTA DEI POPOLI Isola Memmia, Prato della Valle In Viaggio Verso Est
ore 19.00 Canzoni e danze a cura della comunità ucraina di Padova
ore 20.30 INTRECCI veneto-romeni tra musica, balli e degustazioni di cibi tradizionali, a cura dell’associazione italo-romena Columna.
Durante la serata è possibile degustare cibo rumeno e tradizionale veneto. Stand di associazioni e artigiani. Degustazione cibo bengalese e indiano.

Festival di Teatro di strada e musica al Portello. Carichi In Strada Seconda edizione del concorso dedicato all’ arte di strada con Vera Vu, Asssociazione Cirkolisti, Associazione La Scarpa Slacciata. A seguire concerto di Donne È Arrivato L’arrotino Band. Via Portello. Ore 16:30.

Bollicine per grandi e piccini Dalle ore 17,00 alle ore 19,00, nella Bottega del Mondo di Via Jacopo da Montagnana, 17 (zona Arcella), sarà offerto un aperitivo del Commercio Equo e Solidale. Accompagneranno la serata le Letture Animate, accompagnate dalla chitarra, per i più piccoli.

>>> domenica 27 maggio

XXII FESTA DEI POPOLI Ore 9.30 Prato della Valle – Lobo Santa Giustina GIOCHIAMO A MINIBASKET a cura di A.S.D. Petrarca Basket & U.S. Arcella, con il supporto della comunità Filippina. Patrocinio CSI e Settore Minibasket FIP Padova. ESIBIZIONE DI LOTTA LIBERA a cura dell’associazione moldava Bastina. Ore 12.00 Prato della Valle – Palco Isola Memmia STORIE DI LUPI - Uno spettacolo di burattini per bimbi, imperdibile anche per gli adulti, di e con Alberto De Bastiani. Poveri lupi, bastonati e maltrattati, sempre affamati ed evitati da tutti. Ma sono proprio così cattivi? Fanno così paura? Alle ore 13.00, il pranzo del lupo, a cura dell’associazione El Pericon. Ore 16.00 Prato della Valle – Isola Memmia apertura pomeriggio con BATUCADA e CAPOEIRA e SFILATA DELLA COMUNITA’. A seguire: spettacolo della comunità moldava. Ore 18.15 SALUTI delle autorità e PREMIAZIONE torneo minibasket. Ore 18.30 PREGHIERA INTERRELIGIOSA Riaccendiamo la speranza pregando insieme. Ore 19.00 MUSICHE E DANZE DAL MONDO con le comunità cinese del Veneto, croata, bengalese, nigeriana e altre ancora. Ore 21.30 CONCERTO FINALE con il Batuque Branco insieme a Villa El Salvador. Coreografie di capoeira e samba. Dalle ore 9.00: stand delle comunità, associazioni e di artigianato dal mondo. Dalle ore 12.00: degustazioni di cibi internazionali (Bangladesh, India, Romania, Argentina, Nigeria, Marocco). Dalle ore 15.00: Biblioteca vivente a cura di varie associazioni. Dalle ore 15.00: animazione per bambini a cura di ass. Patatrak.Alle ore 16.00: laboratorio ludico-didattico per bambini “Io + te = popoli” a cura ass. Icaro-Liberi di Volare Onlus

Festival di Teatro di strada e musica al Portello. Carichi In Strada Seconda edizione del concorso dedicato all’ arte di strada con Dolly Bomba, Ladri Di Cartapesta, Marta Pistocchi . A seguire concerto di Almudena. Via Portello. Ore 16:30.

>>> lunedì 28 maggio

Convegno Fine pena mai. Il punto sulla chiusura degli ospedali psichiatrici giudiziari. Presentazione del Comitato Veneto StopOPG(hanno già aderito: Antigone, Con-Tatto, Cgil Veneto, Fp Cgil medici, Fondazione Franca e Franco Basaglia, Orizzonti Venezia).Introduce e coordina: Giuseppe Mosconi, Associazione Antigone Padova. Interverranno: Stefano Dell"Aquila, Associazione Antigone Nazionale, Stefano Cecconi, Cgil nazionale e Comitato Nazionale Stopopg ,Franco Rotelli, Presidente Conferenza Permanente sulla Salute Mentale nel Mondo Franco Basaglia, Anna Poma, Portavoce Forum Veneto per la Salute Mentale, Peppe Mosconi, Associazione Antigone Padova, Anna Maria Marin, Avvocato Camera Penale Veneziana. E' stato invitato l'Assessore alla Sanità della Regione Veneto, Luca Coletto. Ore 20,30 Palazzo Moroni, Sala Anziani Via del Municipio 1, Padova.

