Trasporto pubblico regionale e orario cadenzato Responsabilità della Regione Veneto

Legambiente e i Comitati Pendolari si rivolgono alla Procura della Repubblica di Venezia per salvare il trasporto pubblico ferroviario.

Con questo esposto i rappresentanti dei pendolari chiedono di chiarire se sia stato effettivamente rispettato il diritto alla mobilità dei cittadini veneti e di far luce sull’entità e sull’allocazione delle risorse stanziate: “i fondi del TPL utilizzati dalla Regione Veneto per pagare il servizio cadenzato – spiegano – provengono esclusivamente da trasferimenti statali e devono quindi essere impiegati per coprire il servizio universale, tutelando quindi anche le fasce più deboli, ora fortemente penalizzate”, spiega Andrea Ragona Presidente di Legambiente Padova.

Inutili le proposte di modifica e integrazione che abbiamo presentato alla Regione e inutili anche le richieste di incontro con l’Assessore Regionale Renato Chisso – affermano i rappresentati dei Comitati e dell’Associazione ambientalista. –  Ancora una volta i cittadini non trovano risposte dall’Amministrazione Regionale. Per questo abbiamo presentato un esposto alla Procura della Repubblica, allegando una cronistoria di quanto avvenuto in questi ultimi mesi”.

Disservizi per le fasce più deboli, insensati tagli nei giorni festivi, maggiore confusione sulle tipologie di servizio… Centinaia di utenti costretti ad utilizzare mezzi propri con conseguente aumento dei costi per i singoli, senza parlare dell’aumento delle emissioni di gas climalteranti dovuto all’aumento dei veicoli circolanti.

“A parità di spesa – affermano – si sarebbe potuto tutelare il diritto alla mobilità di tutte le fasce più deboli e disagiate, ovvero i lavoratori turnisti, che vengono pesantemente danneggiate dal nuovo orario. A ciò si aggiunge la scelta assurda di ridurre fortemente i collegamenti su Venezia nelle giornate di sabato e festivi e l’assoluta mancanza di integrazione tra i vari vettori, ferro – gomma”.

La richiesta di Legambiente e dei Comitati è semplice: La Regione Veneto deve mettersi alla pari delle altre regioni del nord, investendo nel Pubblico Locale: il rapporto Pendolaria di Legambiente dimostra come il Veneto spenda solo lo 0,31 del bilancio regionale contro l’ 1,19 della Lombardia o lo 0,76 del Friuli. “E nonostante i continui disservizi e gli scarsi investimenti, il numero dei pendolari è aumentato di circa 10.000 unità tra il 2012 e il 2013, da 150.000 a oltre 160.000 – chiosa Ragona. Ora vogliamo essere certi che nel nuovo bilancio regionale, in discussione in questi giorni, vengano stanziate adeguate risorse per rispondere alle esigenze di tutti questi cittadini”

Con l’occasione i rappresentati di Legambiente e dei Comitati annunciano che sabato 15 Febbraio sono convocati gli “Stati Generali dei Pendolari Veneti”: dalle ore 10.00 alle ore 14.00, presso la sala San Leonardo, Cannaregio, Venezia (Strada Nuova, 10 min a piedi dalla stazione ferroviaria) i pendolari veneti del ferro e della gomma sono invitati a costituire una forma unica di rappresentanza che rafforzi un movimento importante ma frammentato, unire le singole richieste territoriali per costituire un documento unico per gli investimenti ed i diritti dei pendolari al fine di ottenere dalla Regione Veneto il dovuto riconoscimento e l’immediata costituzione del tavolo per la Mobilità. L’appuntamento sarà accompagnato da un presidio sul piazzale della stazione di Venezia S.L.