OZONO: RAGGIUNTO IL LIMITE ANNUALE
“Dalla nuova giunta ci aspettiamo scelte strategiche”

07/07/2017

“Ieri– dichiara Lucio Passi, portavoce di Legambiente Padova – “il valore per la protezione della salute umana dall’Ozono, che è di 120 microgrammi per metro cubo d’aria, è stato superato per 25 giorni dall’inizio della stagione calda: limite massimo annuale previsto per leggeDal 2004 (cioè da quando l’Arpav fornisce i dati sul limite per la protezione umana), la nostra città ha sempre superato il limite annuale: da ieri Padova è fuorilegge per l’ozono da 14 anni consecutivi.

Si noti inoltre che quest’anno il limite è stato raggiunto molto prima che negli scorsi anni ad esempio nel 2016 fu raggiunto il 1 agosto, nel 2015 il 13 luglio e nel 2014 il 21 luglio.”

"Dalla nuova giunta ci aspettiamo un cambio di passo nella lotta allo smog– continua Passi anche perché l’ozono–  prodotto principalmente dal traffico veicolare-  è il contraltare estivo dell’inquinamento da polveri sottili (PM10) dei mesi più freddi. PM10 che a Padova nel 2017 ha già superato i 35 giorni consentiti di sforamenti giornalieri arrivando a 48.”

“E’ fondamentale –continua Passi - che nella nuova Giunta chi ha le deleghe all’Ambiente e alla Mobilità collabori strettamente per avviare in modo urgente azioni strutturali sulla mobilità urbana, disincentivando seriamente il traffico privato e promuovendo modalità sostenibili di trasporto di persone e merci, a partire dal potenziamento del trasporto pubblico. Dalla malattia dello smog si può uscire: gli  ingredienti della ricetta sono: alberi che tornano a essere i protagonisti del centro e delle periferie, reti ciclabili e ciclabilità diffusa, potenziamento dei mezzi pubblici utilizzando gli introiti derivati dalle multe degli autovelox e forme di tariffazione per scoraggiare l’utilizzo delle auto, organizzazione del car pooling urbano (auto condivise), potenziamento di car e bici sharing” conclude Passi.


Legambiente Padova 049 8561212

Categoria: smog | comunicati stampa      

menu' gestione