>>> martedì 29 maggio

Notizie Dalla Palestina. Serata di approfondimento ed informazione sulla Palestina. ore 20.30 - Vicenza, Cooperativa Insieme, Via della Scola 255. Intervengono Antonino Rallo - Gruppo Amnesty International Vicenza e Miriam Gagliardi - Salaam - Ragazzi dell'Olivo Comitato di Vicenza, Testimonianza di due volontari dell'Associazione Papa Giovanni XXIII "Operazione Colomba - Corpo nonviolento di Pace". Ingresso libero. Iniziativa organizzata da Amnesty International - Vicenza e Salaam - Ragazzi dell'Olivo

Cineforum Tematico Punto di Vista "Bellezza: esiste una definizione che ne raccolga il senso? Quanto il valore estetico influenza i nostri rapporti?” Nel corso delle serate il tema verrà sviluppato secondo varie accezioni: artistica, urbana, corporea. Proiezione del film “La Belle et la Bête" di Jean Cocteau. In un mondo di magia e meraviglia “La bella e la bestia” rappresenta un punto di riferimento della cinematografia surrealista francese. Proiezione in lingua originale in collaborazione con Esther Perruca ed Hélène Lust del Servizio Volontario Europeo che introdurranno il film. sala polivalente della Scuola “Diego Valeri” in via Monte Santo 24. Inizio proiezioni ore 21:00, ingresso gratuito.

>>> mercoledì 30 maggio

Proiezione del film: KADOSH (SACRO) di Amos Gitai - Israele/Francia - 1999 - 110 ' nell’ ambito della 2a rassegna cinematografica La Storia, il Pensiero, l’Individuo .Sala Fronte del Porto Via S. Maria Assunta, Padova . Ore 21,00.Ingresso libero e gratuito fino a esaurimento posti.


***************


CORSI, SEMINARI E MOSTRE – iniziative prossime e future

19-20 maggio 26-27 maggio

Festival di Teatro di strada e musica al Portello Nato dalla collaborazione tra le associazioni culturali Progetto Portello e Carichi Sospesi. Durante lo svolgimento del festival avrà luogo la seconda edizione di Carichi In Strada, concorso finalizzato alla promozione e produzione dell’ arte di strada. Il concorso selezionerà un lavoro teatrale per la prossima edizione del festival La Luna nel Pozzo di Caorle. Le rappresentazioni teatrali saranno seguite da sessioni di musica popolare dal vivo. Partecipazione gratuita. Via del Portello. Dalle 16:30 in poi.

Nel 2012 la dodicesima edizione del «Summer Student Festival», che lancia la parola d'ordine "Je ne t'aime plus ". Uno dei festival di musica contemporanea ed indipendente più importanti e qualitativi del Nord-Est. Line-up: 25.05 Neon Indian (USA) + Dumbo gets mad (ITA). 26.05 Seven That Spells (HR) + Squadra Omega + AFTERPARTY @ Studio 2 w/Stellar Om Source dj set + TBA. 27.05 Lower Dens (USA) + Stellar Om Source LIVE (NL). 28.05 Ed Laurie (UK). 29.05 Sandro Perri (CAN) + Jesper At Work (ITA). 30.05 Fenster (DE) + 2Pigeons (ITA)+ Lo Stato Sociale (ITA). 31.05 Com Truise (USA) + LAFIDKI (FR). 01.06 Voices From The Lake (ITA) + Upperground Orchestra feat Morphosis (ITA) + The Frag dj set. CLOSING PARTY till late @ Studio 2 w/
Dozzy + Neel + Morphosis + The Frag dj set.

