Ecopolis 373 - Idrovia, fuori dai cassetti - Fotovoltaico per tutti - Nuovo ospedale, serve?

Menu di servizio

scrivici
segnala una notizia
utilizza il Car Sharing
segnala un sito, un libro
visita il sito di Legambiente
iscriviti a Legambiente
numeri precedenti

Iscr. Reg. Trib. di Padova n. 1920 del 14/12/04
21/3/2013 Newsletter num 373 inviata a 13183 iscritti
Sostieni Legambiente
Padova

Primo Piano

Idrovia, fuori dai cassetti

E’ ora di riconsiderare nel loro insieme tutte le opere infrastrutturali finora sostenute dalle amministrazioni che da anni guidano il Veneto. Serve privilegiare quelle fluvio-navali rispetto a quelle stradali, ancora in stadio di progetto chiuse dentro ai cassetti. Ma chi tra la classe dirigente veneta l’ha capito? Un articolo di Carlo Crotti.

Ambiente

Rinnovabili, acquistare assieme è meglio

300 kw di impianti fotovoltaici nella bassa padovana, 80 famiglie coinvolte, un risparmio del 15% sui prezzi di acquisto. Sono i numeri del IV gruppo d’acquisto solare promosso da Sportello energia, un servizio di Padova TRE e Legambiente. In un anno particolarmente difficile, fra fallimenti d’azienda e cambio del conto energia.

Democrazia Urbana

L'emergenza comincia adesso. Non lasciamoli soli

Il 28 febbraio il Governo ha messo fine al Piano di accoglienza per l’Emergenza Nordafrica, ma i profughi non sono spariti. Appello di associazioni, giuristi e docenti a sostegno dei profughi.

Cemento che ride

A Padova non serve un nuovo ospedale

Per i cittadini padovani un nuovo ospedale sembra non essere una priorità. Inoltre il possibile taglio dei posti letto e del personale e le modalità di finanziamento del progetto fanno pensare a logiche di profitto economico più che al soddisfacimento delle necessità sanitarie della città.

Media e messaggi

Take the bus!

Arriva (piano piano, ma arriva!) la bella stagione: tempo di gite fuori porta, vacanze, spostamenti. Ma ogni spostamento può diventare un’agonia e un motivo per inquinare… E allora è più fubo viaggiare in gruppo: usiamo il trasporto pubblico!

Succede in città

Rugbyland. Viaggio nell'Italia del rugby

 

Saranno due le occasioni per scoprire Rugbyland, viaggio nell'Italia del rugby, il nuovo libro di Andrea Ragona, Presidente di Legambiente Padova: alla Feltrinelli di Padova alle 18:00 di venerdì 22 marzo e presso l'osteria L'Anfora di via Soncin alle 11:30 di sabato 23 marzo. Andrea Ragona torna a viaggiare dopo il successo di Yugoland, con i disegni di Gabriele Gamberini, la prefazione di Claudio Bisio e il manuale del gioco di Edoardo Gori.

Rugbyland è la prima guida al mondo del Rugby italiano fatta di interviste, testimonianze, foto, disegni e fumetti, con un pratico manuale sulle regole fondamentali del gioco scritto dal mediano di mischia della nazionale Edoardo Gori.

Dentro si possono trovare un sacco di cose: Il Veneto secondo Vittorio Munari. Diego Dominguez e la città di Milano. L’Aquila Rugby e i giorni del terremoto. Le città di mare nell’esperienza di Marco Bollesan. Il rugby degli Azzurri e quello dei Torelli Sudati Rugby Club. Un viaggio nelle città italiane del rubgy in compagnia di chi il rugby l’ha visto – e soprattutto – lo vive.

“Il rugby è caratterizzato da quattro elementi fondamentali: il primo e più importante è l’aggressività, se in campo non sei aggressivo puoi anche smettere di giocare, perché quando scendi in campo la prima cosa che devi fare è impedire all’avversario di respirare e di ragionare; la seconda cosa è la tecnica. Devi imparare a fare le cose bene, come i passaggi e i cali. La terza, importante come la seconda, è l’intelligenza, la capacità di riuscire a capire nel più breve tempo possibile la logica del gioco, quello che sta succedendo in campo. Quando hai imparato a fare bene queste tre cose, e solo allora, puoi pensare a sviluppare i muscoli. Il rugby è un gioco di testa.” - dall’intervista a Diego Dominguez

Clicca qui per cancellarti dalla newsletter

Disclaimer: Precisiamo che l'indirizzo e-mail a cui è stato inviata questa newsletter è stato reperito in siti web pubblici o recuperato tra gli indirizzi di e-mail pervenuti a Legambiente Padova, o comunque autorizzato dal proprietario. In ottemperanza alla direttiva europea sulle comunicazioni on-line (direttiva 2000/31/CE), se non desideri ricevere ulteriori informazioni e/o se questo messaggio ti ha disturbato, clicca sul link che trovi in fondo a questa email.
No copyright: tuti i testi e le immagini di questa newsletter sono liberamente riproducibili, fatto salvo l'obbligo di citazione della fonte.