ROAD PRICING PREMATURE LE POLEMICHE
Dopo studio di fattibilità si apra una vera discussione

“Le polemiche di questi giorni sulla possibilità di realizzare una sorta di ecopass all’interno dell’anello delle tangenziali a Padova sono quanto meno premature e fuori luogo”. A dichiararlo è Lucio Passi, portavoce di Legambiente Padova, che continua – “Lo studio di prefattibilità di un sistema di road pricing a Padova, sollecitato da Legambiente ad APS, ha lo scopo di acquisire i dati per aprire finalmente una discussione, basata su dati certi, su come cambiare l’attuale modello di mobilità urbana, che con tutta evidenza è una necessità improrogabile.”

“La nostra posizione è nota- continua Passi.- ma non è un dogma: è un punto di partenza per la discussione. Legambiente pensa che a Padova si debba adottare un sistema misto di crediti e tiket per ridurre gli accessi alla città, che sono circa 300 mila al giorno. Pensiamo ad un monte-accessi gratuiti alla città, superato il quale l’automobilista dovrà scegliere se usare mezzi sostenibili (bicicletta, trasporto pubblico, carpooling, carsharing ecc.) o comprare nuovi accessi, che finanzieranno il potenziamento della rete dei trasporti alternativi, a partire da quello pubblico. Come a Milano dove a fronte di 7 milioni di spese di gestione sono stati incassati 23 milioni che sono andati a finanziare il trasporto pubblico, sicurezza stradale e ciclabilità. Lo ripeto, Legambiente non vuole imporre niente a nessuno: sarà lo studio a darci i dati iniziali per capire pro e contro di una simile proposta, e poi chiediamo che finalmente si apra, dopo anni di congestionamento e smog, una discussione approfondita tra amministrazione, categorie economiche, sindacati, associazioni, comitati, cittadini, forze politiche, su come ridurre il traffico urbano Chiediamo a tutti di affrontare seriamente e responsabilmente la questione: venti anni fa, secondo alcuni, Tram e pedonalizzazione del centro avrebbero comportato la morte della città: non è stato così, anzi.”

Lo studio di prefattibilità verrà sviluppato nei seguenti passaggi:

· ricostruzione, sulla base delle informazioni disponibili, delle principale variabili

(numero di residenti, numero di addetti, attività commerciali, numero posti auto su suolo pubblico e in struttura, flussi veicolari suddivisi per moto/auto/furgoni, ..);

· analisi territoriale e dell’assetto della rete viaria nell’area area all’interno dell’anello delle tangenziali;

· analisi dell’efficacia delle attuali misure di riduzione (ZTL e tariffazione della sosta);

· ipotesi (anche per alternative) di estensione e delimitazione di un’area di applicazione della Congestion charge, dei livelli tariffari applicabili e dei criteri di

esenzione/facilitazione;

· valutazioni preliminari di sostenibilità finanziaria del sistema, di riduzione dei livelli di inquinamento e di impatto sul trasporto pubblico.