ABBATTIMENTI ALBERI#st#SERVE UN REGOLAMENTO COMUNALE DEL VERDE

Trasparenza, comunicazione e certezza delle regole
Periodicamente si ripropone a Padova lo scontro tra Istituzioni e cittadini sulla gestione del verde. Da un lato l’amministrazione dichiara che il verde aumenta non solo in quantità ma anche in qualità, dall’altro i singoli si organizzano in  comitati lamentando drastici abbattimenti di alberi. E’ possibile che stiano parlando della stessa città?

“Partiamo da un punto fermo . dice Sandro Ginestri del Direttivo di Legambiente Padova – gli alberi  sono un bene comune, caro a tutti e Padova ha assolutamente bisogno di regole chiare che mettano nero su bianco i criteri, anche tecnici, della gestione del patrimonio arboreo della città.

Basterebbe seguire l’esempio di  numerose città italiane che si sono già dotate di un Regolamento del Verde stabilendo per esempio, il divieto di effettuare capitozzature (la potatura della cima di un albero) o l’obbligo della sostituzione di alberi abbattuti specificando le essenze autoctone da utilizzare, i periodi dell’anno in cui intervenire e altri elementi di qualità da inserire nei bandi di appalto per individuare le ditte che eseguiranno i lavori di potatura e manutenzione ordinaria e straordinaria. Un buon Regolamento sul Verde inoltre esalterebbe le competenze del settore verde comunale, che naturalmente dovrebbe essere fornito di maggiori risorse.

Invece a Padova la complessa materia è regolata solo attraverso alcuni articoli del regolamento edilizio, del tutto insufficienti a chiarire come intervenire ma anche per innescare comportamenti virtuosi fra i cittadini. Sono tantissime infatti le segnalazioni che  giungono settimanalmente a Legambiente di liti fra condomini o vicini per ventilati abbattimenti di alberi. Ed anche tanti quesiti: qual è il margine di azione di un privato, quando, se e come può intervenire, sono questioni legittime nel momento che un albero anche se sorge in un terreno privato è in realtà un patrimonio della collettività. Ma ci sono altre domande che oggi rimangono troppo spesso senza risposte: la soluzione per un albero malato è solo l’abbattimento? ci sono interventi preventivi?

“Un primo passo – conclude Ginestri –  potrebbe essere fatto all’insegna di una maggior trasparenza, specie per quanto riguarda gli abbattimenti  sul suolo. Visto che esistono delle “cartelle cliniche” con lo stato di salute per ogni albero della città, perché non renderle pubbliche e facilmente accessibili da tutti utilizzando un database accessibile via internet?"