MARCIAMO PER LA PACE: TRASFORMIAMO LE CASERME IN PARCHI


    Clicca qui
per accedere alla pagina interamente dedicata alla Marcia per la Pace con anche volantino, locandina, pagina ed evento facebook.
 

COMUNICATO STAMPA

Un folto gruppo di Associazione cittadine promuovono a Padova la Marcia per la Pace “Dalle caserme ai parchi” l’11 maggio alle ore 9.30: Ritrovo al “Liston” di fronte al Comune  alle 9.30 (Vedi programma completo in basso).

Vogliamo – spiegano Gianna benucci di Assopace e sandro Ginestri di Legambiente – accendere i riflettori in città sulle ex caserme ed edifici militari presenti, affinché quegli spazi siano messi a disposizione dei cittadini, soggetti organizzati, istituzioni. Dal censimento delle aree ex militari risulta che ci sono molti siti inutilizzati che dovrebbero  essere restituiti alla Città: la caserma Romagnoli, lex tribunale militare di Via Altinate, la caserma Salomone, la Piave, lOspedale militare, il Circolo ufficiali, il Centro sportivo militare; la caserma Prandina.

Chiediamo in particolare che il Comune si attivi affinché gli spazi ex-militari, a partire dalla Caserma Prandina e dalla Caserma Romagnoli, si trasformino in aree a servizio della Comunità: un parco, una piazza di quartiereevitando speculazioni edilizie, o che siano trasformati in parcheggi o grandi strutture commerciali.

Lo stesso Ministero della Difesa ha recentemente impresso un’accelerazione alla dismissione di 385 caserme e presidi di pertinenza del demanio militare, come previsto nell’ambito del federalismo fiscale.

Inoltre, abbiamo pensato che la Marcia possa essere un momento di riflessione sul significato della Pace Urbana: cittadinanza, accoglienza, territorio come luogo di vita per la comunità. Una città che guardi al futuro delle sue generazioni con la realizzazione di spazi verdi, luoghi di incontro, spazi per attività sociali, culturali e ricreative; che difenda e sviluppi lAmbiente, che aiuti le famiglie a superare il disagio economico e sociale.

Questa Marcia cade in un anno molto speciale: a 100 anni dalla “inutile strage” della prima guerra mondiale, a 22 anni dalla guerra nell’ex Jugoslavia, nel pieno delle nuove tragedie sul Mar mediterraneo, con tanti conflitti in corso in tante parti del mondo. E’ necessario che lItalia, lEuropa, lONU si facciano carico delle migliaia di persone che subiscono violenze, con gli strumenti da tempo richiesti: i Corpi di intervento civile di pace, le azioni nonviolente, la cooperazione internazionale.

A Padova da molti anni il Consiglio Comunale ha dichiarato che la città è città per la Pace e che è contro contro l’acquisto dei cacciabombardieri f35, richiesta che rilanciamo con forza.”

 

PROGRAMMA:

– Ritrovo di fronte Palazzo Moroni alle 9.30. Intrattenimento con il gruppo musicale "DJOLIBE’ DJEMBE’ FAMILLY" e spiegazione di alcuni Segnali di Pace a cura del MIR.

– PARTENZA ORE 10.00
Percorso: via Cavour – Piazza Garibaldi – via Emanuele Filiberto – Corso Milano – via Vicenza-via Chiesanuova.

– Sosta al Parco dell’Ex Caserma Prandina con letture "Voci di donne contro la guerra" a cura di Donne in Nero.

– Conclusioni ore 12.30 alla ex Caserma Romagnoli: monologo tratto da letture "Fiori Fragili. Ortigara 1917" di Riccardo Benedetti a cura della Compagnia Initinere.

 

PROMUOVONO E ADERISCONO

Promotori: Associazione per la Pace, A.C.S., A.N.P.I., Donne in nero, Legambiente, Mani Tese, M.I.R., Perilmondo onlus, Studenti PerUDU, Rete degli studenti medi, CGIL di Padova.
Aderenti: ACLI di Padova, Agronomi e Forestali Senza Frontiere, Al Quds, Amici dei Popoli, Amissi del Piovego, ARCI, Associazione Culturale Movimentamente, Associazione per la Decrescita, Associazione Incontrarci, Associazione Musicale "Coristi per Caso", Associazione Studenti Universitari, Biorek, Beati i Costruttori di Pace,  Centro Diritti Umani Università di Padova, Circolo Wigwam il Presidio, CGIL Padova, CGIL Veneto, Funzione Pubblica CGIL Veneto, Comitato Piazza San Carlo, Comitato Cave Chiesanuova, Comunità Palestinese del Veneto, Confederazione Italiana Agricoltori, Coop I Dodici mesi Osteria Fuori Porta, Giuristi Democratici di PadovaGiorgio Ambrosoli, Jonathan cooperativa sociale, Libera Giovani, Rete Radiè Resh, Rete di architetti urbanisti "Città Amica", Xena.