Bando di selezione artisti - Traversata del Solstizio d'estate 24 Giugno 2012. L'Associazione Culturale Totem di Este (PD), le compagnie teatrali MenTalmente Instabile e Via Rosse, i gruppi musicali Malazeta e Calicanto, le associazioni La Vespa ed Euganea Movie Movement, gli amici dei Samizdat in occasione della "Traversata del solstizio d'estate 2012", dedicata quest'anno alla figura di Aldo Pettenella nel decennale della sua scomparsa, selezionano opere artistiche da installare lungo il percorso che si snoderà lungo i sentieri dei Colli Euganei nell'ormai consueto tragitto da Este a Bastia. Maggiori informazioni su http://associazionetotem.blogspot.it/2012/02/bando-di-selezione-artisti.html


**********************************

Gli orari di Salvalarte

I volontari di Salvalarte da vari anni si impegnano nelle aperture di monumenti che altrimenti rimarrebbero inaccessibili.

Oratorio di Santa Margherita via San Francesco 51, orari di apertura: da martedì a sabato dalle 10.00 alle 12.00; da lunedì a sabato dalle 16.00 alle 18.00 (orario invernale*), dalle 16.30 alle 18.30 (orario estivo*).

Ponte romano di San Lorenzo Piazza Antenore, orari di apertura: sabato mattina dalle 10.00 alle 12.00; sabato pomeriggio dalle 16.00 alle 18.00 (orario invernale*), dalle 16.30 alle 18.30 (orario estivo*). ATTENZIONE: momentaneamente chiuso per lavori; apertura prevista a maggio. Contattare Legambiente per verificare la fine dei lavori di restauro e la riapertura del monumento.

Scuola della Carità via S. Francesco 61, orari di apertura: giovedì e sabato dalle 10.00 alle 12.00; giovedì, venerdì e sabato dalle 16.00 alle 18.00 (orario invernale*), dalle 16.30 alle 18.30 (orario estivo*).

Torre dell'orologio piazza Capitaniato 19, orari di apertura: mercoledì, venerdì e sabato dalle 10.00 alle 11.30, visite ogni 30 minuti con gruppi di massimo 10 persone.

Reggia Carrarese via Accademia n.7, orari di apertura: mercoledì, venerdì e sabato dalle 10.00 alle 12.30.

* Periodo invernale: 1/11 > 30/4. Periodo estivo: 1/5 > 31/10

 

*************************

Iscriversi a Legambiente Padova è semplice

Potete venire nella nostra sede in Piazza Caduti della Resistenza n°6 (ex Piazzetta Toselli, capolinea autobus n°9) in orario d'ufficio (sabato e domenica chiuso).

Conto Corrente Postale: potete effettuare un versamento sul c/c postale n. 36037091 con causale: iscrizione 2012 a Legambiente e tipologia socio.

Bonifico Bancario: potete effettuare un versamento sul c/c bancario n. 100125 intestato a Legambiente Volontariato Padova, presso Banca Etica codice Iban: IT 07 Z 05018 12101 000000100125.

Carta di Credito: potete effettuare il versamento tramite carta di credito visitando il nostro sito internet

 

Tipologie di tessere 2012

· SOCIO JUNIOR fino a 14 anni (nati dal '98 in poi) - riceve "Jey" via mail - 10 €

·  SOCIO GIOVANE da 15 a 28 anni (nati dal 1984 al 1997) - 15 €

·  SOCIO ORDINARIO - con abbonamento a "La Nuova Ecologia"- 30 € - Socio Ordinario senza abbonamento a "La nuova Ecologia" -  20 €

·  SOCIO SCUOLA E FORMAZIONE - con abbonamento a  "La Nuova Ecologia" e newsletter elettronica "Formazione Ambiente"- 30 € - Socio Scuola e Formazione senza abbonamento a "La nuova Ecologia" - 20 €

·  SOCIO SOSTENITORE - riceve "La Nuova Ecologia" e il volume "Ambiente Italia" - 80 € - Socio Sostenitore senza abbonamento a "La nuova Ecologia" - 70 €

·  TESSERA COLLETTIVA* - con abbonamento a  "La Nuova Ecologia"  - 50 € - Tessera Collettiva* senza abbonamento a "La nuova Ecologia" -  40 €

* I soggetti collettivi non possono fare tessere diverse da quella collettiva; in caso contrario la quota andrà come donazione.

Iscriversi a Legambiente è vantaggioso: presentando la tessera di Legambiente 2012 in numerosi esercizi padovani si ottengono sconti.


Clicca qui per cancellarti dalla newsletter