PM10 DA 12 GIORNI CONSECUTIVI SOPRA IL LIMITE DI LEGGE
Gravi i danni alla salute, giusto il blocco del 20

Continua la cappa del Pm10. Ieri era 108 microgrammi contro il limite giornaliero di legge di 50 microgrammi per metro cubo d’aria, superato consecutivamente da 12 giorni. Dal primo gennaio sono già 27 supermenti del limite giornaliero su 35 consentiti dalla legge in una anno.

E’ dunque giusta la scelta del Comune di Padova, appoggiata dalla Provincia, di organizzare il bloccato totale del traffico in tutta la città coinvolgendo anche i comuni con più di 15 mila abitanti – dichiara Lucio Passi, portavoce di Legambiente Padova. Inutile è invece il lavaggio strade, ricerche già svolte da tempo dimostrano che il lavaggio delle strade non ha alcun effetto significativo sulle concentrazioni di Pm10 sopra l’area lavata: ciò dipende dal limitato contributo della componente “suolo” alle concentrazioni di Pm10.

La situazione è gravissima – continua Passi, portavoce di Legambiente Padova – perché gli effetti del Pm10 sulla salute si manifestano in presenza di picchi come quelli di questi giorni, soprattutto se perdurano. Le indagini epidemiologiche rilevano l’aggravamento di sintomi respiratori e cardiaci in soggetti predisposti, la comparsa di infezioni respiratorie, l’aumento di crisi d’asma fino a disturbi circolatori ed ischemici, e nei casi più gravi alla morte.

Per proteggersi individualmente va limitata il più possibile la permanenza all’aperto soprattutto in strade molto trafficate, in particolar modo per bambini, anziani e soggetti che già accusano malattie respiratorie. E non è proprio il caso di fare attività fisiche o sportive all’aperto che comportino iperventilazione.