Iscr. Reg. Trib. di Padova n. 1920 del 14/12/04
8/11/2012 Newsletter num 356 inviata a 13110 iscritti

Dona il tuo 5 per 1000 a Legambiente

Primo Piano

A Mario Monti una lettera sull'Idrovia


Una lettera è stata mandata nei giorni scorsi dall'Associazione "Salvaguardia Idraulica del territorio padovano e veneziano" al Presidente del Consiglio prof. M. Monti: per ricordargli che l'idrovia incompiuta tra Padova e l'Adriatico è inserita nella lista di canali fluviali, definita da un Trattato Internazionale sui corsi d'acqua interni. Legambiente condivide la lettera i contenuti della lettera e ne dà pubblicazione.

Ambiente

Una replica sulla riqualificazione di via Avanzo


Via Avanzo: una strada infelice, degradata, a fianco ai binari, a scorrimento veloce, eppure residenziale. Ora arrivano 600mila euro per un progetto di riqualificazione. Il progetto però va rivisto, deve essere migliorativo da un punto di vista ecologico, e badare al quartiere - non a incentivare il traffico automobilistico.

Democrazia Urbana

Gli abbonati al bicipark "sul pedale di guerra"


Legambiente, da sempre attenta alle tematiche che favoriscono e promuovono l'ecosostenibilità ed un maggior utilizzo della bicicletta nella città di Padova, riscontra come ci siano ancora delle difficoltà nell'incentivare l'utilizzo delle due ruote. Gli utilizzatori del bicipark sono sul “pedale di guerra”. Se volete saperne di più, continuate a leggere.

Cemento che ride

Servono nuove politiche per l'edilizia


L’eccesso di produzione edilizia rispetto al fabbisogno, testimoniata dall’enorme quantità di edifici residenziali, commerciali e industriali invenduti, costituisce una delle cause della crisi attuale. Il settore delle costruzioni dovrà ripensare il suo ruolo e orientarsi verso la valorizzazione e il recupero dell’esistente. Ma per questo servono prima di tutto scelte politiche.

Media e messaggi

Dialogo davanti alla Cappella degli Scrovegni


Sergio Costa, degli Amissi del Piovego, ci segnala questo articolo, pubblicato sulla rivista Il Mulino, in cui il grande restauratore Bruno Zanardi (suoi, tra gli altri, i restauri della colonna Traiana, del Battistero di Parma e degli affreschi della Basilica di Assisi) dialoga con un ignoto interlocutore mettendo in discussione la sicumera dei tecnici sui rischi per i dipinti di Giotto.

Succede in città

Scrivere di mafie

 

Sabato 10 novembre 2012, ore 10 - Giovanni Tizian discute con Maurizio Dianese, Il Gazzettino, e con Giovanni Viafora, Corriere del Veneto.

La letteratura e le inchieste condotte dalla magistratura ci confermano come nel Veneto la presenza delle mafie sia ormai di lunga durata. Malgrado ciò mancano fondamentali elementi di conoscenza sulle modalità, qualità ed estensione dell'insediamento delle organizzazioni criminali in terra veneta. Ne consegue che la definizione di quadri conoscitivi persuasivi sia particolarmente faticosa e stentata. Il pericolo è che l'operatività delle organizzazioni criminali nel nostro territorio venga sovrastimata - «tutto è mafia» - o sottovalutata ed infine rimossa. Risulta opportuno porsi alcune domande di fronte a questa realtà: come avvengono e si strutturano le connessioni con l'economia legale? Quali gli effetti sull'economia e sui beni comuni? Quale il ruolo della corruzione?

Giovanni Tizian è un giornalista calabrese di 29 anni. Laureato in criminologia a Bologna, ha iniziato a scrivere con la Gazzetta di Modena nel 2006 (con cui collabora tuttora) per la quale si è occupato di infiltrazioni mafiose, conducendo numerose inchieste giornalistiche sul clan dei casalesi. Ha scritto per il portale d'inchiesta rivistaonline.com e Liberainformazione. Oggi scrive per i giornali del gruppo l'Espresso.

Gli incontri sono aperti al pubblico e si svolgeranno dalle ore 10.00 alle ore 12.30 preso la Plip di Mestre, via San Donà 195/c, raggiungibile comodamente dalla stazione ferroviaria e dalla tangenziale. Su www.centraleplip.it le indicazioni  stradali. Presso la Plip è aperta un ottima osteria  bio-solidale.

osservatorio@legambienteveneto.it
http://www.osservatorioambientelegalitavenezia.it
SCARICA IL FLYER

Clicca qui per cancellarti dalla newsletter