CONSIGLIO COMUNALE SUL RISCHIO IDRAULICO
Positiva la mozione della maggioranza, ma debole sulla prevenzione

Dopo gli allagamenti che hanno colpito Padova, il Consiglio Comunale di lunedì 12 Luglio finalmente discuterà di rischio idraulico. La maggioranza proporrà una mozione contenente diversi utili interventi straordinari, ma che a parere di Legambiente è debole sul versante della prevenzione. In essa, tra l’altro si propone il raddoppio dell’idrovora “a Voltabarozzo; il rifacimento ed ampliamento della rete fognaria del bacino Forcellini-Canestrini – Crescini; la nuova idrovora di San Gregorio; la realizzazione del nuovo canale scolmatore Limenella- Brenta; la sistemazione idraulica fognaria del Bacino Montà…
 

Non si parla però della necessità di una sospensione temporanea di nuove lottizzazioni (moratoria edilizia) nelle aree menzionate sino all’attuazione degli interventi straordinari previsti, sia per non aggravare il carico idraulico, sia per tutelare il diritto dei cittadini acquirenti.

Per quanto riguarda l’utilizzo dell’idrovia come scolmatore, per ragioni di carattere giuridico alla mozione non viene allegato il testo della proposta di legge regionale di iniziativa del Consiglio Comunale di Padova, “per lo studio di fattibilità e progetto preliminare del completamento del canale Padova-Venezia ai fini della salvaguardia idraulica del territorio padovano”. Proposta che contiene sia il dimensionamento richiesto per il "canale Padova – Venezia" (350-400 mc/sec), sia la sottolineatura della valenza ambientale e paesaggistica che il canale dovrà avere.Legambiente auspica che il Consiglio si impegni a presentarla quanto prima con apposita delibera.

 

Legambiente Padova 0498561212

Rispondi
Inoltra