SONDAGGIO SULLA SENSIBILITÀ AMBIENTALE DEI PADOVANI

21/12/2019

SONDAGGIO SULLA SENSIBILITÀ AMBIENTALE DEI PADOVANI

LEGAMBIENTE: “LA CONSAPEVOLEZZA AMBIENTALE E’ DIFFUSA E RADICATA. TRASFORMIAMOLA IN AZIONI PER IL CAMBIAMENTO

“Il sondaggio diffuso dai quotidiani locali sulla sensibilità ambientale dei padovani inquadra  in particolare la mobilità sostenibile. In buona sostanza   – dichiara Lucio Passi, responsabile politiche antismog di Legambiente Padova –conferma il punto di vista di Legambiente su questi temi.”

Nel 2019 – sottolinea Passi, la questione climatica e in generale quella ambientale si è imposta come mai prima. Sono molti a definirla il tema del secolo. Merito del movimento giovanile dei  Fridays for Future ma anche del lavoro decennale delle associazioni ambientaliste.” 

“Quando, Sergio Lironi ed io – ricorda Passi - con un pugno di amici fondammo Legambiente a Padova nel 1985, molti ci liquidarono come ingenui utopisti. Ora non è più così. Negli ultimi dieci- quindici anni è aumentata sempre più una diffusa attenzione verso l'ambiente producendo nuovi e coerenti stili di vita. E cresce anche la consapevolezza che vadano cambiati i meccanismi economici, sociali e politici che hanno prodotto l'attuale drammatica crisi ecologica.

Non ci stupisce quindi il favore dei nostri concittadini verso la nuova linea del Tram,  l'espansione della ZTL, la consapevolezza  che debbano circolare meno automobili (con la conseguente diminuzione dello smog), a fronte della richiesta di un trasporto pubblico potenziato. Obiettivi per i quali Legambiente si batte da anni. Prendiamo atto che secondo il sondaggio la maggioranza vuole un parcheggio alla Prandina, ma non ci scoraggiamo. Con autobus molto più frequenti (5-7 minuti) al servizio di parcheggi scambiatori al limitare della città saranno in tante le persone che lasceranno l'auto. Ma bisogna trovare le risorse per farlo.

Il necessario cambiamento globale però si scontra con grandi resistenze di gruppi di potere ancorati alla vecchia idea della crescita illimitata. Come giustamente sostengono

i giovani dei  Fridays for Future non c'è più molto tempo per invertire la rotta. E’ necessario che la sensibilità ambientale si trasformi in azioni per il cambiamento.

 


Categoria: comunicati stampa      

menu' gestione