NOVITA’ DAL BLOG TEMIPERDUTI.ORG
Interviente sulla mobilità a Padova Paolo Tollio, Segretario Generale FILT-CGIL

Ho aderito all´iniziativa dei firmatari dei "Temi Perduti" con la speranza di rilanciare il programma elettorale di Zanonato, non certamente perché animato da uno spirito massimalista e masochista come qualcuno invece ha affermato.

Ovviamente intervengo sul tema della mobilità, che da almeno un decennio risulta essere la questione che maggiormente interessa e preoccupa i cittadini padovani, sia per il tempo sprecato sulla strada, ma ancor più per la gravità dell´inquinamento. A scanso di equivoci, lo faccio ricordando le cose positive fatte da questa Amministrazione Comunale per combattere l´inquinamento e il traffico: targhe alterne, ampliamento delle ZTL, raddoppio dei bus a metano, uso del biodiesel per i rimanenti autobus, aumento delle piste ciclabili, contributo di 600.000 € per portare tutte le frequenze degli autobus entro i 15 minuti, variante urbanistica e acquisto del terreno per realizzare il deposito del tram alla Guizza, varianti risolutive per risolvere le criticità progettuali del tram e consentirne il definitivo avvio. Cose importanti che tuttavia si scontrano con altre scelte che invece favoriscono la mobilità privata e non consentono di realizzare neppure in minima parte l´obiettivo contenuto nel programma elettorale di Zanonato, di ridurre quel 70% di mobilità padovana, che si muove ogni giorno con l´auto. Dieci anni fa si diceva che bisognava completare l´anello delle tangenziali e solo dopo si sarebbe potuto intervenire per ridurre il traffico in città. Ora invece, nonostante le tangenziali siano state completate, questa A.C. continua a spendere la maggioranza delle risorse pubbliche ancora sulla viabilità. Non credo che si possa dire che si vuole ridurre il traffico privato finchè si costruiscono opere stradali quali il cavalcavia Dalmazia-Ponte Verde- strada alternativa della Guizza, Arco di Giano e parcheggi in centro come Prato della Valle, PP1-Viale Mazzini, Cledca, Stazione Pontecorvo. Peggio ancora considero l´adesione convinta di Zanonato all´Orbitale/GRA. Come trovo strano che l´A.C. abbia proseguito acriticamente i lavori per il tram, dando l´impressione di affidarsi completamente per risolvere le criticità della mobilità cittadina. Tutto ciò nonostante le tante criticità  evidenziate dalla commissione Zan  e le altre che si sono aggiunte in questo periodo. Senza valutare adeguatamente i rischi di avviamento di un prototipo concettualmente diverso, e soprattutto la sua scarsa capacità di carico che impedisce una vera riorganizzazione del trasporto cittadino. Metrotram a parte non è stata presa nessuna altra decisione al fine di migliorare la mobilità padovana e quelle collettiva in particolare. Il resto del trasporto pubblico è stato dimenticato! Dov´è finita l´ambizione di incrementare il trasporto pubblico, di realizzare i parcheggi scambiatori, di rafforzare i sistemi di intermodalità, l´integrazione tariffaria adottando il biglietto unico almeno per l´area cittadina e dei comuni di cintura ? E quello di migliorare la velocità commerciale degli autobus, riducendo il traffico privato e realizzando altre corsie preferenziali? E´ anche per questo che nonostante gli interventi a favore del trasporto pubblico, per l´utenza non è cambiato nulla. Non basta mettere gli autobus più belli per convincere la gente a prenderli. A mio avviso la realizzazione di una mobilità sostenibile a Padova richiede altre decisioni  in queste direzioni:

 

1.     la revisione della rete, (collegare i quartieri attualmente sprovvisti con gli ospedali/centro, creare linee di forza, creare un luogo di intermodalità speculare alla Stazione in Prato Valle)
2.     biglietti e abbonamenti unificati (almeno per Padova e comuni di cintura)
3.     attivazione parcheggi periferici di interscambio e linee veloci di collegamento con FS/centro
4.     più corsie preferenziali per gli autobus che resteranno, anche dopo l´avvio del tram, la modalità di trasporto pubblico utilizzato dalla stragrande maggioranza di utenti
5.     miglior utilizzo della rete ferroviaria istituendo fermate dei treni all´aereoporto, Abano, Montà ecc.
6.     integrazione delle linee APS e Sita e avvio di una intermodalità diffusa.
7.     adottare collegamenti urbani con tutti i comuni di cintura, e maggiore attenzione alle esigenze dei turisti e delle Terme.

I temi della mobilità sono complicati da risolvere, ma gli studi condotti in questi anni hanno indicato delle strade. Io vorrei che su quelle ipotesi si riprendesse a camminare con più forza. Infine c´è un´altra questione che mi delude. L´Aps Holding è un´azienda di proprietà del comune. Da due anni è cambiato il C. di A. ma questo non si percepisce. Da due anni chiediamo  che si faccia un Piano Industriale e che si indichino gli obiettivi da perseguire. Inutilmente!

Inoltre anche altre entità economiche in cui il comune è presente (Magazzini Generali-interporto-ZIP-Mercato Ortofrutticolo APS/ACEGAS) ci sarebbe bisogno di più coordinamento e più confronto per evitare che anche in luoghi dove il pubblico è presente si manifestino forme di sfruttamento e di precarietà del lavoro (subappalti, lavoro irregolare, presenza di cooperative che non rispettano i contratti). Anche se questo non può essere direttamente ricondotto alla responsabilità dell´A.C. mi aspettavo che il ricambio politico dell´Amministrazione Comunale aiutasse a migliorare quelle realtà. Spero che nei prossimi due anni si possa realizzare in queste realtà una democrazia economica più efficace. Io lavorerò per questo, sperando di trovare più disponibilità da questa A.C..