Dal convegno su Prato: "Si ripensi il progetto"

02/12/2010
Molti i politici intervenuti, tra cui il Vice Sindaco Ivo Rossi, l’ex Sindaco Settimo Gottardo, Andrea Colasio, Assessore alla Cultura del Comune, Daniela Ruffini, Presidente del Consiglio Comunale,  il consigliere comunale dell’IDV Fabio Scapin, Luca Littamè consigliere Comunale della Lega Nord, Fabio Casetto di Sinistra Ecologia e Liberta Francesco Fiore in rappresentanza degli Ecologisti del Partito Democratico: molte le contrarietà ed i distinguo sul progetto di silos interrato sotto Piazza Rabin, anche tra diversi i componenti della maggioranza.

Ecco il documento conclusivo licenziato dal convegno.

 Le Associazioni promotrici ed i partecipanti al convegno “Prato della Valle – dal restauro del monumento alla rivalutazione dell'area” svoltosi presso l'Accademia Galileiana, sabato 27 novembre 2010

denunciano

l'attuale stato di abbandono dell'Isola Memmia, del Prato della Valle e più in generale dell'intero “Sistema Prato della Valle” così come definito dalle Norme Urbanistiche, tuttora in vigore, dovuto alla mancanza di interventi, anche di manutenzione ordinaria. Ciò è determinato dall'assenza di un progetto complessivo di salvaguardia e recupero del Monumento mentre assistiamo ad interventi (Proget Financjng su Piazza Rabin, Piano Crotti, vendita di Palazzo Angeli, interventi dell'Università sull'Orto Botanico) che, se realizzati, distruggeranno per sempre la valenza monumentale del Monumento e dell'intero Sistema;

esprimono

totale condivisione e sostegno al parere della Soprintendenza ai Beni Architettonici del 9 luglio 2010 che considerano culturalmente e formalmente ineccepibile;

 chiedono

alla Stessa di difendere e di mantenere con decisione quanto espresso nel suddetto parere;

si impegnano

a sostenerlo in ogni modo ed in tutte le sedi, locali nazionali ed internazionali, per la sua integrale applicazione.

 
Valutata attentamente la situazione e preso atto del dibattito culturale politico ed amministrativo che si sta sviluppando in città

chiedono

al Sindaco, alla Giunta ed al Consiglio Comunale

a) di fare proprio il documento della Soprintendenza ed, in regime di autotutela, di abbandonare il Proget Financjng e di ripensare integralmente il Piano Crotti;

b) di resistere al ricorso al Tar Veneto operato dai privati, accettando il parere della Soprintendenza;

c) di rinunciare alla vendita di Palazzo Angeli;

d) di avviare un progetto complessivo di recupero del Monumento Prato della Valle e di riqualificazione culturale ed urbana dell'intero Sistema, anche riprendendo in considerazione progetti già predisposti su incarico dell'Amministrazione stessa e depositati presso la stessa, con la sua progressiva trasformazione in Zona a traffico limitato al fine di garantire, in coerenza con le motivazioni del vincolo ministeriale:

la permeabilità visiva e percettiva fra lo spazio del Prato della Valle e quello retrostante attraverso il cosiddetto “Avancorpo” dell'ex Foro Boario;

la permeabilità pedonale, che permetta di superare le attuali cesure e di ricucire lo spazio tra il Prà, l'ex Foro Boario ed il Complesso di S. Giustina;

il restauro integrale dell'Isola Memmia, basato su una approfondita ricostruzione storica e filologica;

il recupero delle statue, la loro collocazione in luogo protetto e la sostituzione di quelle originali con delle copie;

il pieno restauro di tutti i beni architettonici dell'intero “Sistema” e lo stombinamento del canale Alicorno;

di intervenire immediatamente presso l'Università con lo scopo di verificare l'impatto dei lavori di ampliamento dell'Orto Botanico, verificandone la compatibilità con lo stesso e con i Beni Culturali adiacenti, anche prendendo in considerazione la possibilità di sospenderli, in attesa dei necessari approfondimenti culturali, tecnici ed amministrativi.

 Legambiente Padova

Categoria: ecopolis | urbanistica | primo piano | ecopolis      

menu' gestione